Marvel Database
Advertisement





Quote1.png Galactus è e sempre sarà. Quote2.png
--Silver Surfer

Galan di Taa

Galactus è l'unico sopravvissuto del sesta incarnazione del Multiverso. In origine Galactus era un umanoide di nome Galan, nato nella precedente incarnazione della Terra-616 sul pianeta Taa, un mondo simile al paradiso la cui civiltà si dice sia stata la più avanzata di qualsiasi universo conosciuto di quel tempo. Tuttavia, il Sesto Infinito e tutti i suoi universi erano nelle fasi finali del collasso a causa del ciclo di rinnovamento multiversale,[19][20][3][21][13][22] consumato dall'entità astratta nota come Black Winter.[23][24]

In origine, come tutti gli universi del Multiverso, questo universo era un "Uovo Cosmico"; una sfera primordiale di materia primordiale disorganizzata, densa e compatta. La sfera ha subì un "Big Bang", un'esplosione che scagliò la materia verso l'esterno, dove gran parte di essa si è poi condensata in stelle e pianeti. Questo universo si espanse di dimensioni per miliardi di anni, e poi si contrasse, subendo uno "scricchiolio" nei successivi miliardi di anni. Tutta la materia di quell'universo stava precipitando verso un punto centrale, dove stava collassando in un nuovo "Uovo Cosmico".

La civiltà di Taa era una delle ultime ancora esistenti. La radiazione letale causata dal "Big Crunch" che questo universo stava vivendo stava spazzando via tutta la vita in tutto l'universo. Galan, un esploratore spaziale, fu inviato a viaggiare attraverso il cosmo per trovare un mezzo per salvare Taa, ma non ne trovò. Le radiazioni alla fine uccisero tutti tranne una piccola parte della popolazione di Taa. Sapendo che la loro morte era inevitabile, Galan propose ai sopravvissuti rimasti di morire gloriosamente pilotando una delle loro astronavi direttamente nel cuore dell '"Uovo Cosmico". Quando l'astronave contenente Galan e i suoi compagni sopravvissuti si avvicinò al punto focale del Big Crunch, il calore e le radiazioni uccisero tutti i passeggeri tranne Galan, che stranamente si ritrovò pieno di nuova energia.[19]

Rinascita come Galactus

Quando il cosmo stava per incontrare la sua fine naturale, Galan fu quindi avvicinato dall'incarnazione del Sesto Infinito, la Senzienza del Multiverso, che fuse la sua essenza con il mortale Galan, in questo modo dando vita a una nuova entità che sarebbe sopravvissuta al rinnovamento multiversale: Galactus, il Divoratore di Mondi.[19][20][3][21][13][22] The Black Winter presentò un resoconto alternativo della sopravvivenza di Galan, sostenendo che lo aveva risparmiato e lo aveva trasformato in Galactus per contrassegnarlo come il suo araldo.[25]

Dopo che il Multiverso terminò il suo ciclo di rinnovamento, il Settimo Cosmo ebbe origine dalle ceneri del Sesto Infinito, e con esso, le sue nuove incarnazioni, Eternità e Infinity. Il neonato Galactus alla fine finì nella settima iterazione del suo universo, ora chiamato Terra-616.[19][20][21][13][22]

Galan si fonde con la Senzienza del Multiverso

Il nascente Galactus andò alla deriva nella sua astronave ricreata per eoni quando la vita iniziò a venire all'esistenza nell'universo, comprese le razze che avrebbero dato origine agli Anziani dell'Universo. Alla fine, l'astronave del nascente Galactus fu avvistata da Ecce degli Osservatori, un'antica specie che possiede vasti poteri psionici e di manipolazione dell'energia che si era impegnata a osservare gli eventi dell'universo. Ecce portò l'astronave sul suo pianeta per studiarla. Lì apprese che l'essere al suo interno aveva un potere oltre la comprensione e alla fine sarebbe stato costretto a consumare mondi interi per saziare la sua fame di energia che sosteneva la vita.

Rendendosi conto del pericolo che il nascente Galactus rappresentava per il cosmo, questo Osservatore prese in considerazione l'idea di distruggere l'entità; che era ancora vulnerabile a causa del suo stato metamorfico; ma decise invece di attenersi al giuramento di non interferenza degli Osservatori e lasciare che il nascente Galactus partisse con la sua astronave. Sebbene nel tempo la razza dell'Osservatore sia arrivata a capire che Galactus è una componente intrinseca e necessaria per l'ordine naturale del cosmo, Ecce ha espresso il suo senso di colpa per la sua decisione quei miliardi di anni fa e si sente parzialmente responsabile della distruzione che Galactus ha causato da allora.[19][20]

Il nascente Galactus impiegò la sua forza e il suo potere enormemente illimitati e creò un'armatura per aiutarlo a regolare le sue furiose energie interne. Ha poi trasformato l'astronave di Galan in una sorta di incubatrice, dove Galactus trascorse migliaia e migliaia di anni evolvendosi nella sua forma attuale.[19] l'incubatrice di Galactus alla fine si schiantò sulla superficie di Ego, il Pianeta Vivente, provocandogli dolore mentre iniziava a prosciugare la sua forza vitale. Ego salvò il Silver Surfer da Knull, e il Surfer ripagò il favore rimuovendo l'incubatrice da lui.[23] Il Surfer, sapendo cosa sarebbe diventato Galan, progettò di distruggere l'essere prima della nascita. Tuttavia, Uatu l'Osservatore avvertì il Surfer che nonostante la distruzione che avrebbe portato Galactus, lui sarebbe stato importante per l'equilibrio dell'universo. Il Surfer entrò nell'incubatrice, intento ad assorbire il potere cosmico di Galactus per ripristinare se stesso, e fu affrontato da Galan. I due parlarono e alla fine Silver Surfer decise di risparmiare Galan e rimosse l'incubatrice da Ego e la mise sulla rotta verso Archeopia.[23] Gli Archeopiani stessi non disturbarono la strana nave, ma anni dopo una flotta spaziale predatrice, avvicinandosi ad Archeopia e pensando che la nave di Galactus fosse un'arma, la attaccò.

Galactus, con la sua metamorfosi compiuta, emerse e con un gesto distrusse la flotta d'invasione. Galactus, realizzando la sua fame incontrollabile di energia, rivolse la sua attenzione alla sottostante Archeopia, ricca di energia. Galactus consumò immediatamente le energie vitali di Archeopia, solo una piccola flotta di navi Archeopiche riuscì a fuggire dal pianeta in tempo. (La razza Archeopiana sarebbe stata in seguito completamente sterminata dal pianeta vivente Ego).

Taa II

Nel corso dei millenni successivi Galactus costruì per sé un'immensa dimora, la nave-mondo che chiama Taa II, che inghiottì il sistema solare Archeopiano come tributo sia al suo pianeta natale che ad Archeopia, il primo pianeta che abbia mai consumato. Per diversi miliardi di anni Galactus consumò solo pianeti disabitati da forme di vita senzienti, Archeopia fu l'unica eccezione, e tra le sue "divorate" passarono secoli.

Tuttavia, con il passare delle ere, gli intervalli tra le divorate diminuirono considerevolmente di lunghezza e Galactus si trovò a dover consumare mondi abitati da razze senzienti se non riusciva a trovare altri mondi che possedessero l'energia di cui aveva bisogno in tempo per sostenersi. Galactus riuscì a sopprimere la sua simpatia per esseri intelligenti che sono di natura simile all'entità da cui era nato e, rendendosi conto di essere un tipo di essere superiore a quello che sono a causa del suo ruolo intrinseco nell'ordine naturale, era disposto per distruggere le loro vite per continuare la sua. Inoltre, era consapevole che un giorno lui era destinato a restituire all'universo infinitamente più di quanto abbia mai preso da esso.

