Marvel Database
Advertisement





Jean Grey è una mutante con vaste capacità empatiche e telepatiche che sono state risvegliate traumaticamente quando da bambina assistette alla morte della sua migliore amica. Per anni, Jean Grey è stata guidata da uno specialista mutante, il Professor Charles Xavier, un telepate lui stesso. Alla fine, sviluppò anche poteri telecinetici.[14] Quando Xavier aprì una scuola per mutanti per preparare i suoi studenti al suo sogno di pacifica convivenza tra mutanti e umani, Jean Gray fu iscritta come ultima studente della sua prima classe. Come Marvel Girl, divenne una degli originali X-Men, un gruppo che lotta per un mondo che odia e teme i mutanti.[15]

Jean Grey è intimamente associata alla Fenice, un'entità cosmica immensamente potente.[16] Dopo essere stata corrotta dal Club Infernale, Fenice nacque come Fenice Nera e causò una distruzione incommensurabile. La coscienza di Jean Grey portò la Fenice a sacrificarsi per prevenire un'ulteriore distruzione.[17] Il legame di Jean Grey con la Fenice, una forza di distruzione e rinascita, causò una serie di morti[18][9] e resurrezioni.[19][20] Al suo più recente ritorno, Jean Grey rifiutò definitivamente la Fenice e prese la direzione di una nuova squadra di X-Men.[21]

Quando tutta la razza mutante fu unita nella nazione insulare mutante di Krakoa per iniziativa di Charles Xavier, Jean Grey si unì ai suoi ex amici.[1] Su Krakoa, faceva parte dell'organo di governo noto come Concilio Silenzioso[22] e faceva parte della ricreazione di X-Force, l'organizzazione delle operazioni segrete di Krakoa, nel suo settore dell'intelligence.[23] Più recentemente, insieme a suo marito, Ciclope, ha deciso di riformare gli X-Men come una squadra di supereroi Krakoani che combattono per proteggere la razza mutante.[24]


Quote1.png Veniamo al mondo soli, e... lo lasciamo allo stesso modo... ma il tempo che trascorriamo nel mezzo... che trascorriamo vivendo e imparando... assieme... per questo tempo vale la pena vivere. Quote2.png
-- Jean Grey src 
Questa è una versione ridotta della storia di Jean Grey. Per una storia completa vedi Storia estesa di Jean Grey

Primi anni

Jean Gray è la figlia minore del Professore John Gray del Dipartimento di Storia del Bard College di Annandale-on-Hudson, New York e sua moglie Elaine Gray. Quando Jean aveva dieci anni stava giocando con la sua migliore amica, Annie Richardson quando quest'ultima fu investita da un'auto.[14] L'emozione che Jean sentì mentre teneva la sua amica morente risvegliarono i suoi poteri latenti telepatici, e sperimentò le emozioni di Annie mentre moriva. Questo evento traumatico lasciò Jean in uno stato chiuso e profondamente depresso. Inoltre, Jean non poteva controllare le sue capacità telepatiche appena risvegliate e dovette isolarsi dalle altre persone per mantenere la sua sanità mentale.

Jean tiene tra le braccia la sua migliore amica morente

Alcuni mesi dopo, uno psichiatra raccomandò ai suoi genitori di consultare il Professor Charles Xavier, che era segretamente un mutante con capacità telepatiche. Il Prof. Xavier spiegò a Jean, ma non ai suoi genitori, che era una mutante, e la curò per diversi anni. Il Prof. Xavier eresse barriere psichiche nella mente di Jean in modo che non fosse in grado di usare le sue abilità telepatiche fino a quando non avesse sviluppato la maturità necessaria per affrontarle. Inoltre, la aiutò a sbloccare il suo potenziale come abilità telecinetica, insegnandole come levitare e manipolare oggetti attraverso la forza psionica.[14]

Sotto la guida di Xavier, Jean Grey lo aiutò a calibrare la sua macchina Cerebro, un dispositivo di localizzazione di mutanti[25] e sperimentò un contatto psichico con la mente del giovane orfano Scott Summers.[26] Dopo anni di cure, Jean Grey si riprese con successo. Alla fine, Xavier raccomandò a John ed Elaine Gray di iscrivere la figlia alla sua nuova Scuola di Xavier per Giovani Dotati.[14]

X-Men

Jean come parte degli originali X-Men

Questa scuola fungeva da copertura per gli X-Men, una squadra di giovani mutanti addestrati dal Professor Xavier per combattere per un sogno di pacifica convivenza razziale. La squadra agiva nell'ombra combattendo le minacce poste da mutanti malvagi che usavano i loro poteri contro l'umanità. Jean Grey completava il gruppo con altri quattro studenti, Ciclope, pseudonimo mutante di Scott Summers, Uomo Ghiaccio, Angelo e Bestia. Gray assunse il nome in codice Marvel Girl.[15]

