Marvel Database
Advertisement
Marvel Database





Quote1.png Allenare alla lotta per la vita e la morte in termini che escono direttamente dal libro di giochi del giorno della gloria... è tutto un mucchio di fumo e specchi... una copertura per la paura. Perché quando si tratta di essere un eroe... quando si tratta di aiutare le persone... sono terrorizzato da quello che succede quando fallisco. Quote2.png
-- Flash Thompson src 

Primi anni

Eugene "Flash" Thompson era un compagno di classe di Peter Parker. Flash è cresciuto a Forest Hills, Queens, New York. Viveva a pochi isolati dalla casa di Peter. Visse con suo padre Harrison Thompson, un ufficiale di polizia della New York Police Department, sua madre Rosie Thompson e la sua sorellina Jesse. Flash fu abusato fisicamente da suo padre alcolizzato, portandolo a sviluppare una natura violenta e prepotente.[15]

Midtown High School

Come Peter Parker, Flash frequentò la Midtown High School, dove fece il prepotente con Peter ogni giorno.[16] Il bullismo continuò a lungo anche dopo che Peter guadagnò i suoi poteri da ragno, che non usò mai contro Flash. L'unica eccezione fu una partita di boxe tra i due nella palestra della scuola, dove Peter eluse i pugni di Flash con i suoi riflessi e lo mise KO con un singolo pugno. Tuttavia, ciò venne trasmesso come un incidente e ogni sospetto che Parker in realtà fosse Spider-Man fu sviato su Flash stesso a causa di eventi che coinvolsero il Cervello vivente.[17] Dopo quest'avventura, Flash smise col bullismo fisico, anche se continuò a schernire Peter.[18]

L'ampia cerchia di amici di Flash includeva Brian "Tiny" McKeever, Jason Ionello, Seymour O'Reilly, Charlie e numerose ammiratrici come Sally Avril ed Liz Allan; quest'ultima fu la fidanzata stabile di Flash per qualche tempo.[16] Flash giocò come quarterback di Midtown High, dove la sua velocità sul campo gli valse il soprannome per tutta la vita di "Flash". Questo gli portò popolarità e rispetto, ma rimase comunque geloso dell'intelligenza di Peter.[19] Ironicamente, Flash divenne un ardente sostenitore di Spider-Man, nonostante l'opinione popolare contro di lui.[20] Formò persino un Fan Club di Spider-Man mentre era ancora al liceo, dove invitò tutti tranne Peter Parker a unirsi,[21] e spaventà lo staff del Daily Bugle quando cercarono di intervistare le persone sui loro motivi per odiare Spider-Man.[22]

Flash a scuola

Flash una volta provò a fare uno scherzo a Peter vestendosi con un costume da Spider-Man e tentando di spaventarlo. Prima che Flash potesse sorprendere Peter, fu rapito dal Dottor Destino, che credeva erroneamente che fosse il vero Spider-Man. Peter fu costretto a salvare il suo peggior rivale.[23]

Flash si travestì di nuovo da Spider-Man per riscattare il suo eroe che era stato visto come un codardo dopo essere scappato da uno scontro contro il Green Goblin. Flash affrontò tre ladri d'auto, sperando di attirare il vero Spider-Man, ma venne picchiato dai tre delinquenti.[24]

Per un periodo, la fidanzata di Flash, Liz Allen, venne attratta da Parker ed iniziò a snobbare Flash, definendolo un "idolo muscoloso", facendo odiare ancor di più Parker al bullo.[25] Minacciò Parker di stare alla larga da Liz,[22] ma quando Parker ebbe problemi con il preside della scuola, Mr. Davis, durante la loro lotta, Flash si prese la responsabilità dell'incidente.[26]

Empire State University

Flash si diplomò al liceo e si iscrisse alla Empire State University con una borsa di studio atletica, diventando di nuovo un compagno di classe di Peter Parker.[27] Anche se all'inizio continuò la sua rivalità con Peter, portando i suoi nuovi compagni di classe Harry Osborn e Gwen Stacy contro di lui, alla fine, divennero amici intimi, anche perché Gwen strinse amicizia con Peter e fece sì che i due seppellissero l'ascia di guerra.[28]

Esercito degli Stati Uniti

Quando Flash lasciò il college per arruolarsi nell'esercito, lui e Peter si separarono come amici. Durante il suo giro di servizio, Flash fu di stanza nel sud-est asiatico, dove inciampò in un tempio nascosto i cui residenti, in particolare la bellissima Sha Shan, tornarono in salute con un ferito Flash; tuttavia, dopo che le forze americane bombardarono erroneamente il tempio nonostante gli sforzi di Flash per proteggerlo, lasciò l'esercito per tornare in America, dove i sopravvissuti al tempio che lo avevano erroneamente incolpato per la tragedia fecero dei tentativi nella sua vita. Con l'aiuto di Spider-Man, Flash convinse i sopravvissuti al tempio della sua innocenza, e venne brevemente riunito con Sha Shan.[29]

Ritorno alla vita civile

Flash tornò alla vita civile e al college e fu uno dei tanti partecipanti che resero omaggio a Peter al funerale di Gwen Stacy.[30] Venne ferito in un incidente d'auto quando un nuovo Avvoltoio rapì Mary Jane Watson. Si avvicinò a con Liz Allen ancora una volta e andarono in crociera insieme a Peter e Mary Jane. Tuttavia, la nave da crociera fu rapita da Tarantula.[31] Vennero salvati da Spider-Man, che fece diventare Flash sospettoso della doppia vita di Parker.[32]

Quando Harry Osborn divenne il Green Goblin e scoprì la sua identità segreta, fece saltare in aria l'appartamento di Peter e rapì Flash, Mary Jane e Zia May prima di essere sconfitto da Spider-Man.[33] Quando Harry Osborn fu rilasciato, apparentemente guarito dalla follia che lo aveva fatto diventare Green Goblin, Flash lo prese come suo nuovo compagno di stanza.[34]

Più tardi, Sha Shan tornò negli Stati Uniti come Suor Sun, la riluttante sposa del leader del culto Fratello Potere, egli stesso una pedina della malvagia Man Beast. Sha Shan alla fine si rivolse a Korba e Man Beast fu contrastato dagli sforzi combinati di Spider-Man, Razorback e Flash. Korba morì in battaglia, Sha Shan divenne l'amante di Flash e visse con lui per un periodo.[35]

Hobgoblin

Col passare del tempo, Flash ebbe difficoltà a trovare il suo posto nella vita adulta, perdendo la sensazione di importanza che aveva avuto come star del football al liceo, mentre il suo rapporto con Sha Shan iniziò a peggiorare mentre si stabiliva negli Stati Uniti e divenne più indipendente.[36] Quando Sha Shan si rivolse a Peter per chiedere aiuto, Flash fraintese, approfondendo la spaccatura. Cominciò a vedere Betty Brant che era allo stesso modo estranea a suo marito, Ned Leeds, razionalizzandosi come solo due persone sole che si sostenevano a vicenda.[37] Per rappresaglia, Ned incastrò Flash come Hobgoblin,[36] e successivamente attaccò Flash mentre si nascondeva nell'appartamento di Betty.[38] Esausto e scoraggiato, Flash cercò di consegnarsi e fu quasi ucciso salvando Spider-Man da una delle nuove bombe di Hobgoblin (Macendale). Tuttavia, Spider-Man lo convinse a non arrendersi.

Flash tentò di continuare la sua relazione con Betty, ma la trovò sconvolta e negando la morte di suo marito. Quando un leader di culto approfittò di Betty nel suo stato di vulnerabilità, Flash aiutò Spider-Man a trovarla e salvarla.[39] Poiché Betty aveva dato via tutti i suoi beni al culto, Flash le diede un posto dove stare e insieme furono in grado di respingere un attacco dei demoni durante Inferno.[40] Tuttavia, la loro relazione sentimentale non durò e Flash avrebbe ammesso in seguito di non sapere cosa fare o dire con Betty dopo la morte di Ned.