Araldi di Galactus

Il primo essere che Galactus selezionò come suo Araldo fu il Caduto - così chiamato perché si rivoltò rapidamente contro Galactus. Galactus imprigionò il Caduto, ma il suo ex Araldo in seguito scappò e iniziò a dargli la caccia nel corso dei millenni.[26]

A un certo punto Galactus minacciò di distruggere il pianeta Zenn-La, dimora di una razza umanoide civilizzata. Uno degli abitanti di quel mondo, Norrin Radd, convinse Galactus a risparmiare il pianeta offrendosi volontario per diventare il suo "araldo" e cercare mondi disabitati da consumare. Galactus acconsentì e trasformò Norrin Radd in Silver Surfer.

Silver Surfer

Silver Surfer servì lealmente Galactus per un periodo di tempo sconosciuto, portandolo in innumerevoli mondi ricchi di energia.[23] Alla fine, tuttavia, Galactus divenne determinato a consumare il pianeta Terra ricco di energia.[27] Il Surfer si ribellò di conseguenza [28], e Reed Richards dei Fantastici Quattro contrastò Galactus minacciando di usare su di lui un dispositivo alieno chiamato Nullificatore Assoluto, un'arma che poteva devastare l'universo e uccidere persino Galactus. Galactus fu costretto a giurare di risparmiare la Terra in cambio del ritorno del Nullificatore, e punì il Surfer per il suo tradimento erigendo una barriera di energia non rilevabile che gli impediva di lasciare la Terra.[29]

Quando Galactus scoprì l'esistenza di Contro-Terra, lui divenne determinato a consumarla al posto della Terra. Lui e il suo araldo dell'epoca, il Distruttore, furono nuovamente contrastati dai Fantastici Quattro che erano stati chiamati in aiuto dall'Alto Evoluzionario.[30][31][32] Galactus in seguito consumò il mondo natale dei Poppupiani e fu quasi distrutto nel processo.[33]

Alla fine si liberò dalla sua promessa a Richards avendo sconfitto l'immensamente potente Sfinge (che era stata ulteriormente potenziata dai segreti dell'universo scaricata dal Computer Vivente di Xandar ),[34][35][36][37] Galactus tornato più volte sulla Terra per consumarla, ma fu sempre ostacolato. Nel frattempo, consumò numerosi mondi abitati in tutto l'universo conosciuto per saziare la sua fame, ed era temuto come una minaccia per tutte le razze stellari conosciute. Galactus aveva anche assunto una serie di nuovi araldi.

Durante il suo ultimo tentativo di divorare la Terra, Galactus rimase così a lungo senza "nutrirsi" che le sue energie erano le più basse che lui aveva mai avuto ed era vicino alla morte; così un gran numero di difensori sovrumani della Terra riuscì effettivamente a sconfiggerlo in battaglia. Galactus giaceva morente, soccombendo alla sua stessa fame, ma Reed Richards gli salvò la vita con l'aiuto del mistico martello Mjolnir di Thor. Il grato Galactus promise la sua amicizia a Richards e diede sinceramente la sua parola di non attaccare mai più la Terra. Da allora Galactus ha costantemente rispettato questo giuramento. Durante questa visita sulla Terra, Galactus reclutò il suo ultimo araldo, Nova.[38][39]

Futuro alternativo

Galactus continuò a depredare altri mondi e distrusse il pianeta del trono degli Skrull, facendo precipitare l'Impero Skrull nel caos.[40] C'è un resoconto di un lontano futuro alternativo, in cui l'uomo non esiste più sulla Terra, e Galactus, quindi non sentendosi più vincolato dal suo giuramento, lo consuma finalmente.

Processo di Reed Richards

Per aver salvato la vita di Galactus, Reed Richards fu processato dai sopravvissuti agli attacchi di Galactus. Galactus apparve per la difesa di Richard e Eternità si manifestò confermando a tutti i presenti l'importanza e la necessità di Galactus nell'universo come equilibrio tra lo stesso Eternità e Morte.[3]

Antichi dell'Universo

Ad un certo punto in seguito, Galactus fu preso di mira dall'organizzazione aliena chiamata Antichi dell'Universo, che credevano che la sua morte avrebbe innescato un nuovo Big Bang e ricreato la realtà. In questa nuova realtà, gli Antichi credevano che sarebbero diventati una razza di Galacti, ciascuno con un potere cosmico infinito con il quale avrebbero potuto usare per perseguire senza fine i loro interessi speciali. Il suo ex araldo, Silver Surfer, i Fantastici Quattro, Franklin Richards, e il suo araldo Nova riuscirono a sconvolgere i piani degli Antichi. [41][42][43][44][45]

Intermediario

Eternità apparve a Galactus informandolo del suo ruolo nascosto nella sua battaglia con gli Anziani e rivelando il ruolo di Galactus come terza forza dell'universo. Uno dei ruoli di Galactus come forza aliena è quello di aiutare a bilanciare la vita e la morte come rappresentato da Eternità e Morte.[46] Galactus in seguito si scontrò con Intermediario, la terza forza di un universo governato da Maestro Ordine e Lord Caos che confermò essere proprio l'opposto di Galactus di un altro universo. Mentre Galactus è assente di dualità, l'Intermediario è il crocevia di tutte le dualità.[43]

Morg

Quando Nova alla fine si ribellò come suo araldo, Galactus ne creò un altro nell'alieno Morg, che alla fine uccise Nova di sua spontanea volontà. Morg a sua volta fu sconfitto dalla riunione dei suoi ex araldi. Galactus accettò di riprendere Firelord e Air-Walker come araldi dopo la battaglia con Morg, ma conservò segretamente il corpo di Morg per ripristinarlo lentamente nel tempo.[47][48][49]

Cancellato dall'esistenza

A un certo punto, Galactus fu apparentemente cancellato dall'esistenza dall'Nullificatore Assoluto.[50] Reed Richards determinò che era ancora vivo, tuttavia, e neutralizzò il suo nipote alternativo Hyperstorm collegando i due, lasciando Galactus a nutrirsi indefinitamente del potere fondamentale di Hyperstorm.[51]

Dipendenza

L'appetito di Galactus divenne tale che avrebbe divorava le forze vitali degli esseri senzienti e lasciava intatti i pianeti su cui vivevano. Cominciò a consumare sempre più frequentemente, perché, a differenza delle essenze vitali dei pianeti di cui si nutreiva normalmente, le forze vitali degli esseri mortali non gli offrivano alcun sostentamento; così la sua dipendenza lo lasciò perennemente affamato, indebolito e demente. Creò un nuovo araldo, Red Shift, per aiutarlo a divorare tutte le forze vitali senzienti in cui si imbatteva. Si avvicinò ancora una volta alla Terra e dovette essere scacciato da un grande contingente di supereroi terrestri, mentre Red Shift fu sconfitto dal Silver Surfer. Alla fine, Silver Surfer accettò ancora una volta di diventare l'araldo di Galactus e di cercare pianeti con vita senziente da consumare.[52][53][54]