Come membro degli X-Men, Marvel Girl affrontò terroristi e mutanti malvagi, come Magneto[15] e la sua Confraternita dei Mutanti Malvagi,[27] lo Svanitore,[28] e Blob.[29] Sebbene Jean Grey fosse stata inizialmente molestata dai suoi civettuoli compagni di squadra maschi,[15] il gruppo presto formò un solido legame di amicizia come risultato delle loro continue avventure e dell'intenso allenamento nella Stanza del Pericolo della X-Mansion.[28]

Dislocamento temporale

Inaspettatamente, la prima classe degli X-Men fu avvicinata da una Bestia versione futura che aveva viaggiato nel loro tempo per informare la razza mutante di fronte a un imminente destino e solo gli X-Men originali avrebbero potuto aiutare a risolverlo.[30] Gli X-Men accompagnarono la Bestia in un futuro irriconoscibile in cui la stessa Jean Grey era morta e la scuola era intitolata a lei, Ciclope era responsabile della morte di Charles Xavier e gestiva la sua stessa fazione di X-Men come alleato di Magneto, e Bestia era stata vittima dell'evoluzione mortale dei suoi poteri. Dal momento che Xavier non era presente, i blocchi mentali che aveva posto nella mente di Grey furono disattivati, permettendole di accedere ai suoi poteri telepatici molto prima che fosse originariamente previsto.[30]

Incuriositi dalle informazioni ricevute e a disagio per l'aggressività del preside della scuola Jean Grey, Wolverine, i giovani X-Men decisero di incontrare da soli il futuro Ciclope. Da sensitivo non addestrato, Grey ebbe accesso alla mente del futuro Ciclope, che era fuggito con l'aiuto di Magneto dopo un breve confronto con gli X-Men originali. Dopo essersi ricomposta, Grey tornò all'X-Mansion con i suoi compagni di squadra.[31] Lì, usò la sua telepatia per aiutare la giovane Bestia a salvare la futura Bestia dalla morte. Durante questa esperienza, Bestia condivise i suoi ricordi sulla vita inquietante che Jean Grey aveva vissuto con l'immatura Jean Grey.[32]

Con la Bestia al sicuro, Jean Grey decise di rimanere nello snervante futuro che avevano appena incontrato e chiese agli altri X-Men di votare, con solo Angelo che si opponeva. Sotto la supervisione di Kitty Pryde, il team decise di restare e risolvere i problemi di questo periodo prima di tornare al proprio tempo.[32] La leadership del Giovane Ciclope fu messa in discussione a causa delle azioni del suo io futuro, e la tenace Jean Grey fu nominatao per guidare gli originali X-Men dislocati nel tempo.[32]

Il gruppo continuò ad affrontare avversità nell'adattarsi alla nuova realtà. Quando Angelo tentò di tornare al passato da solo, Grey lo costrinse telepaticamente ad abbandonare le sue intenzioni. Il suo uso sconsiderato dei suoi poteri psichici causò angoscia tra gli X-Men passati e presenti.[33] Quando Ciclope adulto invitò gli studenti della Scuola Jean Grey a unirsi alla sua squadra rivoluzionaria nella Nuova Scuola Charles Xavier, Angelo decise di unirsi a lui. Jean Grey tentò ancora una volta di controllarlo, ma fu respinto dagli alleati psichici di Ciclope: Emma Frost e le Tre-in-Uno.[34]

Nel frattempo, l'uso irresponsabile dei suoi poteri da parte di Jean Grey fu ulteriormente aggravato quando catturò Ciclope pensando a un nemico degli X-Men di nome Mystica, che aveva incontrato segretamente giorni prima.[34] Sotto la raccomandazione del direttore Maria Hill, la squadra originale ricevette il compito di intercettare Mystica, che era stata coinvolta in attività terroristiche illegali.[34] Durante la lotta contro Mystica e i suoi alleati, Grey fu presa di mira dall'illusionista Lady Mastermind. Tuttavia, essendo una sensitiva in forte sviluppo, contrastò facilmente l'attacco, imparando anche a lanciare potenti illusioni nel processo. Mystica fu sconfitta e catturata in modo cruciale a causa delle azioni di Jean Grey, poiché riuscì a contenere telepaticamente e telecineticamente i nemici degli X-Men.[35]

Emotivamente, Jean Grey dovette affrontare la sua relazione degradante con il suo compagno di squadra Ciclope. Sottolineata dalla natura apparentemente inevitabile della loro futura relazione romantica e dal modo in cui non poteva riconoscere Ciclope nel suo io più vecchio, rivolse il suo interesse a Bestia dopo aver appreso accidentalmente dal suo io futuro del suo amore nascosto per lei.[36]

Battaglia dell'Atomo

Dopo la battaglia con gli X-Men e la Confraternita da un lontano futuro, che includeva una versione della giovane Jean dal lontano futuro (che non era tornato nel passato) che aveva disertato nella Confraternita, gli X-Men dislocati e Kitty si trasferirono per unirsi al futuro Ciclope a causa dei sentimenti di Kitty verso la squadra di Logan che aveva tradito i loro fondatori.[37]