Sebbene Flash si stesse ancora riprendendo dal suo incontro con Hobgoblin, Peter gli chiese di essere il migliore al suo matrimonio. Flash accettò e organizzò una festa di addio al celibato improvvisata al Coffee Bean, dove lui e Harry Osborn aiutarono a parlare di Peter attraverso alcuni dei suoi dubbi.[41]

Gatta Nera

Per vendicarsi di Peter per aver scelto Mary Jane invece che lei, Felicia Hardy iniziò a frequentare Flash Thompson, con l'intento di spezzargli il cuore,[42] ma col tempo si trovò a provare sentimenti veri per lui. Mentre lavorava come autista di ambulanze, Flash si rifiutò di lasciare che Tombstone rubasse il suo veicolo e di conseguenza fu picchiato duramente.[43] Scosso dal pensiero di perdere Flash, Felicia gli chiese sposarla. Tuttavia, Flash la respinse, ammettendo che le si era avvicinato solo perché aveva già frequentato Spider-Man. Sapeva che era sempre stata la Gatta Nera, ma era certa che alla fine lo avrebbe lasciato per tornare al suo vecchio stile di vita glamour.[44]

Un "Mondo perfetto"

Quando Mysterio tentò di divulgare l'identità di Spider-Man intrappolando tutti coloro che erano connessi con lui in un mondo illusorio, la mente di Flash si dimostrò la più forte, trasformando l'illusione in un suo "mondo perfetto" in cui Flash era un supereroe di celebrità e partner di Spider-Man.[45] Tuttavia, Peter riuscì a capire che il mondo non era reale e convinse Flash a liberarsene, nonostante il richiamo dell'illusione.[46]

Oscorp

Dopo un attacco di grave depressione, Flash si trovò ubriaco alla guida e venne gravemente ferito in un incidente d'auto.[47] Poco dopo Norman Osborn gli offrì un lavoro presso la Oscorp come suo personale aiutante per infastidire Peter, e Flash divenne fedele a Norman per avergli dato una seconda possibilità e aver cambiato la sua vita.[48] Più tardi, come parte di un piano per portare Spider- Man alla violenza omicida attaccando la sua famiglia e i suoi amici, Osborn rapì Flash (con la scusa di prenderlo da un incontro di alcolisti anonimi), gli diede da mangiare con la forza e lo fece schiantare con un camion nella Midtown High School, dove Peter lavorava.[49] Flash sopravvisse ma subì gravi danni al cervello che lo lasciarono in coma. Si risvegliò dal coma poco dopo, ma rimase in uno stato ampiamente catatonico. Liz Allen divenne la sua custode, ma non riusciva a capire come avrebbe potuto dargli l'attenzione di cui aveva bisogno dato che gestiva un'azienda e allevava suo figlio, Normie. La zia di Peter, May, ebbe l'idea di far spostare Flash nel condominio di Peter, nella convinzione che essere circondato da amici avrebbe aiutato la sua guarigione. Peter era ansioso di aiutare e iniziò a passare il tempo libero con il suo migliore amico e lentamente Flash iniziò a mostrare segni di miglioramento.

Post-Guerra Civile

Quando Flash uscì dal suo coma, aveva dimenticato molto di quello che era successo tra lui e Peter dopo il liceo.[50] Gli fu assegnato il ruolo di allenatore dal nuovo preside Roger Harrington alla Midtown High School dove Peter lavorava come insegnante. A causa della sua perdita di memoria, era confuso su come pensare a Peter ed era inizialmente riluttante a credere che 'Puny Parker' potesse davvero essere Spider-Man quando Peter rese pubblica la sua identità.[51] Tuttavia, dopo un attacco di Mysterio, si rese conto che lui e Peter erano in buoni rapporti e diventarono di nuovo amici.[52]

Mentre la "Signorina Freccia" prendeva le sembianze dell'infermiera al liceo di Peter,[53] identificò Flash come vittima ideale in quale incubare le sue uova, a causa del suo tempo trascorso in coma. Quando rifiutò le sue avance, lei lo rapì e lo trasportò sul tetto di una chiesa sconsacrata in preparazione, ma venne salvato da Spider-Man e Betty Brant prima che fosse troppo tardi.[54] Durante gli stessi eventi, lui e Betty Brant iniziarono a rivedersi.

Guerra in Iraq

Flash dopo la guerra in Iraq

Flash tornò sul campo di battaglia nella guerra in Iraq e perse le gambe dopo aver salvato il suo partner dalle forze nemiche. Il sacrificio di Flash fu abbastanza per guadagnargli una raccomandazione per la Medaglia all'Onore.[15] Tornò negli Stati Uniti e iniziò a frequentare Betty Brant.

Flash attraversò le cosiddette "fasi del dolore", fino al punto di usare pericolose procedure sperimentali per riottenere le gambe, ma sembrò venire a patti con le sue condizioni, grazie al sostegno dei suoi amici, della sua famiglia e dei suoi nuovo trainer di riabilitazione Sha Shan.[55]

Il Nuovo Venom

Flash divenne il nuovo Venom quando fu arruolato come parte del Progetto: Rinascita 2.0.[56] Flash venne legato al simbionte, recentemente acquisito dal governo degli Stati Uniti dopo l'arresto di Mac Gargan dopo l'Assedio di Asgard. Mentre era legato, Flash fu in grado di riprodurre le sue gambe ed avere poteri paragonabili a Spider-Man.

Flash testa le sue nuove abilità

Thompson venne inviato nel paese dell'Europa orientale Nrosvekistan per recuperare il Dr. Ekmecic, uno specialista nello sviluppo di armi realizzate con il Vibranio antartico. Durante la sua missione, incontrò il nuovo Jack O'Lantern, che stava anche cercando di recuperare il Dr. Ekmecic per il suo capo, il nuovo Signore del Crimine. Nessuno dei due fu in grado di recuperare Ekmecic, ma l'incontro rese Venom e Jack O'Lantern nemici di lunga data.[2]

Successivamente venne inviato nella Terra Selvaggia per distruggere la spedizione di Vibranio antartico del Signore del Crimine. Venom fu attaccato da Kraven il Cacciatore, che credeva che l'ombra del ragno sarebbe stata in grado di porre fine alla sua maledizione. Dopo aver appreso che il suo avversario era handicappato, Kraven rimase oltraggiato e tentò di uccidere Flash per placare il suo onore, ma venne portato via da uno sciame di pipistrelli giganti. Flash fu separato dal simbionte dai pipistrelli,[2] che portarono il Signore del Crimine a conoscere l'identità di Venom. Tuttavia, il simbionte tornò a Flash con sua grande sorpresa, assicurandolo che non lo avrebbe abbandonato e ricordandogli che avevano ancora una missione da completare. Alla fine, Venom prese il controllo dell'elicottero contenente la spedizione di Vibranio, ma fu costretto a consegnarlo al Signore del Crimine quando quest'ultimo usò la sua conoscenza dell'identità di Venom per tenere in ostaggio Betty Brant, la sua fidanzata di vecchia data. In cambio, il Signore del Crimine disse a Venom dove era tenuta Betty, ma Spider-Man, che stava anch'esso cercando di salvare Betty, lo scambiò per il nemico, iniziando una battaglia.[57] Dopo la loro breve lotta, continuarono la ricerca di Betty insieme, ma non appena Venom arrivò nel magazzino in cui era tenuta la ragazza, esso esplose. Ritornato al quartier generale del Progetto Rinascita, mentì al suo superiore sul Signore del Crimine scoprendo la sua identità in un momento in cui perse il controllo del simbionte in modo che non glielo levassero.[57]

A casa, Flash apprese che suo padre aveva la cirrosi epatica e non avrebbe vissuto ancora per molto.[58]

Venom Vol 2 4 Textless.jpg

Spider-Island

Tutta Manhattan in seguito cedette a un virus che conferì poteri da ragno ai newyorkesi. Progetto Rinascita inviò Venom per fermare il Re-Ragno dal violare la quarantena e infettare gli altri. Dopo averlo sconfitto e aver portato il Re-Ragno al quartier generale, Venom fu inviato a infiltrarsi nel quartier generale dei loro nemici. Lì apprese che Anti-Venom era in grado di curare i newyorkesi infetti e lo portò alla Horizon Labs per sintetizzare una cura. Successivamente, Flash fu in grado di visitare suo padre in ospedale proprio prima che morisse.[58]