Quasi immediatamente, Silver Surfer condusse Galactus sul pianeta natale dell'Impero Shi'ar, forse il più tecnologicamente avanzato nell'universo conosciuto, nella speranza che avrebbero avuto le forze per respingere l'indebolito divoratore di pianeti. Gli Shi'ar unirono rapidamente le forze con altre razze e molti dei supereroi della Terra per combattere Galactus. Durante il conflitto, il Silver Surfer riuscì a trasformare le macchine di assorbimento di energia di Galactus su Galactus stesso, indebolendolo fatalmente. Galactus morì, avvertendo che la follia che lo aveva consumato era un precursore di un altro orrore più grande. Quando morì, Galactus fu convertito in energia dalle sue stesse macchine che distruggevano il pianeta, rivelando la sua vera forma, quella di una stella senziente. Come aveva notato Reed Richards, la sua energia si irradierà per sempre verso l'esterno, quindi non potrà mai più riformarsi.[55][56][57]

Abraxas

Galactus (Earth-616) from Nova Vol 4 13 0001.jpg

La "morte" di Galactus permise all'essere conosciuto come Abraxas, l'incarnazione metafisica della distruzione e l'antitesi dell'Eternità, di emergere dalla sua prigionia. Presto iniziò a tagliare una strada di terrore attraverso varie realtà alternative, incluso l'omicidio di versioni parallele di Galactus. Usò la testa decapitata di un Galactus di una realtà alternativa per mirare e puntare sulla prima realtà della Terra e per piantare una talpa nella sua versione dell'Araldo noto come Nova. Sulla Terra, Abraxas attaccò Uatu l'Osservatore, lasciandolo in stato di coma e rubò metà del suo medaglione.[58]

Abraxas schernì i Fantastici Quattro con l'inevitabilità del suo arrivo, invitando la squadra a cercare il Nullificatore Assoluto, di cui gli indizi sulla sua posizione erano sparsi tra realtà alternative. Alla fine, i Quattro trovarono il Nullificatore quando Abraxas apparve all'improvviso e glielo rubò. Abraxas chiamò un esercito di Nova per attaccare la Terra, e i Fantastici Quattro non avevano alcuna speranza di sconfiggerlo. Franklin Richards, il figlio dei membri dei Quattro Mister Fantastic e la Donna Invisibile, unì i suoi poteri cosmici di livello Celestiale con quelli di sua sorella Valeria e riportò Galactus al suo stato naturale ripristinando l'equilibrio nell'Eternità, a costo di (presumibilmente) esaurire per sempre i suoi poteri. Galactus strappò facilmente il Nullificatore ad Abraxas, ma, a causa dell'interferenza dell'esercito di Nova, il Nullificatore cadde su Reed Richards, che usò l'arma per distruggere il Multiverso. Il risultato servì a ricreare il Multiverso in cui Abraxas non era mai fuggito, e poiché tutto era finito, tutto fu riallineato, e come tale, permise a Mister Fantastic di sopravvivere insieme a tutti coloro che morirono nel regno di terrore di Abraxas.[59][60][61][62]

Annihilation

Durante l'ambizione di Annihilus di "conquistare" l'universo, Galactus fu attaccato vendicativamente dai sopravvissuti Dei Proemi, "Tenebrous, dell'Oscurità nel Mezzo" e "Aegis, Signora di Tutte le Sofferenze", lasciandolo gravemente indebolito e fu, insieme a Silver Surfer, catturato da Thanos, che era responsabile di aver negoziato con gli dei per farli combattere il Divoratore di Mondi. Galactus e il Surfer furono portati ad Annihilus e furono sperimentati come armi nella guerra di Annihilus. Galactus fu usato come una sorta di arma cosmica, in grado di distruggere interi pianeti, e il suo potere cosmico e quello del Surfer furono alimentati come armi per l'Annihilation Wave.[63]

Alla fine il piano generale di Annihilus era quello di usare Galactus come una "bomba" in grado di distruggere ogni forma di vita nell'universo e quindi soddisfare il suo desiderio di essere l'unico essere nell'universo conosciuto. Tuttavia, il piano di Annihilus fu sventato dagli sforzi di Dragoluna, Drax e Silver Surfer riuscendo a liberare Galactus. Dopo aver teletrasportato Dragoluna e Drax al sicuro e ceduto alla sua rabbia, Galactus scatenò una massiccia esplosione omnidirezionale che in seguito divenne nota come "evento Galactus". Il Silver Surfer fu inviato prima dell'esplosione da Galactus per annunciare la distruzione imminente, poiché lo scatenato "perimetro di obliterazione di Galactus" spazzò via la maggior parte dell'Annihilation Wave e più di tre sistemi stellari e vaporizzò persino un Osservatore. L'azione di Galactus alla fine fermò la guerra e costrinse le restanti parti in guerra a formare una tregua.[63]

Post-Annihilation

Dopo la fine della guerra dell'Annihilation, Galactus divenne più affamato che mai e chiese ai suoi Araldi di trovare sostanza planetaria per la sua fame. Fu rivelato che a un certo punto, nei primi anni della creazione dell'universo, Galactus fu coinvolto in una guerra civile tra gli dei Proemi. Lui uccise Diableri, il leader della fazione opposta degli dei che aveva tentato di ottenere il controllo totale dell'universo, e imprigionò gli dei rimanenti che erano sopravvissuti nel Kyln. Arrabbiato e preoccupato per gli Dei Proemi, Aegis e Tenebrous liberati, Galactus ordinò al Silver Surfer di trovare e sconfiggere gli dei una volta per tutte. Dopo che il Surfer uccise gli dei attirandoli nel Crunch, il confine distruttivo dell'universo, Galactus salvò un Surfer pesantemente sconfitto ed esausto e lo guarì dalle sue considerevoli ferite.[64]

Galactus si nutrì di un pianeta chiamato Orbucen, la cui gente si rivolse all'unico membro in servizio della Nova Corps all'epoca Richard Rider. Rider cercò di convincere Galactus a prevenire la sua alimentazione che portò a uno scontro con Silver Surfer mentre Galactus stesso ignorava Rider.[10] Rider si stivò poi a bordo della nave di Galactus per salvarsi dalla distruzione di Orbucen, la sua presenza sulla nave alla fine allertò Galactus della presenza di Harrow, un essere che si era nascosto a bordo per nutrirsi della paura degli abitanti dei mondi consumati da Galactus. Dopo aver appreso della sua presenza precedentemente nascosta, Galactus lo incenerì e poi rimosse Rider dalla sua nave.[10]

Il Surfer condusse Galactus sul pianeta Sakaar dove distrusse il pianeta dopo aver sconfitto facilmente sia Skaar e il Surfer che era controllato da Skaar.[65] Divenne dipendente dal Vecchio Potere dopo aver divorato il pianeta e partì alla ricerca di tutti i pianeti che possedevano il Vecchio Potere al loro interno, guidando il fratello gemello di Skaar Hiro-Kala ad usare il Vecchio Potere per avvelenarlo in rappresaglia per aver consumato Sakaar.[66][67][68][69][70]

Nu-World

Galactus scoprì Nu-World e la sua fonte di energia. Andò sulla Terra e portò Reed Richards a Nu-World per riparare la loro fonte di energia, ma, alla fine, Galactus scelse di distruggere il mondo, piuttosto che divorarlo, per aver osato usarlo come fonte di energia.[71][72]

Attacco ad Asgard

Galactus era alla ricerca del "Seme Galactus", un cuore cosmico che darà alla luce il prossimo universo a venire. Creato da Eternità prima della registrazione del tempo e scoperto da Bor, primo re degli Asgardiani, il seme diede alla luce all'Albero del Mondo su cui pendono i nove regni. Il Surfer arrivò per conto di Galactus in cerca del seme poiché, come citato da Silver Surfer, il seme potrebbe essere in grado di soddisfare Galactus e fermare la sua fame. Odino si rifiutò di consegnare il seme a Galactus, credendo che Galactus fosse alla ricerca della divinità e volesse vivere per sempre. Ciò fece sì che Galactus attaccasse Asgard alla ricerca del seme. Tuttavia, Galactus non fu in grado di ottenere il seme poiché Odino era sulla sua strada.