Il Processo a Jean Grey

Jean nel futuro

Subito dopo il loro dislocamento, Jean Gray fu rapita dall'Impero Shi'ar per essere processata per crimini perpetrati dalla Fenice.[38] Dopo che i suoi compagni di squadra, i Guardiani della Galassia e gli Predoni si unirono nella missione di salvataggio, ingaggiarono una battaglia contro la Guardia Imperiale Shi'ar, e Jean sviluppò nuovi poteri combinando la sua telepatia e telecinesi combattendo faccia a faccia con Gladiatorw e uscendo in cima. In seguito, Jean sottolineò che niente di quello che le era accaduto era successo prima, quindi non sarebbe dovuta essere ritenuta responsabile per un futuro di cui potrebbe non far più parte.[39]

Crisi M-Pox

Gli X-Men dislocati nel tempo si sciolsero e presero strade separate sulla scia della crisi M-Pox, causata dal Nebbie Terrigene che vagavano nell'atmosfera terrestre.[40] Gli attuali X-Men subirono un destino simile, sebbene Tempesta alla fine li abbia uniti per affrontare questa nuova minaccia per il suo popolo. A Jean fu personalmente chiesto da Tempesta di unirsi alla sua squadra, e lei accettò, anche se aveva passato i mesi precedenti a costruire una vita normale e ad andare al college.[41]

Una volta che la crisi di M-Pox fu neutralizzata e la Nebbia Terrigena distrutta,[42] Jean si riunì con i suoi amici dislocati nel tempo su richiesta di Bestia. Hank aveva trovato un modo per tornare al passato, ma voleva mostrare loro una sfortunata scoperta. Era riuscito a viaggiare nel passato solo all'interno della linea temporale in cui stavano attualmente abitando e non nella loro, il che li portò a trovare i giovani X-Men di questa linea temporale in passato che inizialmente credevano sarebbero stati disponibili per il loro ritorno. Ormai certi della loro incapacità di tornare al loro tempo, i giovani X-Men non vedevano l'ora di costruire un nuovo futuro, che non era più legato a quello del loro presente.[43]

La Resurrezione di Fenice

Avvisata che la Forza Fenice stava arrivando per reclamarla come ospite dal fantasma del suo sé più vecchio, Jean si è rifiutò di condividere il destino del suo sé più vecchio e prese provvedimenti per prepararsi al suo arrivo consultando i suoi ospiti precedenti, Rachel Summers, Hope Summers, Magik, le Naiadi di Stepford ed Emma Frost, così come gli esseri divini come Odinson, potenti sensitivi come Psylocke e maghi come Dottor Strange e Scarlet.[44] Il Cubo Cosmico, Kobik, la mandò indietro nel tempo per incontrare la vecchia Jean Grey, o meglio, la Manifestazione della Forza Fenice come Jean Gray, appena prima del suo rapimento da parte di Mastermind, e Fenice interpretò il potere travolgente dell'uccello di fuoco cosmico facendolo volare nello spazio, ignorando casualmente le leggi della fisica nel processo, e combattendo contro Galactus e il suo araldo Terrax il Domatore. Fenice sconfisse facilmente Terrax, ma fu sopraffatta dal Potere Cosmico e fu quasi consumata da Galactus. La giovane Jean la salvò scatenando i suoi pieni poteri psionici e attaccando Galactus con un'aura viola simile a una fenice, convincendo il Divoratore di Mondi ad andarsene. Jean prese in considerazione l'idea di cambiare il futuro dicendo a Fenice che gli X-Men erano ancora vivi e avvertendola dei piani di Mastermind, ma Uatu l'Osservatore intervenne, e alla fine decise di non farlo, tornando al presente.[45]

Posseduta dalla Forza Fenice

Quando la Forza Fenice si manifestò, Jean ingaggiò l'entità cosmica in battaglia e riuscì a ferirla. Nonostante tutti i suoi preparativi e la certezza di Ghost Jean che la Forza Fenice la volesse viva, l'entità cosmica immolò invece la giovane Jean Grey, riducendola a uno scheletro carbonizzato per resuscitare la vecchia Jean Grey come suo unico vero ospite.[46] Nonostante non sia stata una ospite della Fenice, Jean si trovò nella Stanza al Calor Bianco, dove la Fenice tentò di distruggerla usando le manifestazioni dei suoi ospiti passati. Jean si rese conto che in qualche modo aveva il controllo della White Hot Room e ordinò alla Forza Fenice di resuscitarla, cosa che fece in modo da sbarazzarsi di lei. Poi tornò a Madripoor, dove fu avvicinata dalla sua controparte più anziana risorta.[47]