Di nuovo in azione, Venom tentò di uccidere Regina, la responsabile dell'infestazione da potere ragno, con l'aiuto di Steve Rogers.[59] Venom pugnalò la regina con lo scudo di Rogers, ma essa si trasformò in un ragno gigante. Altri eroi vennero per combattere la Regina, ma fu Kaine a sferrare il colpo mortale mentre Spider-Man distribuì la cura in tutta la città con l'aiuto degli Octobot del Dottor Octopus.[60] All'indomani dell'infestazione, Venom combatté contro Hijacker, che sfruttò la confusione per commettere una serie di rapine in banca uccidendo diversi civili innocenti; Thompson uccise il malvagio con rabbia.[61]

Rogue Venom

Jack O'Lantern si presentò al funerale del padre di Flash e fu portato al quartier generale del Signore del crimine. Ora che sapeva chi era Flash, lo costrinse ad andare in missione per lui a Las Vegas, minacciando di uccidere Betty e la sua famiglia se non l'avesse fatto. A peggiorare le cose, Capitan America chiuse il Progetto Rinascita e cercò di confiscare il simbionte da Flash. Scappò per andare a completare la missione di Jack O'Lantern. Nel frattempo, Capitan America inviò Hulk Rosso per far rintracciare Venom.[62]

Jack diede istruzioni a Flash di entrare in un casinò chiamato The Devil's Den, dove il simbionte Venom avrebbe fatto il resto. Totalmente controllato dal suo istinto, Venom irruppe in un laboratorio segreto nel casinò, dove era contenuto il simbionte Toxin. Venom cercò di ucciderlo, ma Jack O'Lantern lo mise in un contenitore e volò via con esso.[62]

Venom, Hulk Rosso, X-23 e Ghost Rider.

Il Circolo dei Quattro

Flash ruppe con Betty in modo che potesse essere al sicuro e iniziò a bere di nuovo. Alla fine, Hulk Rosso seguì Flash fino a Las Vegas in modo da poter prendere il simbionte e portarlo al tribunale marziale.[63]

Nel mezzo del loro combattimento, Blackheart creò un portale che portò l'Inferno sulla Terra, ma Johnny Blaze lo fermò dal diffondersi oltre Las Vegas. Venom e Hulk Rosso combatterono a fianco di X-23 e del nuovo Ghost Rider per sconfiggere Blackheart. Lungo la strada combatterono le loro Antitesi, gli opposti polari di se stessi creati con uno specchio magico, che li uccisero.[64]

Il loro passato oscuro li portò all'inferno, dove Mefisto si offrì di rimandarli sulla Terra se avessero accettato di aiutarlo in un secondo momento. I quattro accettarono e sfidarono di nuovo Blackheart.[65] Il simbionte prese brevemente il controllo di Flash nel tentativo di impadronirsi dello Spirito della Vendetta, ma fu fermato da Blackheart. Venom e Ghost Rider consegnarono i loro poteri a Hulk Rosso, dandogli la forza per sconfiggere Blackheart.[66]

Poco dopo, Capitan America e i Vendicatori Segreti arrivarono ​​per portare via Venom, ma le sue azioni eroiche convinsero Cap a dargli una possibilità e lo ha accolse in squadra. Daimon nel frattempo notò che Flash, Hulk Rosso e X-23 erano stati contrassegnati con i Marchi Infernali, pentagrammi invisibili sul petto, che indicavano il loro patto con Mefisto.[66]

Con i Vendicatori Segreti

L'ingresso nei Vendicatori Segreti

Tuttavia, Rogers voleva che Thompson fosse di stanza presso la Stazione Lighthouse e utilizzasse il simbionte in brevi periodi di tempo, unendosi ai Vendicatori Segreti insieme all'originale Torcia Umana.[67] Ma lo scetticismo di Occhio di Falco non permise a Venom di prendere parte alla nuova missione della squadra.[68] Venom partecipò alla missione a prescindere, svolgendo un ruolo fondamentale in una missione successiva, guadagnando infine la fiducia di Occhio di Falco. Nel tempo, si sviluppò una relazione segreta tra lui e la compagna di squadra Valchiria.

Il suo mandato con i Vendicatori Segreti lo portò in conflitto con l'omicida Carnage quando provò a conquistare la città di Doverton, Colorado.

Sconfitto dai Selvaggi Sei

La sfida dei Selvaggi Sei

Quando il Signore del Crimine raccolse altri quattro criminali per formare una squadra chiamata Selvaggi Sei, Venom si intrufolò nel suo quartier generale e cercò di ucciderlo. Eddie Brock interferì nel tentativo di uccidere Thompson, il che rovinò il piano di Flash.[67] Prima di fuggire dai cinque cattivi, il Signore dichiarò che avrebbe ucciso i suoi cari. Eddie Brock fu eliminato durante la battaglia e fu costretto dal Signore del Crimine a diventare il nuovo Toxin e completare i Selvaggi Sei.[7]

Flash iniziò a cercare Betty e la trovò a parlare con Jack O'Lantern, che la proteggeva da lui, insieme a Megatak e Toxin. Sapendo che poteva esserci un modo per fidarsi di lui, Venom rivelò la sua identità a Betty.[69] I Selvaggi Sei attaccarono poi Flash e Betty a casa dei suoi genitori. Flash si impegnò quindi nel suo ultimo combattimento contro i Selvaggi Sei, provocando la morte di Death Adder e Toxin, che Venom tentò di salvare.[70] Vide poi il Signore del Crimine rivelare la sua identità a Betty e Venom come il fratello di Betty e rimase scioccato quando Betty gli sparò e lo uccise. Più tardi combatté Jack O 'Lantern e lo portò al Raft.[71]

Incontro infernale

Mentre esaminava le attività del Dipartimento degli armamenti occulti, Flash fu messo fuori combattimento da Daimon Hellstrom, che gli impiantò un demone per trasformare il simbionte in uno dei suoi Mostri del Male. Flash fu in grado di soggiogare il demone e i Mostri del Male usando il Marchio Infernale, arrestando Hellstrom. Cercò di ottenere il demone, che implorò di essere rimosso dal suo corpo, esorcizzato, ma non fu in grado di rimuoverlo a causa della presenza del Marchio.[72]

Minimum Carnage

Flash inseguì il serial killer in fuga Carnage in un centro di ricerca della NASA, dove il criminale usò un trasporto interdimensionale chiamato Fossa di Prometeo con l'aiuto di esseri del Microverso per essere trasportato lì. Il Ragno Rosso, che stava seguendo le orme di Carnage, si unì a Venom nella ricerca di Kasady, e furono trasportati nel Microverso dalla Fossa di Prometeo.[73]

Venom e Ragno Rosso contro Carnage

Entrambi furono separati una volta passati attraverso la Fossa, dove Venom fu trovato dalla Forza Enigma, che avevano bisogno dell'aiuto di Venom per opporsi al Marchese Radu, il leader degli alleati di Carnage,[73] e portò Carnage fuori dal Microverso, perché il suo simbionte (così come quello di Venom) stava corrompendo l'ambiente.[73] Entrambi furono attaccati e sottomessi dalle forze del Marchese Radu.[74]

Venom fu portato alla base del Marchese Radu insieme a Carnage, al fine di replicare i loro simbionti e creare un esercito che potesse fargli controllare il Microverso. Ma Carnage riuscì a prendere il controllo dell'esercito simbionte e lo usò per fuggire nell'universo normale,[74] dove fu infine sconfitto dagli sforzi combinati di Venom e Ragno Rosso, e un'arma speciale datagli dalla Forza Enigma. Dopo essere stato punto dal Ragno Rosso, Cletus curò le sue ferite, ma venne lasciato in uno stato catatonico, il che significava che il simbionte aveva ora il pieno controllo del suo corpo, anche se fu messo di nuovo in custodia e sedato.[75]