Galactus e Odino combatterono usando i loro poteri telecinetici e telepatici perché se avessero combattuto fisicamente, il potere che entrambi possedevano sarebbe stato in grado di distruggere l'Universo. Odino fu in grado di rendere Galactus privo di sensi dandogli una testata prima di cadere nel Sonno di Odino. Dopo aver ripreso conoscenza, Galactus procedette ad attaccare Asgard alla ricerca del seme nonostante il fatto che Silver Surfer stesse cercando di impedire a Galactus di procedere poiché sarebbe stata una dichiarazione di guerra ad Asgard con il Surfer che gli diceva che "Sono Dei. Lo sono. potere e furia e un atto di guerra contro una razza di Dei è al di là anche di te... ". Tuttavia, Galactus procedette fino a quando Odino evocò il Distruttore, che era alimentato dall'energia del seme mentre, allo stesso tempo, Loki nascose con successo il seme. Quando il Surfer scoprì che il seme era sparito informò Galactus. Sapendo che il suo obiettivo principale non era più sotto il possesso Asgardiano, Galactus si ritirò, annullando l'invasione, e in seguito apprese che il seme si era perso da qualche parte all'interno dell'Albero del Mondo di Odino, e che cercarlo sarebbe stato come cercare un ago in un pagliaio dello spazio-tempo. [73][74][75][76][77]

Dopo l'evento il Surfer propose una tregua tra Galactus e gli Asgardiani, in cui una delle condizioni era che se il Surfer avesse percepito il disturbo del seme, la guerra tra Galactus e gli Asgardiani sarebbe continuata di nuovo. Avendo bisogno di rimanere sulla Terra per osservare gli Asgardiani e assicurarsi che non avessero mai recuperato il Seme, il Surfer si è avvicinò a un predicatore in Broxton, Oklahoma, chiamato Mike, per assumere il ruolo di Araldo, per aver notato il coraggio di Mike nel resistere a Galactus per il bene della sua gente. Mike accettò con riluttanza l'incarico, diventando Praeter, l'ultimo Araldo di Galactus.[78]

Fondazione Futuro

Galan (Earth-616) from Fantastic Four Vol 1 602 0001.jpg

Galactus promise a Reed Richards che avrebbe protetto la Terra fino a quando il Seme Galactus non sarebbe stato recuperato da Yggdrasill. Lui diede a Richards i mezzi per evocarlo nel prossimo futuro, quando aveva previsto la Terra in pericolo.[79] Galactus e l'adulto Franklin Richards dal futuro si trovarono in punta di piedi contro i Celestiali Impazziti. Dopo essere stati sconfitti, Galactus e Franklin si legarono al fatto che Galan non avrebbe più affrontato la fine dell'universo da solo - il signor Franklin sarebbe sopravvissuto fino alla fine e ne sarebbe stato testimone con lui.[80]

Gah Lak Tus si fonde con Galactus

Scontro con l'Universo Ultimate

Mesi dopo il suo ritorno, Ultron lanciò un massiccio attacco alla Terra, annientando l'umanità e conquistando il pianeta. Wolverine fu uno dei sopravvissuti rimanenti e ha utilizzò la macchina del tempo del Dottor Destino per viaggiare indietro nel tempo numerose volte fino a quando non riuscì a prevenire l'ascesa di Ultron al potere e quindi l'annientamento dell'umanità, che portò alla malvagia Intelligenza Artificiale ad essere distrutta una volta per tutte, ma a costo della rottura del continuum spazio-temporale, provocando così un "caos multiversale", dove numerosi esseri da altre realtà furono trasportati in altri universi attraverso gli strappi nell realtà. Galactus era uno di questi esseri trascinati in un altro universo, in questo caso Terra-1610.[81]

L'arrivo di Galactus su questa Terra avvenne proprio nel momento e nel luogo esatti in cui la sua controparte, l'entità Gah Lak Tus si trovò nel mezzo della guerra Chitauri-Kree. Galactus fu avvicinato da Gah Lak Tus, che inaspettatamente intraprese l'azione di fondersi con la sua controparte, creando un Galactus ancora più potente con un maggiore bisogno di nutrirsi, che poi inviò parte di Gah Lak Tus come suo nuovo araldo per cercare e consumare.[82]

Quando Galactus attaccò Hala, la capitale Kree, il pianeta venne difeso dal Silver Surfer di quel mondo, Nova e Capitan Mahr Vehl.[82] Durante la battaglia, Mahr Vehl morì per le ferite causate dallo sciame di Gah Lak Tus. Nova indossò l'armatura di Mahr Vehl e divenne Capitan Marvel, usando il suo vasto potere appena acquisito e un'arma sull'armatura di Mahr Vehl progettata per uccidere Gah Lak Tus per scatenare un potente attacco su Galactus. Considerato morto dagli eroi, Galactus fu solo pesantemente indebolito dall'attacco e iniziò a dirigersi verso la Terra cercando di consumare il suo potere.[82]

Sulla sua strada, fu incontrato dalla Visione mentre cercava di riportare Galactus nel suo universo. Lei non ci riuscì e fu distrutta.[83] All'arrivo sulla Terra, Galactus iniziò immediatamente il suo percorso di distruzione così come i preparativi per consumare il pianeta. Gli Ultimates arrivarono per fermare Galactus, ma anche i loro attacchi più devastanti si rivelarono solo un fastidio per il divoratore di mondi.[83]

Galactus fu infine sconfitto quando il Convertitore Elementale fu distrutto da una gigantesca Kitty Pryde, e Thor spinse l'entità cosmica attraverso un portale creato da Reed Richards, nella Zona Negativa, con l'intenzione che, poiché questa incarnazione della Zona era completamente priva di vita, Galactus morisse di fame.[84]

Ritorno dalla Zona Negativa

A seguito di un incidente in cui gli Eterni Ikaris venne sottoposto al lavaggio del cervello dai Kree utilizzando un dispositivo chiamato Sussurratore degli Dei, giurò vendetta sui suoi aspiranti rapitori. Con l'aiuto di Aarkus, Ikaris e i suoi compagni Eterni trovarono il Galactus in stato di coma fluttuante nella Zona Negativa e lo riportarono sulla Terra-616. Affermarono poi di aver pianificato di usare il Sussurratore degli Dei per scatenarlo sui Kree quando si sarebbe svegliato.[85]

Il Tempo Finisce

Al fine di fermare le incursioni, tra le altre soluzioni, gli Illuminati si recarono da Galactus per organizzare un incontro con i Celestiali. Tuttavia, prima che potessero assicurare loro completamente il loro aiuto, i Celestiali scomparvero misteriosamente.[86]

Lifebringer

File:Galactus (Earth-616) from Ultimates Vol 2 2 001.jpg

Galactus il Lifebringer

Con il rinnovamento dell'universo dopo la sua distruzione,[87]-[88] un gruppo di eroi noto come Ultimates iniziò a lavorare su problemi di scala cosmica che potrebbero mettere in pericolo l'universo. Una delle loro prime missioni consisteva nel risolvere la fame di Galactus.[21]

Gli Ultimates recuperarono l'Incubatrice di Galactus e vi costrinsero il divoratore di mondi, quindi un nuovo processo naturale simile a quello che aveva creato Galactus sarebbe potuto accadere di nuovo. Detto processo fu accelerato con Neutronium. Dopo un lampo di luce e la distruzione dell'Incubatrice, Galactus emerse di nuovo con un nuovo scopo nella vita, era diventato un portatore di vita. Il primo pianeta ripristinato da Galactus fu Archeopia, che fu la stessa prima vittima della sua fame.[21]

Quando gli Ultimates tentarono di uscire dall'Omniverso per valutare i danni causati dal viaggio nel tempo, Galactus fu incaricato da Eternità di fermarli.[89] Dopo aver interrotto il viaggio degli Ultimates e averli rimandati sulla Terra, Galactus si trovò fuori dalla portata della rappresentazione Multiversale di Eternità, e scoprì la verità che Eternità voleva impedire agli Ultimates dal sapere che essa era in catene.