Mentre indagava sul rapimento dei Predoni insieme agli altri Giovani X-Men e Venom, Marvel Girl si legò a un simbionte e fu successivamente consumata da un Poison, dando ascesa a Poison Marvel Girl.[48] Tuttavia, Jean fu in grado di usare i suoi poteri psichici per resistere all'essere completamente consumato, analizzando i punti deboli di Regina Poison e cercando di raggiungere Scott. Alla fine Jean si ribellò e uccise la Regina, ricostituendo il suo corpo con l'energia psionica. Sebbene abbia espresso preoccupazione per il fatto di non essere più umana, fu comunque felice di essere riunita con Scott e gli altri suoi amici.[49]

L'ipotesi degli X-Men dislocati nel tempo di poter rimanere nel presente fu messa in discussione quando il crollo del flusso temporale li costrinse a intraprendere un'avventura che portò i giovani eroi a scoprire che le versioni divergenti di se stessi nel passato erano in realtà la Confraternita dei Mutanti Malvagi da un futuro alternativo che li impersonava per trarre vantaggio dal vuoto che avevano lasciato.[50] I giovani Gli X-Men tornarono nel futuro, ma con la consapevolezza che alla fine sarebbero dovuti tornare al momento esatto in cui erano rimasti per impedire alla Confraternita di portare a termine il loro piano.[47]

Quando il cacciatore di mutanti viaggiatore del tempo Ahab prese di mira i giovani X-Men dislocati, minacciando di creare un futuro distopico se avesse ucciso uno dei cinque X-Men originali, un giovane versione del guerriero che viaggiava nel tempo, Cable, decise di inviare i giovani mutanti nel passato da solo. Dopo aver sconfitto Ahab, i giovani X-Men accettarono di tornare al loro tempo originale. Prima di farlo, Jean Grey sigillò i ricordi dello spostamento temporale di lei e dei suoi amici, facendoli riaffiorare solo sul loro io più vecchio non appena i loro io più giovani sarebbero tornati nel passato.[51]

Diploma

Dopo che Jean si diplomò ufficialmente alla scuola di Xavier, i suoi genitori la trasferirono al Metro College. Scott e gli altri X-Men avevano il cuore spezzato. Jean rimase una X-Man part-time quando il tempo lo permetteva, ma non fu una supereroina a tempo pieno. Alla fine Jean riuscì a tornare in squadra. Jean e Scott rivelarono la loro passione reciproca e iniziarono a frequentarsi.[52]

Soddisfatta della maggiore maturità di Jean e dei suoi anni di pratica, Xavier rilasciò le barriere psichiche che impedivano a Jean di usare le sue capacità telepatiche. Quando il Prof. Xavier scoprì che per contrastare un'invasione della Terra da parte dell'alieno Z'Nox doveva isolarsi per un lungo periodo di tempo per fare i preparativi, il mutaforma mutante chiamato Changeling prese il suo posto alla guida degli X-Men, e solo a Jean fu permesso di conoscere la verità. Xavier ordinò a Jean di mantenere il suo segreto al sicuro, anche dopo che Changeling fu ucciso in battaglia, portando gli altri X-Men a credere che il loro mentore fosse morto.[53]

Senza Xavier, gli X-Men ricevettero l'ordine di sciogliersi da Fred Duncan dell'FBI. Mentre Jean iniziava un nuovo lavoro di modellazione, Jean e Scott combatterono Quasimodo, sotto le spoglie di Computo.[54] La squadra si riunì contro Mesmero e un androide Magneto.[55] Quando la flotta Z'Nox raggiunse finalmente la Terra, il Professor Xavier e Jean rivelarono il loro inganno e furono in grado di respingere l'invasione.[56]

Forza Fenice

Durante una missione nello spazio con i Fantastici Quattro per sconfiggere gli Z'Nox una volta per tutte, Jean fu scansionats dalla Forza Fenice, una delle più antiche entità cosmiche conosciute, che avrebbe giocato un ruolo essenziale nel suo destino. Percepì il potenziale illimitato di Jean mentre toccava il suo subconscio.[57]

Insieme ai suoi compagni di squadra, Jean venne catturata dall'isola mutante Krakoa che portò Xavier a reclutare una nuova squadra di X-Men.[58] Jean e gli altri X-Men originali lasciarono la squadra, con solo Ciclope che rimase come vice capo. Jean e Ciclope continuarono a frequentarsi e la loro relazione la mantenne in contatto con la squadra. La nuova squadra era composta da individui e solitari, come Wolverine che sviluppò rapidamente sentimenti per Jean. Jean strinse una forte amicizia con Tempesta e iniziò a vivere con l'investigarice privata Misty Knight.[59]