Filadelfia

Dopo aver affrontato gli U-Foes,[76] Flash salutò New York e si trasferì a Filadelfia,[8] non sapendo che Eddie Brock era sopravvissuto alle fiamme e lo stava rintracciando.[77]

Flash ricevette un lavoro come assistente allenatore di ginnastica alla West Philadelphia High School e divenne anche 'l'Uomo Ragno di Philly'.[78] Quando cercò di catturare una vittima di uno degli esperimenti di Vector con ibridi di macchine aliene, Venom venne affrontato da Toxin, che uccise l'ibrido.[79] Usando un sedativo che stava risparmiando per il suo simbionte, Flash riuscì a disabilitare Brock, che lasciò la scena promettendo presto un nuovo incontro.[80] Toxin rintracciò Flash al liceo, volendo affrontarlo, ma la creatura uccisa da Toxin riuscì a generare e infettare nuove persone, persone che ora stavano cercando sia Toxin che Venom, i loro nuovi nemici naturali. Per salvare vite innocenti, Flash convinse Brock a fare squadra temporaneamente e sconfiggere i mostri, che alla fine furono uccisi. Rendendosi conto che stava facendo del bene con Venom, Brock offrì a Flash un accordo, lo avrebbe lasciato vivere finché avesse avuto il controllo sul simbionte.[81]

Mania

Per salvare Andi Benton, uno dei suoi studenti, dall'essere uccisa da Jack O'Lantern, Flash le diede una parte del simbionte, che misteriosamente si legò ad Andi più velocemente di quanto avrebbe potuto legarsi a qualsiasi altro ospite e la trasformò in Mania.[82] Andi attaccò brutalmente Jack O'Lantern, ma dopo aver rimosso la sua maschera, Venom si rese conto che in realtà era un impostore a cui il vero Jack O'Lantern aveva fatto il lavaggio del cervello per sostituirlo mentre era in prigione. Dopo una furiosa battaglia in cui intervennero numerosi supercriminali in cerca di Venom, Mania iniziò a soffocare il falso Jack con il simbionte, ma Venom la convinse a non oltrepassare quella linea.

Andi si trasferì con sua zia a Jenkintown anche se rimase in contatto con Flash, che le permise di avere il simbionte, che misteriosamente si legò ad Andi più velocemente di quanto avrebbe potuto legarsi a qualsiasi altro ospite.[83] Dopo aver affrontato il DOA ancora una volta quando loro, alleati con Crossbones, cercarono di ottenere il Marchio Infernale del simbionte Venom che aveva acquisito durante la lotta contro Blackheart a Las Vegas, Flash scoprì che il simbionte che era attaccato a Mania era il clone del simbionte che venne espulso dal simbionte originale per rimuovere il demone piantato in lui da Hellstrom. Flash promise che avrebbe aiutato Andi a rimuovere il Marchio Infernale ad ogni costo.[84]

Thunderbolts

In seguito agli eventi della Guerra della Fenice, Flash fu reclutato dal Generale Thaddeus Ross per unirsi alla sua squadra di Thunderbolts.[85] Tuttavia, i metodi violenti del gruppo, che permisero al simbionte di influenzarlo nel mangiare le persone,[86] lo disillusero. Flash decise di lasciare la squadra, ma non prima di aver testato la loro capacità di abbatterlo se avesse perso il controllo permettendo volontariamente al simbionte di prendere il sopravvento. Mentre il simbionte sopraffece facilmente i Thunderbolts individualmente, loro furono in grado di lavorare insieme per sottometterlo.[87]

Venom Superiore

Venom tornò temporaneamente a New York City per indagare sull'avvistamento degli scagnozzi del Signore del Crimine. Ebbe un incontro con l'Uomo Ragno, all'epoca Otto Octavius nel corpo di Peter Parker, ma riuscì a fuggire da lui e dai suoi Spiderlings.[88] Come Flash, cercò l'aiuto di 'Peter' per dargli un posto dove stare. Octavius in seguito convinse Flash a permettergli di eseguire una procedura che gli avrebbe dato degli impianti per le gambe robotiche, anche se durante la procedura rimosse con forza il simbionte da Flash. Il simbionte fuggì e si riallacciò al suo 'vecchio' ospite, ma comunicò che l'Uomo Ragno 'aveva un sapore' sbagliato. Flash tentò di richiamare a lui il simbionte, ma venne ostacolato anche con l'assistenza di Cardiac.[88]

Flash recupera il simbionte

Sajani Jaffrey delle Industrie Parker scoprì che i farmaci usati per sopprimere il simbionte e mantenere il controllo di Flash avevano reso il suo corpo dipendente dal simbionte per sopravvivere e sarebbe morto senza di esso, ispirandolo a tornare in azione e trovare l'Uomo Ragno.[88] Quando i Vendicatori decisero di affrontare l'Uomo Ragno dopo che iniziò a mostrare un comportamento più violento, Flash, vestito con una Armatura di Iron Man, li aiutò a sconfiggere l'Uomo Ragno. Flash convinse anche il simbionte a tornare da lui, diventando ancora una volta Venom. Alla Torre dei Vendicatori, la Vedova Nera chiese a Flash se poteva accedere ai ricordi del simbionte quando era temporaneamente legato a l'Uomo Ragno, ma quando ci provò, Flash disse ai Vendicatori che non stava ottenendo un risultato conclusivo. Dopo essere stato consigliato da Capitan America di stare lontano dall'Uomo Ragno, Flash partì per sistemare le cose a Filadelfia, soddisfatto che i Vendicatori fossero sul caso. Ottenne anche l'appartenenza onoraria alla squadra.[89]

Guardiani della Galassia

Cercando di mantenere una connessione con i Guardiani della Galassia, i Vendicatori hanno inserirono Flash nella suddetta squadra come loro nuovo inviato.[90] Flash fece presto amicizia con Drax il Distruttore, che gli consigliò di scambiare il suo Multi-Gun con armi aliene più potenti, anche se il trafficante d'armi inizialmente Wrapje si rifiutò di commerciare a causa di Flash che possiedeva un simbionte.[91] Assumendo un nuovo aspetto, Flash fu successivamente rapito dagli Skrull, che lo separarono dal simbionte e cercarono di prenderlo per loro stessi. Flash recuperò il simbionte e fuggì dalla loro nave, ma decise di non tornare nella squadra.[92] Mentre si nascondeva in un bar, Flash sentì per caso un Kree ubriaco che si lamentava di essere stato sulla Terra e averlo affrontato in un vicolo esterno, chiedendo di essere portato lì. Quando il Kree cercò di attaccarlo, Flash si trasformò in una versione mostruosa e alata di Venom e uccise il Kree quando ammise di aver bluffato sull'essere stato sulla Terra. Flash tornò alla concessionaria di Wrapje chiedendo di saperne di più sul simbionte. Gamora entrò e il simbionte prese il controllo di Flash, attaccandola fino a quando non fu sottomessa dagli altri Guardiani e messo in contenimento. Flash si scusò per la sua perdita di controllo sulla creatura e chiese di essere riportato sulla Terra. Mentre Flash riposava, i Guardiani discutevano sul lancio del simbionte nello spazio profondo, ma si liberò dal suo contenitore e prese il controllo di Groot.[93] Flash rimase in coma durante la successiva furia del simbionte, perdendo la possibilità di riallacciarsi a lui per prendere il controllo di Rocket Raccoon e in seguito di Drax.[94]

