FANDOM


Character Template HelpHelp
Vero Nome
Information-silk
Altri Alias
Information-silk
"Sua Divina Maestà il Re Groot XXIII, Monarca del Pianeta X, custode dei mondi ramificati, sovrano di tutte le sfumature",[1]Venom,[2] Figlio della Rovina, Seme del Macello, Figlio della Distruzione,[3] Nova[4]

Identità
Information-silk

Appartenenza
Information-silk

Parenti
Venom (ex simbionte)

Universo
Information-silk

Base Operativa
Ryder; precedentemente Milano, C.I.T.T.; Ovunque

Caratteristiche
Genere
Information-silk

Altezza
Information-silk
7,00 m (variabile)

Peso
Information-silk
4.1 t (variabile)

Occhi
Information-silk

Capelli
Information-silk

Pelle

Caratteristiche Particolari
Completamente composto da denso legno con una dura pelle di corteccia e sporgenze simili a rami.

Stato
Cittadinanza
Information-silk

Stato Civile
Information-silk

Occupazione
Avventuriero, monarca impostore del Pianeta X

Educazione
Conoscenza condivisa attraverso le radici del Pianeta X. Un po' di educazione nell'ingegneria sovrapposta.

Origine
Origine

Luogo di Nascita


Prima apparizione
Prima apparizione in Italia

Storia

Primi anni

Groot era un Flora colossi del Pianeta X, la capitale dei mondi dei rami. Non andava d'accordo con gli altri alberelli, preferendo invece la compagnia dei "Mammiferi di mantenimento" che gli altri alberelli trattavano con pregiudizio. Dopo che Groot uccise un altro alberello per difendere un mammifero di mantenimento e liberò un soggetto umano rapito per scopi scientifici, venne esiliato dal pianeta dagli "Arbor Masters".[5] [6] Senza alcun posto dove andare, Groot si preparò ad esplorare altre galassie.

Guardiani della Galassia

Nella sua età adulta, Groot si ritrovò nello spazio Kree, dove fu prontamente catturato e imprigionato. Mentre era in prigione, formò un rapporto d'amicizia con Rocket Racoon), e venne assegnato a una squadra di operazioni segrete guidata da Starlord, il cui obiettivo era quello di attaccare Hala e sconfiggere i Phalanx. Il suo corpo fu in gran parte distrutto, ma un piccolo ramoscello si staccò, preservandolo, viaggiando nelle cure di Rocket Raccoon, adattandosi facilmente alla sua mano. Tornò alla sua vera grandezza nel tempo.

Guardians of the Galaxy (Earth-616) from Annihilators Vol 1 4 0001

Mojo TV

Mentre Groot e Rocket Raccoon si trovavano in un bar di basso livello, vennero avvicinati da un gruppo di Badoon che tentarono di arrestarli per "Crimini contro la Fratellanza Reale". Ne conseguì una rapida sparatoria da cui i due riuscirono a scappare, con Rocket che creò una via di fuga sparando buchi nei barili di birra facendo sì che i clienti del salone si precipitarono per birra gratis. A bordo della loro astronave, Rocket ordinò a Groot di intraprendere azioni evasive mentre il procione potenziava gli stardrive per consentire loro di fuggire. Tuttavia, Rocket trovò vuoto lo scompartimento stardrive e la scena si interruppe con la comparsa di Mojo che proclamò "Il miglior episodio pilota di sempre!"[7]

I due si ritrovarono a fissare uno scompartimento vuoto dove dovreva trovarsi uno stardrive e si chiesero perché sentivano all'improvviso voci di un narratore o qualcosa del genere. La loro nave esplose e comparvero le navicelle dei Badoon loro inseguitori. Riuscirono ad infilarsi in un mezzo che iniziò a precipitare su un pianeta di ghiaccio sottostante. Mojo chiese che la scena fosse tagliata. Sullo sfondo, il dispositivo di elaborazione delle spedizioni Timely Inc. di Rocket analizzò la situazione e informò il duo che erano coinvolti in una costruzione artificiale drammatica. Realizzarono di trovarsi in uno "Studio della Flarkin TV" e affrontarono un ologramma di Mojo che sparava con armi vere.[7]

Groot (Earth-616) from Guardians of the Galaxy Vol 3 4 0001

Groot e Rocket Raccoon vennero trasportati nel Mojoverso dal produttore televisivo interdimensionale noto come Mojo, che decise di utilizzare la coppia nel suo ultimo reality show televisivo. Reclutò vari criminali che gli eroi avevano combattuto in passato e posizionò la coppia in scenari in cui avrebbero dovuto combatterli di nuovo. Con il duo spostato da uno scenario all'altro, Mojo iniziò a pubblicizzare action figures con delle scatole che consentivano agli acquirenti di assemblare il proprio personaggio Groot da 30 centimetri dopo averle raccolte tutte e cinque. Il dispositivo di elaborazione e analisi decise di assumere il controllo della situazione e puntare una pistola a raggio mesonico B-00-M sul volto di Mojo, permettendo al sistema di realtà di fermarsi il tempo necessario per la fuga degli eroi.[7]

Ritorno nei Guardiani

Groot, insieme al resto della sua squadra, aiutò i Vendicatori a combattere Thanos.[8] Thanos riuscì a ottenere un Cubo Cosmico dall'esercito degli Stati Uniti, con il quale fuggì a Moord, la patria dei Badoon. I Guardiani arrivarono alla Avengers Tower e informarono i Vendicatori della situazione. Si unirono ai Guardiani per combattere Thanos e i Badoon.[9]