Mentre si godeva il Natale con Scott e gli X-Men, Jean fu rapita insieme a Xavier, Wolverine e Banshee dalle Sentinelle di Steven Lang e portati a bordo della sua stazione spaziale.[60] Dopo aver sconfitto Lang, gli X-Men fuggirono sulla Terra a bordo di una navetta spaziale durante una tempesta di radiazioni solari. L'abitacolo mancava della schermatura necessaria per proteggere il pilota dalle radiazioni letali. Jean assorbì le conoscenze del Dr. Peter Corbeau sul volo e si offrì volontaria pilota. Mentre guidava la navetta sulla Terra con gli altri X-Men protetti dalla parte schermata della navetta, la radiazione solare alla fine si rivelò troppo grande e iniziò a soccombere ai letali effetti delle radiazioni.[16]

Tuttavia, Jean non morì. La Forza Fenice rispose all'angoscia e alle chiamate telepatiche. La Forza Fenice informò Jean che stava morendo, ma che prendendo la sua mano, Jean avrebbe ottenuto il suo "desiderio del cuore". Ciò che Jean voleva di più era salvare le vite degli X-Men e di se stessa. Jean si aggrappò al braccio della Forza Fenice e cadde in coma. Assunse la forma, i ricordi e la personalità di Jean assorbendo una parte della sua coscienza. Mise Jean in un bozzolo mentre le sue ferite si rimarginavano.[61] Fenice si assicurò che gli X-Men sopravvissero al loro ritorno sulla terra, rispettando la promessa a Jean. La navetta si schiantò contro Jamaica Bay e gli X-Men rimasero scioccati quando "Jean" uscì illesa dal relitto, facendosi chiamare Fenice.[16]

Scott non aveva idea che la donna che amava fosse stata sostituita da un essere cosmico mentre la vera Jean riposava in un bozzolo in fondo alla baia. La Fenice prese il posto di Jean come membro degli X-Men,[62] e continuò la storia d'amore di Jean con Scott.[63]

La Fenice si rivelò una mutante di fronte ai genitori di Jean.[64] Poi aggiustò il Cristallo M'kraan, il nesso di tutte le realtà, salvando l'universo.[65] Più tardi, bloccò l'esplosione ottica di Scott, dandogli la possibilità di vederla chiaramente. Scott e Fenice hanno condiviser una notte intima insieme.[63]

La Fenice fu corrotta in Fenice Nera dall'influenza di Mastermind e del Club Infernale. Venne trasformata nella Regina Nera della loro cerchia ristretta. Dopo aver scosso il controllo di Mastermind, Fenice subì un'altra trasformazione inFenice Nera. Si librò attraverso l'universo, dove divorò un'intera stella e cinque miliardi di abitanti di uno dei suoi pianeti. Tornò sulla Terra e minacciò di uccidere tutti, ma il professor Xavier riuscì a tenerla sotto controllo e la aiutò a tornare alla normalità. Scott infine propose alla Fenice di sposarla prima che venissero teletrasportati via dagli Shi'ar.[66]

L'Impero Shi'ar aveva assistito a Fenice Nera consumare la stella e gli X-Men furono costretti a combattere con la Guardia Imperiale per il destino di Fenice nell'Area Blu della Luna. La battaglia innescò ancora una volta la trasformazione di Fenice in Fenice Nera. Fenice aveva capito che non sarebbe mai stata in grado di controllare completamente la fame oscura dentro di sé e si sacrificò, dando a Scott un addio emotivo. Quando la Fenice si suicidò, Scott credette che l'amore della sua vita fosse morto e lasciò gli X-Men.[67]

La Stanza al Calor Bianco

La parte della coscienza di Jean che si era unita alla Forza Fenice si risvegliò in un regno chiamato White Hot Room. Là Jean si trovò in cima a una torre galleggiante in uno spazio esterno vestita con un completo da Fenice Bianca e chiedendosi perché non fosse morta. Si chiese se ci fossero tre fasi della Fenice: Verde la Buona, Rossa la Cattiva e Bianca, di cui non aveva scoperto il significato.[68]

Jean venne avvicinato dalla stessa Morte, che si manifestò come un operaio edile cosmico maschio. La Morte fece costruire a Jean le torri nell'aldilà per ospitare le anime delle vittime di Fenice Nera. Jean rivisse anche l'esperienza della distruzione del sistema D'bari dal punto di vista delle vittime. La Morte spiegò a Jean che era un avatar della Fenice perché il suo "spirito" era "scolpito più strettamente" da essa. Se lei e la Fenice non fossero state fatte l'una per l'altra, allora non si sarebbero contattate. Era destinata a diventare la Fenice e a curare il Cristallo M'Kraan. Le sue percezioni e la sua immaginazione avevano influenzato la Fenice e che le apparteneva di diritto e che un giorno sarebbe arrivata ai suoi figli. La Morte ordinò a Jean di tornare in vita, vivere e imparare.[68]

La Fenice cercò di restituire i frammenti presi in prestito della forza vitale di Jean. Racchiusa in una piccola porzione di sé, la Forza Fenice adattò questi aspetti alla struttura genetica di Jean e li inviò a sostenere il suo corpo, ancora nel bozzolo in fondo alla baia. Jean istintivamente rifiutò la Fenice, incapace di affrontare le orribili immagini del dolore che la Fenice era aveva provocato. Vagò per il mondo, persa.