Con i Guardiani della Galassia

Dopo aver usato Drax per sconfiggere il resto dei Guardiani, il simbionte usò la nave per raggiungere il Pianeta dei Simbionti. Il simbionte Venom si separò da Drax e si unì alla sua specie, che sembrava essere innocua. Dopo aver deciso di tentare di comunicare con i simbionti, Flash e i Guardiani appresero la vera origine di questi alieni. I simbionti, o Klyntar (come preferivano essere chiamati), erano una razza di creature pacifiche il cui obiettivo era usare la simbiosi con altri esseri per creare un ordine di nobili guerrieri per mantenere la pace attraverso il Cosmo. Tuttavia, l'ospite doveva essere una perfetta miscela di ideali morali e fisici; in caso contrario, la simbiosi risultante avrebbe corrotto sia il Klyntar che l'ospite. Eventi come questo causarono la deposizione delle uova dei simbionti assassini per i quali i Klyntar sono noti, come Venom e Carnage. Una volta che il simbionte Venom ritornò nello spazio, i Klyntar riuscirono a riconnettersi come un collettivo ad esso, facendolo agire in modo irrazionale, ma alla fine riuscendo a riunirsi con la loro specie. La riunione risolse la corruzione nel simbionte Venom, che si ricollegò a Flash, creando un Agente Venom più potente che venne introdotto negli Agenti del Cosmo.[95]

Agenti del Cosmo

Contemporaneamente alle sue avventure con i Guardiani della Galassia, Flash e il simbionte Venom iniziarono a viaggiare verso pianeti che sentivano essere in difficoltà, come salvare una famiglia di alieni dai contrabbandieri,[9] e dispositivi disabilitanti che stavano distruggendo gli ecosistemi di vari pianeti. In tal modo acquisì un robot suicida, 803, e conquistò gli affetti della regina del Wugin, Iqa, ma guadagnò l'animosità del pirata spaziale Gramosiano e signore della guerra Mercurio, che era dietro le macchine che distruggevano l'ecosistema. Fu contattato da Tarna e Myntril, rappresentanti degli Agenti del Cosmo, che gli spiegarono quali erano i suoi nuovi compiti: rispondere alla voce del Cosmo e difendere coloro che avevano bisogno di aiuto, e scoprì che il simbionte Venom aveva sviluppato la capacità di manifestarsi in forma umanoide senza un ospite.[9]

Venom: Agente del Cosmo

Mercurio, irritato da Venom per aver interferito con i suoi piani e bramando il simbionte Venom, inviò il guerriero Ruu'lto Pik Rollo al suo inseguimento, ma Venom la convinse a rivoltarsi contro Mercurio per salvare sua figlia, Hilla.[9] Venom e Pik Rollo attaccarono la base di Mercurio e furono facilmente sconfitti, con Mercurio che prese il simbionte Venom.[9] Questo si rivelò uno stratagemma da parte di Flash e del simbionte, facendo guadagnare tempo all'803 per radunare i suoi alleati e attaccare la base di Mercurio. Pik si riunì con sua figlia e Flash reclamò il simbionte, ma il suo breve periodo legato a Mercurio annullò la purificazione della mente dell'alveare Klyntar, facendolo infine ricadere nel suo vecchio stato pieno di rabbia e scatenarsi sui pianeti in cui aveva aiutato per inimicarsi Flash.[96] Fortunatamente, Flash riuscì a sottomettere il simbionte e lo portò sul pianeta natale dei Klyntar, credendo che ci fosse ancora una possibilità per la sua redenzione.[97]

Durante il processo al simbionte, si scoprì che aveva ceduto alla rabbia di nuovo perché la pulizia originale era incompleta a causa dell'aver staccato Mania, che era stata ulteriormente corrotta dal Marchio Infernale. Mentre l'equipaggio di Flash si offrì volontario per trovare un elisir purificatore sul pianeta Wenb, lui e il simbionte Venom si misero in viaggio per tornare sulla Terra e salvare Mania.[97]

Seconda guerra civile

Flash e alcuni dei suoi alleati intergalattici: Pik Rollo, Hilla e Iqa.

Il ritorno di Flash sulla Terra coincise con la richiesta di Capitan Marvel ai Guardiani della Galassia di aiutarla contro Iron Man durante la seconda Guerra Civile Superumana.[98] Durante il conflitto, Flash venne alle mani con Miles Morales sul fatto che quest'ultimo fosse un vero erede dell'originale Uomo Ragno, ma fu reso inabile dal colpo-velenifero di Miles.[99] Visitando brevemente sua madre al Centro Benessere Rose Manor, Flash si recò a Filadelfia e indagò sulle attività di Mania. Mentre la cercava, gli fu tesa un'imboscata dall'Uomo Ragno, che non sapeva che il simbionte Venom non era più malvagio e voleva salvare il suo amico da esso.[97] Dopo che l'equivoco fu chiarito dal simbionte, Venom e Uomo Ragno si allearono per affrontare Mania. Il suo simbionte era contenuto, ma si scoprì che il Marchio Infernale si era trasferito su Andi stessa.[97] Andi tentò di uccidere Flash e di prendere per sé sia i simbionti Mania che Venom, ma gli alleati di Flash arrivarono giusto in tempo con una parte dell'elisir per neutralizzare temporaneamente la sua malattia e riportarla in sé. Riunitosi a Mania, Venom decise di dire addio ai suoi alleati e di rimanere sulla Terra finché Andi non fosse stata adeguatamente curata.[97]

Perdere il simbionte

Portando Mania a New York, Flash riprese la sua forma di Agente Venom e iniziò a combattere il crimine insieme alla sua protetta. Tuttavia, l'Agente Venom venne attaccato dall'FBI usando un'armatura anti-simbionte specializzata. L'Agente Venom venne colpito da un raggio che lo separò dal simbionte, che ricadde nel suo stato omicida e lo abbandonò.[100] Cadendo in depressione per la perdita del suo amico e ciò che lo aveva reso un supereroe, Flash fu in grado di rinnovare la sua determinazione a salvare il simbionte da chiunque lo avesse preso.[101]

Agente Anti-Venom

Amazing Spider-Man Vol 1 792 Textless.jpg

Dopo aver appreso che a Mania avevano rubato il suo simbionte, Flash pensò che il colpevole fosse il responsabile della separazione dal simbionte Venom. Usando le tracce del simbionte Venom all'interno del suo corpo come una bussola, Flash lo seguì fino alla Torre Alchemax, dove scoprì che si era ricollegato a Eddie Brock. Flash affrontò Brock e tentò di far tornare il simbionte da lui. Mentre il simbionte stava lottando per decidere a quale ospite andare, e si agganciò a entrambi gli uomini allo stesso tempo, l'Uomo Ragno apparve sulla scena. Rovesciò una vasca di siero anti-veleno artificiale sviluppato da Alchemax su Flash ed Eddie nel tentativo di uccidere il simbionte. Invece di uccidere il simbionte, il siero trasformò la parte di esso legata a Flash in un nuovo Anti-Venom, che trasformaò Flash in una versione invertita del colore della sua forma di Agente Venom.[3] Flash fu in grado di utilizzare il simbionte Anti-Venom per rimuovere completamente il simbionte Venom da Eddie, ma non riuscì a legarsi con esso. Lasciando il simbionte nell'appartamento di Bobbi Morse per tenerlo al sicuro, Anti-Venom e Uomo Ragno si misero alla ricerca del simbionte Mania e lo rintracciarono nel nascondiglio della Gatta Nera, dove scoprirono che la banda di Felicia era stata infettata dal simbionte dal suo nuovo ospite, Maniac.[3]

Uomo Ragno e Anti-Venom furono sconfitti,[13] e Maniac cercò di bruciare vivi Flash e il suo simbionte. Furono salvati da Andi, che stava usando i poteri derivati dal Marchio Infernale per continuare a combattere senza il suo simbionte. Anti-Venom e Andi quindi rintracciarono l'Uomo Ragno, che era caduto sotto il controllo di Maniac, e cercarono di liberarlo. Vennero assistiti dalla Gatta Nera e Eddie Brock, che si erano fusi di nuovo con il simbionte Venom dopo essere fuggito dall'appartamento di Morse.[13] Gli eroi quindi seguirono Maniac a un raduno delle cinque più grandi Famiglie criminali del mondo, dove usò il suo simbionte per prendere il controllo di tutti i partecipanti. Usando armi rivestite con il siero Anti-Venom di Alchemax e il simbionte di Flash, gli eroi liberarono quelli sotto il controllo di Maniac, spingendolo a far tornare i resti del simbionte da lui per renderlo più forte.[102] Maniac inizialmente sopraffece gli eroi fino a quando la gatta Nera non notò che quelli liberati dal suo controllo da Anti-Venom svilupparono un'immunità nei suoi confronti. Uomo Ragno fece assorbire al simbionte di Flash un campione del suo sangue per assorbire le sue proprietà 'Anti-Maniac', dando a Flash la spinta necessaria per abbattere Maniac e neutralizzarlo. Con Maniac sconfitto, Flash chiamò i suoi contatti dal governo per portarlo via. Prima di sciogliere la loro alleanza, Anti-Venom diede a Brock la sua benedizione per mantenere il simbionte, sostenendo che aveva mostrato il suo eroismo quando combatteva Maniac.[102]