Ora incaricato del compito di trovare il carceriere cosmico di Eternità,[90] Galactus chiese l'aiuto di Anti-Man per reclutare gli Ultimates e trasformarli nei suoi Araldi della Vita.[91] Una volta che l'Anti-Man riunì gli Ultimates, Galactus chiese il loro aiuto, il Portatore di Vita era stato convocato al Superflusso per essere processato su richiesta di Lord Caos e Maestro Ordine, due entità cosmiche che vedevano il nuovo status di Galactus come una perversione della gerarchia cosmica.

Il Tribunale Vivente stabilì a favore di Galactus, permettendogli di rimanere come il suo nuovo sé, sostenendo che la gerarchia cosmica in questa nuova realtà era ancora in formazione, quindi non era stata fissata. Lord Caos e Maestro Ordine presero a cuore questo consiglio e assalirono il Tribunale Vivente, uccidendolo.[92] Caos and Ordine successivamente cercarono di riportare indietro Galactus. Tuttavia, lo stesso principio che permise loro di uccidere il Tribunale, che non c'era ancora una gerarchia, significava che non potevano imporre la loro volontà a Galactus, poiché era allo stesso livello dell'Ordine e del Caos. Ordine e Caos lasciarono il Superfusso, lasciando dietro un Galactus indebolito e intrappolato, e si fusero in un nuovo essere più potente, Logos.[93] Alla fine tornarono e riportarono Galactus alla sua vecchia forma, riportandogli la sua fame.[94] Fortunatamente, il ritorno fu di breve durata poiché l'Anti-Man sacrificò i suoi poteri e la sua vita per cambiare Galactus di nuovo nel Lifebringer.[95]

Eternity War

Dopo essersi riposato affinché non recuperò il suo potere,[96] Galactus raccolse Ego-Prime, Psi-Hawk , l'Infinauta e il fantasma del Modellatore di Mondi per formare Eternity Watch ed aiutare Eternità.[97] L'Eternity Watch successivamente affrontò Logos e gli Aspiranti del Primo Firmamento nel Superflusso. Allo stesso tempo, il Creatore usò scioccamente la tecnologia dell'Alto Evoluzionario per abbattere il Superflusso nel tentativo di unificare il Multiverso in un'unica realtà e rafforzare Eternità.

Quando questo processo si rivelò controproducente e in realtà iniziò a danneggiare ulteriormente Eternità, Galactus fece teletrasportare gli Ultimates sulla Contro-Terra fantasma del Modellatore dei Mondi.[98] Con l'aiuto di un altro gruppo di Ultimates riportati in vita dal Creatore, che successivamente si ribellarono contro di lui, gli Ultimates di Galactus riuscirono a rimediare al danno causato al Superflusso e ripristinarono il Multiverso al suo stato normale.

Galactus e l'Eternity Watch ripresero successivamente il loro confronto contro gli agenti del Primo Firmamento. Con l'aiuto della ascesa forma astrale di Pantera Nera e dei Celestiali rinati, l'Eternity Watch sconfisse gli Aspiranti e il Logos. Anche il Primo Firmamento fu sconfitto, quando Eternità convocò le passate incarnazioni del Multiverso in suo aiuto, gli Ultimate Ultimates. Con Eternità libera e al sicuro ancora una volta, Galactus salutò gli Ultimates e si separarono.[99]

Con Ultron in procinto di lanciare razzi da Saiph per infettare l'universo a sua immagine attraverso l'Ultron Virus e la Gemma dell'Anima, il Silver Surfer si avvicinò a Galactus e gli chiese di distruggere il pianeta per salvare la galassia.[100] Sebbene inizialmente riluttante, Galactus continuò a consumare il pianeta perchè il Surfer promise di diventare di nuovo il suo araldo se la sua fame fosse mai tornata.[101]

Araldo Supremo

Quando Galactus andò sul pianeta natale degli Zaraxiani per consumarlo, la razza alimentata magicalmente aveva catturato Silver Surfer e dopo aver visto attraverso i suoi ricordi inviarono il loro mago più potente, Zoloz, sulla Terra per trovare un modo per sconfiggere Galactus. Dopo essere tornato da Galactus, insieme alla proiezione astrale di Dottor Strange, Zoloz bandì l'Essere Cosmico nei Reami Mistici.[102] Galactus iniziò a consumare i mondi della dimensione, inizialmente avvelenandosi, ma poi fu potenziato dalle energie magiche, sconfiggendo anche la Bestia del Dolore senza sforzo. Strange quindi convinse Galactus a condurlo su un pianeta sicuro da consumare e da non esserne affetto.[103] Tuttavia, il pianeta era stato segretamente manomesso da Dormammu, e lui si trasformò.[104] Ciò fece sì che la tecnologia e la magia si fondessero, causando uno squilibrio in tutto l'universo,[105] che portò Strange a raccogliere varie eroi per cercare di ragionare con Galactus, ma senza successo.[106] L'universo alla fine crollò, il che spinse Dottor Strange a ricostruirlo, ma questa volta convinse Zoloz a diventare il suo araldo e risparmiare il suo mondo natale.[107]

Il ritorno di Inverno Nero

Quando il Black Winter, l'entità che aveva distrutto l'universo di Galactus, tornò, un Galactus ferito andò ad Asgard, schiantandosi sopra, mentre Thor lo attaccava. Al risveglio, Galactus rivelò che quando aveva guardato Black Winter la seconda voltalui vide Thor, il che significava che il Dio del Tuono doveva essere la sua morte. Trasformò l'Asgardiano nel suo nuovo araldo e iniziò a consumare i cinque pianeti che avevano bisogno di potenziare Galactus abbastanza per sconfiggere Black Winter.[24][108] Dopo la lotta tra Thor e Beta Ray Bill,[109] Galactus riuscì a divorare i restanti pianeti, giusto in tempo per affrontare Black Winter.[110] Galactus fu sopraffatto da Black winter, che rivelò a Thor che Galactus era stato il suo araldo e che era venuto a reclamarlo.[25] Furioso per questa rivelazione, Thor privò Galactus del potere che aveva ottenuto divorando i cinque pianeti. Quando Galactus tentò incredulo di attaccarlo, Thor lo condannò a morte per gli innumerevoli pianeti che aveva distrutto e lo prosciugò del Potere Cosmico, lasciandolo sull'orlo della morte. Black winter tentò di prendere Galactus, ma Thor usò il suo corpo essiccato come una bomba cosmica per distruggerlo; prendendo l'elmo di Galactus da usare come ingresso alla sua sala del trono.[17]