Madelyne Pryor

Nel momento in cui Fenice Nera era morta sulla luna, una scintilla della Forza Fenice fu accidentalmente conferita a un clone genetico di Jean, Madelyne Pryor. Madelyne era stata un esperimento fallito di Sinistro, che aveva voluto Jean per il suo potenziale genetico, ma non l'aveva rapita quando era bambina sapendo che poteva essere smascherato da Xavier. Credeva che un'unione tra Ciclope e Jean Grey avrebbe prodotto un potente mutante che avrebbe potuto usare per sconfiggere il suo nemico, Apocalisse, quindi clonò Jean. Sinistro abbandonò il clone quando non manifestò abilità mutanti. L'aspetto perduto della Fenice che era stato rifiutato da Jean divenne attratto da Madelyne Pryor. Diede una scintilla a Madelyne, concedendole una forza vitale e alcuni dei ricordi di Jean. Madelyne si animò circondata da un uccello di fuoco e Sinistro rimise immediatamente in moto il suo piano.[68]

Jean reclama i ricordi della Fenice dalla matrice olempatica[69]

Scott rimase scioccato dall'incontro con Madelyne Pryor. Ignaro che Madelyne fosse un clone di Jean ora programmato da Sinistro per innamorarsi di lui, Scott divenne ossessionato dalla sua somiglianza con il suo amore perduto.[70] Imparò che lei era l'unica sopravvissuta a un incidente aereo avvenuto lo stesso giorno in cui Fenice era morta, un'invenzione creata da Sinistro. All'inizio, Scott sospettava che Madelyne fosse una reincarnazione di Fenice, ma in seguito l'accettò per quello che era e si sposarono. Madelyne diede a Scott un figlio di nome Nathan Christopher Charles Summers.[71]

Rachel Summers

Presto Scott incontrò Rachel Summers, sua figlia avuta con Jean da un futuro alternativo.[72] Rachel si chiamava Fenice e indossava un vestito simile all'originale, un fatto che a Scott non andò giù. Rachel rimase scioccata nello scoprire che, a differenza della sua linea temporale, Jean Grey era morta e Scott Summers era invece sposato con un'altra donna. Non volendo disturbare il matrimonio di Ciclope con Madelyne, Rachel mantenne segreta la sua vera relazione con lui. Quando scoprì che Scott sarebbe stato presto il padre di un figlio diverso da lei, Rachel iniziò a entrare nella Forza Fenice e promise di restituire onore al nome di sua madre. Stabilì un legame psichico con Nathan, giurando di proteggere il suo fratellino finché fosse vissuta.[71]

X-Factor

Molti mesi dopo la morte di Fenice, i Vendicatori trovarono il bozzolo di Jean sotto Jamaica Bay[73] e lo portarono ai Fantastici Quattro per studiarlo. Jean si liberò dal bozzolo, ed inizialmente non era in grado di ricordare il suo incontro con la Forza Fenice, ma con l'aiuto dei Vendicatori e dei Fantastici Quattro, si ricordò cosa era successo.[61] Come risultato delle sue esperienze strazianti, Jean aveva perso i suoi poteri telepatici, ma la forza dei suoi poteri telecinetici era notevolmente aumentata. Jean evitò di informare la sua famiglia del suo ritorno perché non sapeva come dare la notizia.

Nel frattempo, il matrimonio di Scott e Madelyne divenne teso. Madelyne si risentiva del fatto che Scott fosse raramente a casa e che continuasse a sentire la mancanza di Jean. Alla fine, Scott apprese che Jean era tornata e il suo vero corpo era stato in un bozzolo telecinetico per tutto il tempo. Scott fu duramente colpito da questa notizia, ma la nascose a Madelyne e iniziò a fare i bagagli. Lasciò Madelyne e suo figlio nonostante l'avvertimento che se l'avesse lasciata di nuovo, non sarebbe stato accolto mai più.

Uniforme di X-Factor

Jean fu molto turbata nell'apprendere dell'attuale ondata di sentimenti anti-mutanti che si era sollevata durante la sua assenza. Era anche sbalordita dal fatto che gli X-Men stessero lavorando al fianco di Magneto, il più grande nemico originale degli X-Men.[19] Jean decise che gli X-Men avrebbero dovuto fare qualcosa perché credeva che si fossero allontanati dal sogno del Professor Xavier. I cinque amici originali fondarono una nuova organizzazione per aiutare altri mutanti sovrumani. X-Factor intendeva cercare e aiutare altri mutanti con la scusa di dare loro la caccia come minacce per la società. Il pubblico pensava che fossero umani a caccia di mutanti, quando in realtà stavano addestrando giovani mutanti all'uso dei loro poteri al X-Factor Complex. Lavorarono anche come mutanti in una squadra che i media chiamavano X-Terminators.[74]