Invasione dei Poison

Quando si sparse la voce che i Poison stavano usando i Klyntar per attaccare i supereroi, Alchemax chiese un favore a Flash per usare le sue proprietà anti-simbionti per dare una mano. Flash inizialmente accettò, nonostante le proteste rabbiose di Venom e la preoccupazione per le vittime Klyntar, ma non fu trovata alcuna alternativa. L'agente Anti-Venom quindi accompagnò Venom e Uomo Ragno per aiutare diversi supereroi a combattere i Poison e tentarono di catturare uno dei Poison legati per privarli del loro simbionte e interrogarli. Tuttavia, quando l'agente Anti-Venom cercò di liberare il Poison Punitore dal suo simbionte, rimase inorridito quando i suoi poteri anti-veleno fecero urlare il Poison dal dolore e collassare in una pozzanghera, senza alcun segno dell'ospite umano all'interno.[103]

Nonostante le sue nuove preoccupazioni sull'uso dei suoi poteri contro i Poison e sul ferire qualsiasi essere umano innocente all'interno, l'Agente Anti-Venom venne assegnato a una delle due squadre per attaccare la Nave di Thanos in Orbita Terrestre. Dopo aver respinto un assalto all'Alchemax da parte di un gruppo di Poison, l'Agente Anti-Venom salì a bordo di un Quinjet con la sua squadra e partì per la nave dei Poison, solo che il Quinjet che fu distrutto a mezz'aria da Poison Thanos. L'agente Anti-Venom, sopravvissuto allo schianto e senza scrupoli nell'usare i suoi poteri su uno come Thanos, si lanciò in battaglia contro il Poison, ignorando i tentativi dei Poison di assimilarlo, ma fu rapidamente colpito dal potere di Poison Thanos. Mentre anche i compagni di Flash venivano abbattuti dall'ex Titano Pazzo, Kid Kaiju convocò i suoi mostri per attaccare.[103]

Sfortunatamente uno dei mostri di Kid Kaiju, Scragg, fu forzatamente legato a un symbiote durante la battaglia e consumato da un Poison, creando Poison Scragg. Riconoscendo la minaccia che una tale bestia rappresentava per New York, l'Agente Anti-Venom usò con riluttanza i suoi poteri per destabilizzare Poison Scragg e permettendogli di essere ucciso da Slizzik. L'Agente Anti-Venom quindi iniziato a curare i suoi compagni feriti e assistette alla sistematica autodistruzione dei Poison dopo la morte della loro Regina.[103]

Ascesa del Goblin Rosso e morte

Come Agente Anti-Venom, Flash ebbe una popolarità senza precedenti che superò quella dell'Uomo Ragno. Tuttavia, venne ricattato da Liz Allan - che aveva visto e distrutto il filmato del legame di Flash con il simbionte alterato - nel fornire ulteriore sicurezza alla nuova struttura di test fuori sede della sua azienda, dove stava per fare una dimostrazione sulla potenza del trizio. Flash accettò con riluttanza, preoccupato che lei lo avrebbe esposto se avesse rifiutato, e quando il Re Goblin e molti dei suoi scagnozzi attaccarono per rubare il trizio, l'Agente Anti-Venom si unì all'Uomo Ragno per cercare di fermarli, anche se a causa della partenza di Flash per curare una delle guardie il Re Goblin riuscì a fuggire con una piccola quantità.[1] Liz ricattò ancora una volta Flash per aiutarla a rintracciarlo,[104] e arrivò in un vecchio nightclub usato un tempo come nascondiglio dal Goblin. All'interno, scoprì il cadavere mutilato di Urich e J. Jonah Jameson, che lo informò che Osborn non solo era diventato di nuovo Goblin, ma si era legato al simbionte Carnage.[105]

Contattato dall'Uomo Ragno, all'Agente Anti-Venom fu chiesto di vegliare su Jameson, che usò la distrazione per sgattaiolare via.[106] Quando il Goblin Rosso ferì mortalmente la Torcia Umana, Clash, Silk e l'Uomo Ragno Ultimate, Flash scelse di sacrificare la sua opportunità di sconfiggere Osborn usando le proprietà purificanti del simbionte Anti-Venom per curare gli amici dell'Uomo Ragno, e rimase gravemente esausto a causa dell'abuso dei suoi poteri curativi. Usando le ultime energie per curare la gamba dell'Uomo Ragno,[106] Flash fu portato in ospedale, dove apprese che l'Uomo Ragno era Peter Parker da una delirante Cindy Moon, e usò l'ultimo dei suoi poteri per salvare gli amici e le persone care dell'Uomo Ragno da Carnage. Arrivato per affrontare il Goblin Rosso insieme all'Uomo Ragno - che si era legato al simbionte Venom - Flash cercò di usare le ultime energie del simbionte Anti-Venom per eliminare Osborn dal simbionte Carnage. In rappresaglia a Flash che stava rovinando i suoi piani, Osborn ferì mortalmente Flash con i suoi guanti a Raggi Scintillanti prima di essere colpito a pugni in tutta la città da un furioso Uomo Ragno Venomizzato. Flash riuscì a calmare Venom e chiese a Peter di non cedere alla rabbia per paura di corrompere il simbionte, rifiutandosi di riallacciarsi ad esso per la preoccupazione che l'Anti-Venom rimanente nel suo corpo lo avrebbe ucciso o sarebbe morto prima che potesse guarirlo, uccidendolo e privando l'Uomo Ragno del vantaggio che conferiva. Flash morì per le ferite riportate e in seguito ricevette un funerale militare con tutti gli onori.[5]

Eredità e post mortem

Nonostante abbia incontrato la sua morte per mano del Goblin Rosso, Flash ha lasciato molto indietro. Sia l'Uomo Ragno che il simbionte Venom desideravano essere all'altezza degli ideali e dell'eredità di Flash;[5][107] Come tutti i simbionti, la coscienza di Flash venne immagazzinata nella Mente-alveare Simbionte, e poiché trascorse diversi anni legato ai simbionti Venom e Anti-Venom, era in grado di vagare liberamente ma non era in grado di influenzare il mondo intorno a lui.[108] Quando il simbionte Venom divenne cerebralmente morto, cancellò i ricordi di Eddie della morte di Flash per sfuggire al suo dolore. Mentre era sotto la custodia di Creatore, Eddie si confrontò con la notizia della morte di Flash e Brock espresse la convinzione di aver preferito Flash come ospite, cosa che trovò deprimente.[109]

Il Creatore aveva acquisito un campione del sangue di Flash prelevato durante il suo periodo come Agente Venom ed estrasse i resti del simbionte che era stato lasciato nel corpo di Flash, a cui si riferiva come un codice. Dopo che il Creatore disse a Eddie che aveva intenzione di riesumare e vivisezionare il corpo di Flash per ulteriori campioni e dati, il simbionte lo attaccò per recuperare il codice. Di fronte a soldati che brandivano armi soniche,[109] il simbionte assorbì il codice, consentendo alla coscienza di Flash di legarsi al simbionte e riempire il vuoto della sua consapevolezza perduta.[108] Il simbionte adottò l'aspetto dell'agente Venom mentre era sotto il controllo di Flash, ed aiutò Eddie a fuggire. Mentre il codice sembrava bruciato, Eddie fu lasciato con un maggiore rispetto per Flash, chiamandolo 'fratello' mentre rendeva omaggio alla sua tomba.[109]