Poteri

Entità Cosmica: Galactus possiede l'incommensurabile Potere Cosmico ed è uno degli esseri più potenti nell'Universo Marvel, con poteri divini quasi illimitati,[16] ed quindi considerata un'entità Onnipotente.[111] I suoi poteri cosmici sono oltre la maggior parte delle forme di misurazione.[18] Una volta fu indicato come "l'entità vivente più impressionante del cosmo."[112] Thanos con il Guanto dell'Infinito lo ha classificato allo stesso livello di potere di Odino, Zeus, i Celestiali e lo Straniero, ma ben al di sotto di Maestro Ordine, Lord Caos, Mistress Love e Sire Hate, che a loro volta sono ben al di sotto di Eternità e Infinity, che sono ben al di sotto del Tribunale Vivente.[113] Come tale, Galactus è in grado di impiegare l'energia cosmica dentro di lui per produrre praticamente qualsiasi effetto desideri. Dopo aver divorato quattro pianeti, è stato dimostrato che Galactus è in grado di combattere quattro Celestiali Impazziti e di distruggerne uno, anche se quando si sono fusi insieme in un potente Voltron Celestiale lui è stato sconfitto.[114] Galactus ha anche mostrato la capacità di superare Odino.[77] In effetti, il virtualmente onnisciente Oblivion ha osservato che la battaglia di Galactus contro Scrier e l'Altro influenzò la realtà stessa, e ha suggerito che avrebbero minacciato di distruggere completamente il Multiverso se la loro lotta non fosse cessata.[115]

Galactus e i suoi Araldi sono stati dichiarati minacce di livello cosmico.[116] Lui è stato dichiarato di avere un livello di minaccia "Universale" dalla Nova Corps.[1]

Tuttavia, sebbene il suo potere sia grande, dipende dalla quantità di energia che ha assorbito dai pianeti. Se non si nutre regolarmente, lui si esaurirà e si indebolirà e morirà di fame.[38]

Alcune delle abilità che ha mostrato sono:

  • Immortalità: Si dice che Galactus sia l'entità vivente più antica; perciò le persone lo considerano un essere senza età.
  • Forza di livello divino: Galactus ha dimostrato il potenziale per una scala solare di forza illimitata.[117]
  • Resistenza di livello divino: Galactus può prendere parte ad azioni fisiche faticose, come le battaglie, per un periodo di tempo indefinito, ma assorbire l'energia di un pianeta lo sosterrà solo per un mese e usarla causerà al periodo di tempo di ridursi drasticamente, quindi normalmente non può combattere troppo a lungo.
  • Velocità di livello divino: Nonostante le sue dimensioni, Galactus può volare a velocità che superano di gran lunga la velocità della luce.
  • Invulnerabilità: Galactus è immune a tutte le malattie, disturbi e tossine. Inoltre, è estremamente resistente ai danni. È stato in grado di sopravvivere da due pianeti in collisione e un considerevole arsenale nucleare, ma è stato gravemente ferito nel processo. Tuttavia, questo accadde mentre era prosciugato dall'entità cosmica Hunger.[118] Galactus emerse intatto da un massiccio attacco di Nega-Bombe.[9] Ha anche affermato che, proprio come Aegis e Tenebrous, non poteva sopravvivere alle forze del Crunch.[64] Dopo che Odino gli lanciò una testata dall'atmosfera esterna fino al pianeta Terra, Galactus molto rapidamente recuperò, mentre Odino rimase gravemente ferito e costretto a entrare nel Sonno di Odino.[78] Galactus ha regolarmente resistito agli attacchi di esseri potenti come l'entità mistica Agamotto[119] e Odino, riuscendo persino a resistere a un colpo di uno Zeus potenziato dal Chaos King.[120]
  • Emissioni di Energia: Galactus può proiettare esplosioni di energia devastanti. In effetti, dopo aver assorbito energia da diversi pianeti dopo un periodo di fame, e quindi ancora pesantemente indebolito, Galactus si è dimostrato in grado di distruggere almeno tre sistemi solari.[63] Galactus ha effettivamente colpito intere galassie mentre combatteva l'entità Mefisto,[121] ed è stato ipotizzato che Galactus potrebbe essere in grado di distruggere anche il Multiverso come effetto collaterale di una battaglia titanica.[115] In effetti, lo scontro di Galactus con l'entità Agamotto ha persino provocato il caos in intere dimensioni.[119] Inoltre, durante uno scontro con Tyrant nella sua forma originale, si diceva che "dovevano aver distrutto intere galassie".[122] Inoltre, il prigioniero Galactus sarebbe stato impiegato come arma in grado di distruggere due universi,[63] e Galactus ha persino distrutto un Celestiale Pazzo,[114] che aveva resistito al potere distruttivo del Nullificatore Assoluto (sebbene il suo potere dipenda dalla mentalità di chi lo impugna, variando da universale a multiversale in grandezza).[114]
  • Assorbimento di Energia: Probabilmente il suo potere più vitale, poiché la sua sopravvivenza dipende dall'assorbimento della Forza Vitale dai pianeti o dalle stelle. Durante il suo combattimento con Mefisto, ha dimostrato di essere persino in grado di assorbire un intero dominio.[121] Durante il suo attacco all'Universo Ultimate ha anche assorbito gli attacchi della Materia Oscura di Visione.[83] Durante la storia del futuro alternativo "Bolla Temporale"/"Celestiale Nero" avrebbe divorato un intero continuum spazio-temporale universale quadridimensionale, ed è cresciuto più grande di una galassia.[123]
  • Levitazione: Galactus può attraversare o planare nell'aria e nello spazio usando la pura forza di volontà.[18]
  • Alterazione delle dimensioni: L'altezza e il peso di base di Galactus diminuiranno quando ha grande bisogno di energia vitale. Galactus ha la capacità di aumentare le sue dimensioni e la sua massa a piacimento, la cui estensione è sconosciuta. Una volta è cresciuto fino a raggiungere una statura così grande da poter lottare con il sole di Wraithworld.[117][18]
  • Aspetto adattabile: Sebbene Galactus sia solitamente rappresentato in forma umanoide, ogni essere senziente lo percepisce con una forma simile alla propria. Quindi, gli umani vedono Galactus come un enorme umanoide rivestito di un'armatura, mentre una specie simile a un'ameba, per esempio, percepirebbe Galactus in un'enorme forma simile a un'ameba.[124] Sebbene come Galan, Galactus era davvero un umanoide, la sua vera forma attuale è sconosciuta.
  • Ristrutturazione molecolare: Galactus può manipolare, rimodellare e riorganizzare le complessità molecolari di qualsiasi organismo, permettendogli di ricostruire o ridisegnare le cose internamente.[47]
  • Trasmutazione della materia: Essendo un essere cosmico, Galactus può controllare la materia in qualsiasi oggetto permettendogli di trasformare qualcosa di tangibile come il piombo, in qualcosa di intangibile come l'acqua.[125] [126]
  • Teletrasporto: Galactus può far apparire se stesso, altre persone e oggetti ovunque nell'intero universo dove desidera con un semplice pensiero.[40][37] Ha persino teletrasportato il pianeta Galador da una galassia all'altra.[117]
  • Campi di forza: Galactus può erigere scudi energetici quasi impenetrabili.[127]
  • Portali interdimensionali e intradimensionali: Può creare wormhole tra le dimensioni e all'interno delle dimensioni.[26][128]
  • Telepatia: Galactus è telepatico e in grado di leggere o comunicare con altre menti attraverso distanze universali.[129][130][131]
  • Telecinesi: Capacità di spostare enormi quantità di massa attraverso la concentrazione mentale.[28]
  • Coscienza Cosmica: Galactus può percepire disturbi o cambiamenti all'interno dell'etere cosmico su scala universale.[132]
  • Resurrezione: Può resuscitare i morti.[49]
  • Creazione: Galactus può creare forme di vita complesse, senzienti, biologiche o bio-tecniche apparentemente dal nulla, o almeno usando il suo controllo sulle molecole per farlo.[133]
  • Controllo e manipolazione dell'anima: Galactus può controllare e manipolare le anime e gli spiriti degli esseri viventi a volontà.[131] Usa questo potere per alterare i ricordi e le emozioni degli altri .
  • Ricreazione: Essendo un essere cosmico, Galactus è stato in grado di ricreare l'intero pianeta Zen-La, inclusa la popolazione, ecc. in ogni dettaglio.[131]
  • Concessione di potere/abilità: Gli Araldi di Galactus, che ha dotato di una minuscola frazione del suo potere cosmico, sono in grado di manipolare la materia e l'energia in modi che vanno ben oltre la comprensione umana.
  • Vitacinesi: Galactus è in grado di curare se stesso e gli altri dalle ferite fisiche, sebbene questa possa essere semplicemente una ricostruzione molecolare.