Incerto su cosa fare con Maddie, il bambino e Jean, Scott si sentiva utile solo quando comandava la sua squadra. Scott tentò di contattare Maddie, ma il numero era stato disconnesso. All'inizio, Scott cercò di mantenere il segreto con Jean del suo matrimonio e del figlio. Nel frattempo, Jean era tormentata dai sogni di se stessa che diventava la Fenice. Sentiva anche che Scott era distante da qualcosa. Pensava che si fosse innamorato di Fenice mentre lei dormiva nel bozzolo. Alla fine venne fuori la verità. Jean notò che Madelyne era la sua copia esatta.[75]

La squadra affrontò Apocalisse e la sua Alleanza del Male. Apocalisse sarebbe diventato uno dei nemici più ostinati di Jean e X-Factor. Una delle sue prime azioni fu trasformare il loro compagno di squadra e amico, Angelo, contro di loro come il suo Cavaliere della Morte.[76]

Jean seppe che sua sorella maggiore Sara Bailey aveva iniziato a parlare a nome dei mutanti durante la sua assenza. Jean e Scott andarono a controllarla, temendo per la sua incolumità. All'arrivo, la casa esplose. In seguito si apprese che Sara era stata uccisa da fanatici che odiavano i mutanti, probabilmente agendo su ordine di Cameron Hodge, responsabile delle pubbliche relazioni di X-Factor.[77]

Sentendosi male per aver abbandonato la sua famiglia, Jean suggerì a Scott di tornare a casa per controllarli. Scott tornò in Alaska per cercarli. Scott e Jean erano entrambi ancora all'oscuro dell'influenza di Sinistro sulle loro vite. Il cattivo inviò i Marauder per uccidere Madelyne Pryor e raccogliere Nathan Christopher per lui. Le spararono più volte ed cadde in coma. Fu portata in ospedale come Jane Doe. Sinistro cancellò ogni record di Madelyne e del bambino. Dopo aver trovato il cadavere di una giovane rossa in un fiume, Scott credette che sua moglie fosse morta e la seppellì da solo.[76]

Scott iniziò ad avere allucinazioni e credere che Jean, Madelyne e la Fenice fossero sempre state la stessa donna. Le visioni di Scott lo portarono quasi ad uccidere Jean prima che si scoprisse che erano in realtà ologrammi creati da Cameron Hodge, che cercava di distruggerli.[78]

Jean e Scott iniziarono ad avvicinarsi di nuovo.[79] Scott e Jean tornarono sul sito sulla Luna dove Fenice si era suicidata e Jean riconobbe che Scott amava lei e lei lo aveva amato.[80] Nel frattempo, Madelyne Pryor si svegliò dal coma e contattò gli X-Men che accettarono di proteggerla.[81]

X-Factor portò Angelo fuori dal suo lavaggio del cervello. Dopo aver sconfitto Apocalisse, la sua Nave senziente si schiantò sul loro Complesso e X-Factor iniziò a viverci. X-Factor rivelò finalmente la verità sulle loro origini mutanti e si liberò del loro travestimento da cacciatori di mutanti.[82] Dopo aver salvato la città da una serie di incendi iniziati a seguito della loro battaglia con Apocalisse, X-Factor ricevette una parata ticker-tape.[79]

Inferno

Scott vide Madelyne e gli X-Men sacrificarsi a Dallas in TV.[79] Le sue ultime parole gli chiedevano di trovare il loro figlio. Usando indizi criptici forniti da Destiny, Scott e Jean tornarono all'orfanotrofio in cui lui era cresciuto e trovarono un intero laboratorio nel seminterrato con molti bambini, incluso il piccolo Christopher, in incubatrici. Jean e Scott combatterono Nanny e Orphan-Maker per il figlio di Scott. Jean in qualche modo aprì un collegamento telepatico con Nathan Christopher, solo per non riuscire a impedire ai demoni di rapirlo. Jean riconobbe i suoi nipoti Gailyn e Joseph nell'esercito di bambini di Nanny sotto ipnosi, ma non riuscì a salvare neanche loro.[83]

Dopo essere tornati a New York, Jean e Scott si riunirono con X-Factor e combatterono innumerevoli demoni. La ricerca di Christopher da parte di X-Factor li condusse dal demone responsabile, N’Astirh, e Madelyne apparve con lui definendosi la Regina dei Goblin. Scott rimase scioccato nello scoprire che sua moglie era viva. Madelyne iniziò a litigare, incolpando Scott e Jean per la miseria della sua vita.[84] Dopo che N'astirh attaccò, X-Factor e gli X-Men unirono gli sforzi per sconfiggerlo. Quando Wolverine vide che Jean era viva, la baciò.[85]