Dopo che apparentemente Thanos uccise gli Anziani dell' Universo, per imporre la sua supremazia, divenne un tutt'uno con il Cubo Cosmico e uccise sia i Vendicatori che i Guardiani. Ma in realtà, furono inviati al Cancroverso insieme agli Anziani. Lì Tony Stark scoprì che l'arma di Thanos non era in realtà un Cubo Cosmico e che aveva dei difetti. Contrattarono con il Collezionista, per un'arma in grado di disattivare il "Cubo" e tornare sulla Terra, dove i Vendicatori e i Guardiani permisero agli Anziani di sconfiggere il Titano Pazzo.[9]

Black Vortex

Poco dopo essersi unito ai Guardiani per conto dei Vendicatori come tramite, l'Agente Venom iniziò a perdere il controllo del suo simbionte. Dopo che gli fu preso per precauzione dai Guardiani, il simbionte fuggì dalla prigionia e si legò per un breve periodo a Groot.[2]

Insieme ai Guardiani della Galassia, Groot fu uno dei tanti eroi coinvolti nella caccia al Black Vortex, un antico artefatto che conferiva potere. Dopo essere stati catturati da Mister Knife, Groot e gi membri degli X-Men Uomo Ghaccio e Ciclope si imbatterono nel Black Vortex mentre fuggevano dalla fortezza mobile del cattivo. Groot si sottomise al potere del Vortex e sfruttò un livello cosmico di poteri.[10] Quando respinse i poteri permeati del Vortex una volta che era stato assicurato, l'aspetto di Groot fu leggermente alterato. Invece di essere composto interamente da legno scortecciato, il suo corpo divenne formato da viti sormontate da lastre protettive di legno.[11]

I Am Groot Vol 1 1 Textless

Baby Groot

Distrutto

Mentre accompagnava Rocket su Stohlad Ring, Groot fu attaccato dall'Anziano dell'Universo noto come il Giardiniere. Affermando che Groot era stato corrotto dai Guardiani e deviato dal suo scopo distruttivo, il Giardiniere distrusse Groot. Rocket riuscì a scappare con una scheggia di Groot che successivamente piantò in modo da poter far ricrescere il suo corpo.[12] Tuttavia, il Giardiniere usò i resti di Groot per lo stesso scopo, piantando un giardino di Flora colosso la cui crescita impedì al Groot originale di crescere più grande di un alberello.

I Guardiani della Galassia alla fine si accorsero dell'uso dell'esercito del colosso Flora da parte del Giardiniere e lo affrontarono sul pianeta Telferina. Durante la battaglia, Groot riuscì ad avvicinarsi al Giardiniere e usò i suoi poteri curativi per purificare il corpo dei veleni che lo facevano impazzire. In cambio, l'anziano usò le sue abilità per ripristinare il corpo di Groot, non solo riportandolo alle sue dimensioni normali, ma anche permettendogli di pronunciare frasi complete, anche se in terza persona.[13]

Poteri e Abilità

Poteri

Fisiologia Flora Colossus: Groot è il membro di una razza aliena di alberi umanoidi e come tale, possiede varie abilità uniche per la sua specie.

  • Fattore curativo rigenerativo: Groot è stato apparentemente ucciso in tre occasioni, ogni volta ricrescendo da un rametto. Questo può essere un grande contributo alla sua botanopatia.
  • Modifica della dimensione: Groot può crescere a una velocità estremamente avanzata a piacimento, crescendo alle sue dimensioni normali da un rametto,[14] o crescendo dalle sue dimensioni normali a un gigante.
  • Plasticità: Groot ha la capacità di allungare gli arti per lunghe distanze e rimodellarli per una varietà di compiti. Normalmente prende la forma di un grande umanoide simile ad un albero, ma può anche intrecciare i suoi arti in un denso groviglio di viti. Può far crescere singoli arti fino a lunghezze attualmente sconosciute, permettendogli di avere poteri di allungamento simili a Reed Richards.[6] Ciò può essere correlato alla sua rigenerazione cellulare e al suo controllo sulle piante.
  • Forza sovrumana: L'albero simile a Groot gli fornisce una grande forza che gli permise anche di sopraffare Armadillo.[15]
  • Durabilità sovrumana: La pelle di Groot è composta da legno abbastanza denso e abbastanza resistente da renderlo immune alla maggior parte delle armi convenzionali, inclusi gli spari e il fuoco che consumerebbero la maggior parte dei boschi.
  • Clorocinesi: Groot ha il particolare potere di controllare altre piante, o la sua stessa forma fisica, quindi può trasformare le sue mani in lame, o crescere di dimensioni del tutto, o persino usare quel potere per guarire se stesso da fatali ferite.
  • Potere curativo: Groot è in grado di curare gli altri. Mentre le funzionalità complete sono sconosciute, è stato capace di liberare il Giardiniere dal veleno in pochi secondi.[13]

    Abilità

Intelligenza geniale: Groot ha ricevuto la migliore educazione da Photonic Knowledge of the Arbor Masters. È intelligente e ha una straordinaria conoscenza dell'ingegneria super-posizionale, quasi dimensionale.[16]

Note

  • Il Pianeta X che ospita Goom e Googam, così come il Pianeta X di Kurrgo visto in Fantastici Quattro (Corno) 4, in seguito chiamato Xanth nel Manuale ufficiale dell'universo Marvel, può o meno essere lo stesso Pianeta X da cui Groot afferma di venire. Tuttavia, il pianeta X visitato dai Fantastici Quattro venne distrutto, mentre Groot è tornato di recente a casa.

Links

Cerca e Discuti

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.