Abilità

'Genio-Cosmico:' Galactus, come la più antica entità vivente conosciuta nell'universo, possiede una delle menti assolutamente più avanzate dell'universo. La sua conoscenza scientifica è oltre la comprensione umana.[18] Reed Richards ha ammesso l'incapacità di comprendere appieno anche i dispositivi più rudimentali trovati nella Nave-Mondo Taa II di Galactus. La stessa Nave-Mondo è un costrutto delle dimensioni di un sistema solare che si dice sorpassi qualsiasi mondo naturale in bellezza e splendore e tuttavia all'interno dei suoi computer è contenuta una conoscenza così insondabile e di vasta portata che può garantire un potere straordinario a coloro che ne entrano in contatto (vedi Korvac).

Livello forza

Quando è sazio, Galactus ha dimostrato una super forza di scala solare, il che significa che possiede una forza illimitata.[117]

Debolezze

Fame Cosmica: Galactus richiede energie sconosciute ottenibili solo da un certo tipo di pianeti per sostenere la sua vita. Il tipo di pianeta adatto non deve essere quello in cui è presente la vita, ma deve avere il potenziale per sostenere la vita. Quando si è saziato da poco, Galactus è incredibilmente potente; tuttavia, più a lungo rimane senza nutrirsi, più la sua forza, potenza e consapevolezza cosmica diminuiscono. Infatti, oltre un mese dopo aver consumato un pianeta adatto, il suo potere sarà già stato ridotto esponenzialmente, sebbene in uno stato di tale fame i suoi poteri siano ancora ben oltre la comprensione mortale. In tempi recenti si è risaputo che Galactus non si nutre per molti mesi alla volta, portandolo sull'orlo della morte e riducendo il suo potere a tal punto che squadre sovrumane come i Vendicatori e i Fantastici Quattro ecc. sono in grado di sconfiggerlo.[38] Quando emerse per la prima volta dal suo bozzolo, Galactus poteva restare senza nutrirsi per oltre un secolo prima che la sua fame lo indebolisse in misura significativa. Perché gli intervalli tra le sue divorate diminuirono nel corso dei millenni non è noto.

Magia: Galactus essendo un'entità di pura scienza, è abbastanza vulnerabile alla magia. Lo stregone alieno, Zoloz è stato in grado di bandire Galactus nei Reami Mistici.[102] La magia inizialmente lo avvelenò, quando iniziò consumando gli insoliti pianeti dei Reami.[103] Tuttavia, quando Dormammu infettò Galactus con la sua immensa magia per trasformare il Divoratore di Mondi nel suo proprio araldo, il Galactus alimentato dalla magia iniziò invece a consumare tutta la magia che c'era nei Regni, diventando un essere di scienza e magia.[104][105] Questo fece sì che la tecnologia e la magia si fondessero con l'un l'altro, portando uno squilibrio nell'universo, che portò al suo collasso.[106][107]

Equipaggiamento

Galactus utilizza spesso il suo Convertitore Elementale quando divora i pianeti per aiutarlo nella conversione della materia in energia. Sebbene non richieda questo dispositivo per divorare i pianeti e rinuncia al suo utilizzo in determinati scenari, rende la conversione in energia più efficiente. Galactus indossa anche un'armatura per tutto il corpo costruita con un materiale sconosciuto di suo design che lo aiuta a regolare e controllare la sua energia personale. Se dovesse rimuovere l'armatura per un lungo periodo, le sue vaste energie cosmiche potrebbero dilagare e potenzialmente dargli l'aspetto di una stella.

Trasporti

Sebbene Galactus sia in grado di viaggiare nello spazio grazie ai suoi stessi poteri, disdegna l'inutile dispendio di energia e preferisce viaggiare su astronavi di sua progettazione. Sebbene Galactus abbia molte diverse navi stellari nella sua flotta personale, la sua nave preferita a lungo raggio è la sua nave stellare a forma di sfera (oltre un miglio di diametro) che è in grado di raggiungere velocità di traslazione e viaggi interdimensionali. Galactus ha anche mostrato in rare occasioni di viaggiare nella sua Nave-Mondo delle dimensioni del sistema solare, Taa II.

Armi

Galactus impiega spesso un robot chiamato Punitore, che possiede una grande forza sovrumana, velocità e durata; per combattere gli avversari i cui livelli di potere non richiedono la sua diretta attenzione. Galactus mantiene anche in suo possesso un'arma chiamata Nullificatore Assoluto. Quest'arma ha la capacità di distruggere qualsiasi bersaglio che chi la impugna può immaginare mentalmente. Nelle mani di Galactus, grazie alla sua consapevolezza cosmica, il Nullificatore Assoluto è in grado di distruggere interi universi e persino intere linee temporali dall'inizio alla fine. È stato rivelato nell'arco narrativo di Abraxas che il Nullificatore Assoluto potrebbe essere un aspetto dello stesso Galactus.

  • Galactus ha divorato innumerevoli mondi, tra cui:
    • Archeopia (Primo pianeta divorato; casa degli Archeopiani)
    • Poppup (Sede della specie Poppupiani dell'Uomo Impossibile)[33]
    • Tarnax IV (Pianeta del trono dell'Impero Skrull)[40]
    • Sakaar (Casa dei Sakaarani; pianeta natale di Skaar)[135]
    • Vedi la elenco dei pianeti distrutti da Galactus.[136]
  • Galactus non ha una "vera forma" perché "non è più un essere in senso assoluto, fisico", "ogni mente che lo vede lotta nel miglior modo possibile per percepire quella forza inconoscibile come un'immagine che può comprendere" (secondo Galacta, lei e suo padre sembrano vestirsi di viola perché "questo è semplicemente ciò che percepiscono le tue rozze piccole cortecce", a causa del "simbolismo della regalità del colore" da "antico fango culturale mitopoietico che incrolla le tue menti meramente mortali"). Questo è lo stesso "effetto neurocensoriale" che fa sì che il cervello mortale veda "Kirby crepita" ("strani cerchi neri dentro / intorno a [esso] ... artefatti dall'incapacità del tuo cervello mortale di percepire direttamente la distorsione della realtà del potere cosmico).
  • La gente della Terra-616 ha usato la somiglianza di Galactus per commercializzare una serie di prodotti, tra cui; giocattoli, hamburger, parchi di divertimento e lassativi.[137]
  • La trama contenuta in Fantastici Quattro (Corno) 44 - Fantastici Quattro (Corno) 46, altrimenti nota ai fan come "La Trilogia di Galactus", è considerata da molti una delle migliori storie di Marvel Comics della Silver Age of Comics.
  • Stan Lee ha dichiarato in Marvel Masterworks: Fantastic Four Vol 5 che durante la creazione del personaggio voleva un personaggio divino che era al di là del bene e del male, mentre Jack Kirby è stato ispirato dalla Bibbia durante la creazione del personaggio.
    • Il vero nome di Galactus Galan potrebbe essere basato sulla parola galan dei versetti della Bibbia che significa "Vivi a lungo e prospera".
  • Jack Kirby inizialmente non aveva intenzione di far riapparire Galactus dopo la "Trilogia di Galactus" per preservare la sua presenza imponente, ma la sua popolarità tra i fan ha spinto Stan Lee a richiedere a Kirby di riportare Galactus, rendendolo un personaggio ricorrente nell'universo Marvel.[138]
  • Quando tracciò la fine della sua corsa in "Ultimates 2 2", lo scrittore Al Ewing inizialmente aveva pianificato che Galactus sacrificasse il suo status di Portatore di Vita per salvare Eternità, con l'intenzione di rendere il viaggio del personaggio nella storia una tragedia. Essendosi appassionato di scrivere la nuova forma di Galactus, Ewing decise di scartare quell'idea.[139]