Quando l'entità demoniaca conosciuta come Kindred preparò il terreno per il suo confronto con l'Uomo Ragno, il suo obiettivo di tormento, il corpo di Flash era tra quelli degli amici morti e della famiglia di Peter dissotterrati dall'essere malvagio e posto a un tavolo da pranzo.[110]

Re in Nero e ritorno

Flash came un Drago Simbionte

All'interno della mente alveare simbionte, Flash si unì all'esercito di ex ospiti simbionti di Rex Strickland quando il dio simbionte oscuro Knull iniziò l'invasione della Terra, recuperando la sua replica del simbionte Anti-Venom. Quando Eddie Brock morì e si unì all'esercito di Rex, Flash era lì per salutarlo.[108] Quando Thor e il figlio di Eddie, Dylan iniziarono a liberare gli ospiti dai loro simbionti e a combattere Knull, apparve uno squarcio rosso - formato dai simbionti disciolti degli ospiti recentemente liberati - e Flash seguì Eddie e Rex attraverso di esso nel nucleo della Mente Alveare, il luogo in cui si trovavano prima di essere un 'purgatorio' per i codici. I tre notarono che i simbionti liberati dal controllo di Knull venivano imprigionati e formularono un piano per legarsi a loro nel modo in cui Flash aveva fatto una volta con il simbionte Venom. Nonostante le proteste di Eddie, Flash si offrì volontario per liberare i simbionti imprigionati e 'scaricarsi' in uno di loro, riconoscendo che questa era la sua missione fin dall'inizio e che anche Eddie era un eroe. Il loro piano funzionò e Flash si incarnò nel mondo dei vivi come un drago simbionte simile al suo simbionte Anti-Venom.[108] Informato da Eddie di cosa era successo quando Il cadavere di Cletus Kasady si era legato a un drago simbionte, Flash volò al cimitero dove il suo corpo era stato sepolto e si rianimò, esplodendo dalla sua tomba in una ricreazione della sua forma umana.[111]

Dopo essere tornato in vita, Flash rimase assente per un po' perché la Terra si stava riprendendo dall'invasione dei simbionti di Knull, dopo aver affrontato alcuni Guardiani Alchemax perché pensava di essere il bersaglio ma in realtà era il barista. Vedendo il terrore delle persone intorno a lui, decise di andarsene, anche se inconsapevolmente le persone avevano scattato delle foto di lui come Agente Anti-Venom con la faccia esposta.[112] Flash ottenne un lavoro per aiutare a scaricare i rifornimenti per un rifugio locale e stava aiutando un collega quando improvvisamente si trovò in un'auto guidata da un uomo con la voce di Cletus Kasady che stava cercando di reclamare il suo 'cugino' per unirsi al suo Alveare, ma fallì. Dopo essersi ripreso, quasi uccise il suo compagno Hank e fuggì inorridito per quello che stava per fare, quindi incontrò Iron Man che aveva bisogno del suo aiuto contro la minaccia dei simbionti sulla Terra dopo avergli mostrato una serie di immagini spiacevoli, e si concluse che era a causa di Cletus che pilotava il Simbionte Carnage Oscuro attraverso la Mente-Alveare e che il suo obiettivo era il Senatore Peter Krane a causa della sua crescente influenza anti-extraterrestre. Flash partecipò a uno dei raduni politici del senatore Krane quando sentì la voce di Cletus nella sua testa e molti dei suoi simbionti dell'alveare menzionare che erano intorno a lui, si trasformò in Agente Anti-Venom e fuggì dalle forze di sicurezza di Alchemax e informò Iron Man che i simbionti di Carnage erano ovunque e forse quel Krane era Carnage.[113]

Quote1.png Ho preso botte nella mia vita. Ha messo alla prova corpo e mente. Football. Papà. Campo di addestramento. Mossul. Entrambe le gambe amputate sopra il ginocchio. Un'intera vita a farmi prendere a calci nel culo a terra non può nemmeno mettersi all'altezza di queste ultime dodici ore. Quote2.png
--Venom (Flash Thompson)[src]

A seguito di abusi cronici da parte del padre violento e alcolizzato, Flash Thompson divenne un bullo durante gli anni del liceo, prendendo di mira studenti più deboli di lui, come Peter Parker, per sfogare la sua rabbia e frustrazione.[58] Desiderando l'approvazione di suo padre sopra ogni altra cosa, Flash si spinse ad eccellere nello sport, incarnando lo stereotipo dello stupido atleta.[78]

Ispirato all'eroismo disinteressato di Spider-Man, Flash alla fine prese la retta via e si unì ai militari per dimostrarsi eroe,[9] ma si vergognò, ossessionato dal suo passato da bullo.[97] Rimanendo irascibile e cadendo nell'alcolismo, Flash si disperò per i parallelismi che vide tra sé e suo padre.[58] Al momento di diventare Agente Venom, le aspirazioni di Flash di essere un supereroe si scontrarono con entrambi gli ordini dei suoi superiori militari, portandolo a diventare alla fine assente ingiustificato per proteggere la sua famiglia;[62] e con gli impulsi predatori del simbionte, che fu tenuto a bada da un soppressore chimico, a meno che Flash non si arrabbiasse troppo.[57]

Dopo essersi unito ai Vendicatori Segreti e ai Thunderbolts, Flash si rese conto di quanto fosse eccessivo il peso di essere un eroe quando il selvaggio simbionte attaccò la sua famiglia; alla fine partì per Philadelphia per proteggerli e cercare di lasciarsi alle spalle il passato. Dopo che il simbionte Venom fu ripulito, la relazione di Flash con esso iniziò di nuovo e arrivò a considerarlo suo compagno e partner, al punto che anche quando fu corrotto si sforzò di salvarlo da sé.[97]

Flash si incolpò per la morte del padre di Andrea Benton e, nonostante non abbia mai voluto bambini per paura, si sarebbe rivelato come suo padre e mentore.[84]

Thompson affondò in una profonda depressione quando fu separato da Venom. Non solo era preoccupato per il suo amico e partner, ma gli mancava anche essere un supereroe. Alla fine fu portato fuori dalla sua depressione dalla sua determinazione a riunirsi con il suo ex simbionte. Flash inizialmente rifiutò l'idea che il simbionte fosse tornato a Eddie Brock, ma imparò a rispettare Brock e ad accettarlo come ospite del simbionte dopo aver mostrato il suo lato eroico mentre combatteva Maniac.[3]

Poteri

Costume simbiotico bianco: Il simbionte Anti-Venom garantisce a Flash i seguenti poteri;

  • Forza sovrumana
  • Velocità sovrumana
  • Resistenza sovrumana
  • Durabilità sovrumana
  • Agilità sovrumana
  • Riflessi sovrumani
  • Produzione di ragnatele
  • Fattore di guarigione accelerata
  • Arrampicamento muri
  • ESP (Senso di Ragno)
  • Immunità al Senso di Ragno
  • Camuffamento adattivo
  • Produzione di materiale costituente
  • Manipolazione di materiale costituente
  • Mutaforma
  • Memoria genetica
  • Visione notturna
  • Rifiuto del simbionte esterno: Come per l'originale, il simbionte artificiale Anti-Venom è corrosivo per il simbionte Venom, nella misura in cui prolungato contatto fisico lo può uccidere. Il suo tocco uccide anche i Poison, in quanto sono una specie predatrice che prospera sulla biomassa simbiotica assimilata.[103]
  • Tocco guaritore: Il costume consente a Flash di eliminare il corpo di una persona da impurità come droghe, tossine e malattie. Tuttavia, a differenza del simbionte originale Anti-Venom, Flash può anche curare lesioni fisiche e non ha l'effetto di negazione del potere casuale.[102]

Abilità

Abile tiratore: Flash è stato addestrato come cecchino dall'esercito degli Stati Uniti.