Scopri e Discuti

Note a piè di pagina

  1. 1,0 1,1 Annihilation: The Nova Corps Files #1
  2. Official Handbook of the Marvel Universe Vol 4 #14
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 Fantastici Quattro 34
  4. Fantastici Quattro 253
  5. FF #16
  6. Marvel Collection 135
  7. Thor 84
  8. Marvel Crossover 74
  9. 9,0 9,1 9,2 Fantastici Quattro 335
  10. 10,0 10,1 10,2 Marvel Crossover 55
  11. Marvel World 23
  12. Iron Man 4
  13. 13,0 13,1 13,2 13,3 13,4 Avengers 61
  14. 14,0 14,1 Fantastici Quattro 281
  15. Devil & Hulk 155
  16. 16,0 16,1 Marvel Fact Files #12
  17. 17,0 17,1 Thor 259
  18. 18,0 18,1 18,2 18,3 18,4 Official Handbook of the Marvel Universe A-Z #4
  19. 19,0 19,1 19,2 19,3 19,4 19,5 Thor (Corno) 68
  20. 20,0 20,1 20,2 20,3 Star Magazine 16
  21. 21,0 21,1 21,2 21,3 21,4 21,5 Avengers 54
  22. 22,0 22,1 22,2 Avengers 67
  23. 23,0 23,1 23,2 23,3 Silver Surfer: Nero
  24. 24,0 24,1 Thor 254
  25. 25,0 25,1 Thor 258
  26. 26,0 26,1 Marvel Mix 53
  27. Fantastici Quattro (Corno) 44
  28. 28,0 28,1 Fantastici Quattro (Corno) 45
  29. Fantastici Quattro (Corno) 46
  30. Fantastici Quattro (Corno) 187
  31. Fantastici Quattro (Corno) 188
  32. Fantastici Quattro (Corno) 189
  33. 33,0 33,1 Fantastici Quattro (Corno) 190
  34. Settimanale dell'Uomo Ragno 24
  35. Settimanale dell'Uomo Ragno 25
  36. Settimanale dell'Uomo Ragno 27
  37. 37,0 37,1 Settimanale dell'Uomo Ragno 28
  38. 38,0 38,1 38,2 Fantastici Quattro 15
  39. Fantastici Quattro 16
  40. 40,0 40,1 40,2 Fantastici Quattro 29
  41. Silver Surfer (Play) 16
  42. Silver Surfer (Play) 17
  43. 43,0 43,1 Silver Surfer (Play) 18
  44. Silver Surfer (Play) 19
  45. Silver Surfer (Play) 20
  46. Silver Surfer (Play) 10
  47. 47,0 47,1 Silver Surfer 0
  48. Silver Surfer 1
  49. 49,0 49,1 Silver Surfer 2
  50. Silver Surfer 17
  51. Fantastic Four 154
  52. Fantastic Four 184
  53. Fantastic Four 185
  54. Fantastic Four 186
  55. Fantastic Four 187
  56. Fantastic Four 188
  57. Fantastic Four 189
  58. Fantastic Four 210
  59. Fantastic Four 211
  60. Fantastic Four 212
  61. Fantastic Four 213
  62. Fantastic Four 214
  63. 63,0 63,1 63,2 63,3 Marvel Crossover 47
  64. 64,0 64,1 Marvel Crossover 48
  65. For Fans only 8
  66. Son of Hulk #13
  67. Son of Hulk #14
  68. Son of Hulk #15
  69. Son of Hulk #16
  70. Son of Hulk #17
  71. Fantastici Quattro 322
  72. Fantastici Quattro 323
  73. Thor 152
  74. Thor 153
  75. Thor 154
  76. Thor 155
  77. 77,0 77,1 Thor 156
  78. 78,0 78,1 Thor 157
  79. Fantastici Quattro 333
  80. Fantastici Quattro 337
  81. Marvel Miniserie 144
  82. 82,0 82,1 82,2 Marvel World 24
  83. 83,0 83,1 83,2 Marvel World 25
  84. Marvel World 26
  85. Capitan America 56
  86. Iron Man 28
  87. Marvel Miniserie 164
  88. Marvel Miniserie 172
  89. Avengers 58
  90. Avengers 60
  91. Avengers 73
  92. Avengers 79
  93. Avengers 80
  94. Avengers 84
  95. Avengers 86
  96. Avengers 88
  97. Avengers 90
  98. Avengers 92
  99. Avengers 93
  100. Marvel Miniserie 207
  101. Marvel Miniserie 208
  102. 102,0 102,1 Doctor Strange 55
  103. 103,0 103,1 Doctor Strange 56
  104. 104,0 104,1 Doctor Strange 57
  105. 105,0 105,1 Doctor Strange 58
  106. 106,0 106,1 Doctor Strange 59
  107. 107,0 107,1 Doctor Strange 60
  108. Thor 255
  109. Thor 256
  110. Thor 257
  111. Official Handbook of the Marvel Universe Vol 2 #3
  112. Thor (Corno) 32
  113. Marvel Universe 31
  114. 114,0 114,1 114,2 Fantastici Quattro 336
  115. 115,0 115,1 Thor 171
  116. Marvel Fact Files #10
  117. 117,0 117,1 117,2 117,3 All American Comics 50
  118. Marvel Mix 54
  119. 119,0 119,1 Fantastici Quattro 120
  120. Marvel Crossover 71
  121. 121,0 121,1 Silver Surfer: Il Giorno del Giudizio
  122. Silver Surfer 5
  123. Fantastic Four 98
  124. Marvel Collection 41
  125. Incredibile Devil 2
  126. Uomo Ragno (Corno) 43
  127. Incredibile Devil 1
  128. Marvel World 15
  129. Official Handbook of the Marvel Universe AZ #4
  130. Fantastici Quattro 14
  131. 131,0 131,1 131,2 Fantastici Quattro 164
  132. Speciale Guerre Segrete 3
  133. Cosmic Powers Unlimited #2
  134. Avengers 56
  135. For Fans Only 8
  136. Fantastici Quattro 88
  137. Marvel TV: Galactus - The Real Story #1
  138. "Galactus, saccheggiatore dei pianeti! Il primo semidio di Kirby" da "Jack Kirby's Collector".
  139. Ultimates 2 #100
  140. Official Handbook of the Marvel Universe A-Z #4



Ti piace? Facci sapere!

Advertisement