Combattente esperto: Grazie all'addestramento come pugile e soldato, Flash è un combattente eccezionale e combina facilmente le sue abilità con l'uso dei poteri del simbionte.

Debolezze

Alcolismo: Flash era noto per avere un problema con l'alcool.


Equipaggiamento

Gambe protesiche: Una coppia di protesi che gli è stata donata da 803 per camminare da solo, senza legarsi al simbionte Venom.[9]

Trasporti

Precedentemente una motocicletta appartenuta a Capitan America.

Armi

Multi-Gun sviluppata per Agente Venom da Aaron MacKenzie.

  • Quando Flash perde il controllo del costume, il suo aspetto cambia spesso in quello del "classico" Venom di Eddie Brock, trattenendo occasionalmente gli aculei sulle spalle, le braccia e le gambe e gli occhi neri cerchiati di bianco. Altre volte gli emblemi del ragno bianco sono rimasti gli stessi o sono tornati al loro aspetto della forma Venom di Mac Gargan. Può generare due bocche dal lato del collo, sebbene lo abbia fatto solo una volta.
  • Come membro dei Thunderbolts di Hulk Rosso, Flash ricolorò le aree bianche del simbionte di rosso, facendolo assomigliare alla concept art originale di Randy Schueller.
  • Flash è il nipote dell'attrice Lea Thompson.[119]
  • Flash aveva già un file all'FBI quando era ancora al liceo, dopo aver avviato uno dei tre soli fan club dell'Uomo Ragno.[11]
  • Dan Slott ha rivelato su Twitter che Go Down Swinging sarebbe finito con l'implicazione che Flash potrebbe essere sopravvissuto all'elettrocuzione del Goblin Rosso, ma questo è stato rimosso quando gli editori hanno sottolineato che avrebbe sminuito il suo sacrificio.[120]

Scopri e Discuti

Note a piè di pagina

  1. 1,0 1,1 1,2 Amazing Spider-Man 703
  2. 2,0 2,1 2,2 Spider-Man Universe 1
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 Venom 14
  4. Amazing Spider-Man 568
  5. 5,0 5,1 5,2 Amazing Spider-Man 708
  6. 6,0 6,1 6,2 King in Black Handbook #1
  7. 7,0 7,1 Spider-Man Universe 13
  8. 8,0 8,1 Spider-Man Universe 21
  9. 9,0 9,1 9,2 9,3 9,4 9,5 9,6 9,7 Marvel Mega 99
  10. 100% Marvel 149
  11. 11,0 11,1 Spider-Man Incontra Obama
  12. L'Uomo Ragno 70
  13. 13,0 13,1 13,2 Venom 15
  14. Uomo Ragno (Corno) #5
  15. 15,0 15,1 Spiderman Incontra Obama 1
  16. 16,0 16,1 Uomo Ragno (Corno) 1
  17. Uomo Ragno (Corno) 8
  18. Uomo Ragno (Corno) 9
  19. Uomo Ragno (Corno) 2
  20. Uomo Ragno (Corno) 3
  21. Uomo Ragno (Corno) 13
  22. 22,0 22,1 Uomo Ragno (Corno) 20
  23. Uomo Ragno (Corno) 5
  24. Uomo Ragno (Corno) 15
  25. Uomo Ragno (Corno) 10
  26. Uomo Ragno (Corno) 21
  27. Uomo Ragno (Corno) 22
  28. Uomo Ragno (Corno) 33
  29. Uomo Ragno (Corno) 109
  30. Uomo Ragno (Corno) 135
  31. Uomo Ragno (Corno) 158
  32. Uomo Ragno (Corno) 159
  33. Uomo Ragno (Corno) 160
  34. Uomo Ragno (Corno) 193
  35. Amazing Spider-Man 696
  36. 36,0 36,1 Amazing Spider-Man 40
  37. Amazing Spider-Man 53
  38. Amazing Spider-Man 80
  39. Amazing Spider-Man 93
  40. Amazing Spider-Man 102
  41. Uomo Ragno Speciale 2
  42. Amazing Spider-Man 115
  43. Amazing Spider-Man 165
  44. Amazing Spider-Man 168
  45. Amazing Spider-Man 286
  46. Amazing Spider-Man 287
  47. Amazing Spider-Man 247
  48. Amazing Spider-Man 258
  49. Amazing Spider-Man 354
  50. Amazing Spider-Man 449
  51. Amazing Spider-Man 459
  52. Amazing Spider-Man 464
  53. Amazing Spider-Man 463
  54. Amazing Spider-Man 481
  55. Amazing Spider-Man 546
  56. Amazing Spider-Man 567
  57. 57,0 57,1 57,2 Spider-Man Universe 2
  58. 58,0 58,1 58,2 58,3 Spider-Man Universe 3
  59. Spider-Man Universe 4
  60. Spider-Man Universe 5
  61. Spider-Man Universe 6
  62. 62,0 62,1 62,2 Spider-Man Universe 7
  63. Spider-Man Universe 8
  64. Spider-Man Universe 9
  65. Spider-Man Universe 10
  66. 66,0 66,1 Spider-Man Universe 11
  67. 67,0 67,1 Spider-Man Universe 12
  68. Capitan America 28
  69. Spider-Man Universe 14
  70. Spider-Man Universe 15
  71. Spider-Man Universe 16
  72. Spider-Man Universe 17
  73. 73,0 73,1 73,2 Amazing Spider-Man 597
  74. 74,0 74,1 Amazing Spider-Man 598
  75. Amazing 599
  76. 76,0 76,1 Spider-Man Universe 20
  77. Spider-Man Universe 19
  78. 78,0 78,1 Spider-Man Universe 22
  79. Spider-Man Universe 23
  80. Spider-Man Universe 24
  81. Spider-Man Universe 25
  82. Spider-Man Universe 28
  83. Spider-Man Universe 29
  84. 84,0 84,1 Spider-Man Universe 31
  85. Devil e i Cavalieri Marvel 17
  86. Devil e i Cavalieri Marvel 29
  87. Thunderbolts Vol 2 #23
  88. 88,0 88,1 88,2 88,3 88,4 Amazing Spider-Man 611
  89. Amazing Spider-Man 612
  90. Guardiani della Galassia 15
  91. Guardiani della Galassia 16
  92. Guardiani della Galassia 17
  93. Guardians of the Galaxy 22
  94. Guardiani della Galassia 23
  95. Guardiani Della Galassia 24
  96. Marvel Mega 99-100
  97. 97,0 97,1 97,2 97,3 97,4 97,5 97,6 97,7 Marvel Mega 100
  98. Marvel Miniserie 179
  99. Marvel Miniserie 180
  100. Venom 4
  101. Amazing Spider-Man 698
  102. 102,0 102,1 102,2 Venom 16
  103. 103,0 103,1 103,2 103,3 Marvel Crossover 100
  104. Amazing Spider-Man 705
  105. Amazing Spider-Man 706
  106. 106,0 106,1 Amazing Spider-Man 707
  107. Venom 11
  108. 108,0 108,1 108,2 108,3 Venom 51
  109. 109,0 109,1 109,2 Venom 25
  110. Amazing Spider-Man 763
  111. Venom 52
  112. Venom 53
  113. Extreme Carnage Alpha #1
  114. 114,0 114,1 Spider-Man Universe 30
  115. Spider-Man Universe 18
  116. Guardiani della Galassia 24
  117. Superior Spider-Man #23
  118. Thunderbolts Vol 2 #20.NOW
  119. Marvel Collection 87
  120. Slott, Dan (27 September 2020). Dan Slott on Twitter: "@ScreamCassStan and @Te_Gillispie Inizialmente avevamo una scena in cui vedevi che Flash potrebbe non essere veramente morto alla fine di ASM #800. Ma l'editor ha deciso che avremmo dovuto tagliare quella scena perché riduceva al minimo il sacrificio di Flash all'inizio della storia. Ho visto il punto dell'editore e ho accettato il taglio.. Twitter. Retrieved on 27 September 2020.



Ti piace? Facci sapere!

Advertisement