La Regina dei Goblin tentò di sacrificare il piccolo Nathan in cima all'Empire State Building per aprire permanentemente una porta tra la Terra e il Limbo per far dispetto a Scott. La Regina dei Goblin rinchiuse se stessa, Nathan e Jean all'interno di una barriera psionica. L'invasione venne sventata dopo che Madelyne si suicidò in combattimento con Jean. Jean scoprì poi la vera origine di Madelyne. Fucostretta a reintegrare la parte di sé che Fenice aveva dato a Madelyne. Nel processo, Jean ottenne anche i ricordi e le personalità di Madelyne e Fenice.[86] Scott sembrò uccidere Sinistro con un raggio ottica.[87]

Personalità multiple

Dopo il funerale di Madelyne, X-Factor fu attaccato da Nanny e Orphan-Maker, ma la squadra riuscì a salvare i nipoti di Jean. I bambini, tuttavia, non riuscivano a ricordarla. Li lasciò alle cure dei suoi genitori poiché sua sorella era ancora scomparsa.[87] Il passaggio tra le sue molteplici personalità comportò un pesante tributo su Jean. In una battaglia contro i Celestiali, le personalità di Madelyne e Fenice furono eliminate dal suo sistema. Rimasero solo i loro ricordi, lasciando libera Jean.[88]

Scott e Jean iniziarono a portare Nathan Christopher con loro in missione. I poteri mutanti di Nathan Christopher iniziarono a manifestarsi come una bolla di forza protettiva ogni volta che era in pericolo. Più tardi, Scott propose a Jean di sposarlo solo per essere rifiutato. Jean ora portava i ricordi delle precedenti proposte di Scott sia a Fenice che a Madelyne, e aveva bisogno di tempo per assicurarsi che la loro relazione fosse una loro decisione, non preordinata.[89] Scott e Jean appresero finalmente che Rachel era in realtà la loro figlia adulta da una linea temporale alternativa.[87]

Endgame

I Cavalieri della Tempesta rapirono Nathan e lo portarono alla base di Apocalisse sull'Area Blu della Luna. Apocalisse infettò il bambino con il Virus Tecno-Organico, che si stava diffondendo rapidamente attraverso il suo corpo e, se non fermato, lo avrebbe ucciso. Una donna della fine 37esimo-inizio 39esimo secolo apparve chiamandosi Sorella Askani. Affermò di essere un membro del Clan Askani che aveva una tecnologia nel suo futuro che era in grado di salvare Nathan. Tuttavia, poteva solo rischiare di fare un solo salto temporale una volta senza distruggersi. Sconvolto, Ciclope scelse di mandare suo figlio nel futuro piuttosto che vederlo morire nel presente. Per un po' di tempo, Scott non ebbe modo di sapere se la cura di Askani avesse avuto successo.[90] La telepatia di Jean tornò mentre combatteva il malvagio Psynapse dei Dark Rider.[91]

X-Men Squadra Oro

Jean nella sua uniforme della Squadra Oro

Il Re delle Ombre tornò, e insieme, gli X-Men e X-Factor lo sconfissero.[92] X-Factor si sciolse e tutti e cinque gli X-Men originali si riunirono al Prof. X e tornarono alla sua scuola. Jean fece parte della "Squadra Oro" sotto la guida di Tempesta, mentre Scott divenne il leader della "Squadra Blu".[93] Jean smise di usare il suo nome in codice Marvel Girl, preferendo il suo vero nome, Jean Grey. Il membro della Squadra Blu e telepate, Psylocke, cercò di attirare Ciclope nell'infedeltà, influenzando la sua mente alle spalle di Jean.[94] Nel frattempo, un misterioso soldato di nome Cable riorganizzò i Nuovi Mutanti, la squadra di mutanti minori di Xavier, in una squadra di fuorilegge chiamata X-Force.[95]

La Squadra Oro venne invitata a un evento del Club Infernale nel tentativo di seppellire l'ascia di guerra tra i due gruppi. Finì male quando le Sentinelle di Trevor Fitzroy fecero schiantare il gruppo, provocando la morte dei Satiri. Sia Jean che Emma Frost, la Regina Bianca, caddero in coma.[96] Jean in qualche modo trasferì la sua psiche nel corpo di Emma. Dopo essersi svegliata nel corpo estraneo, Jean affrontò Trevor Fitzroy. Gli X-Men la salvarono e fu riportata nel suo corpo.[97]

Gli X-Men tornarono nel Tunnel dei Morlock per impedire a un giovane mutante, Brain Cell, di influenzare mentalmente i Morlock per incitare il caos. Tentando di salvare vite umane, Jean fu costretto a uccidere il Morlock MeMe spegnendo la sua mente.[98]

Sinistro tornò, questa volta fingendosi Apocalisse e comandando i suoi cavalieri. Inviò i Cavalieri di Apocalisse per catturare Jean e Ciclope, e poi consegnò la coppia a Stryfe in cambio di un contenitore contenente una matrice genetica che era stato portato a credere contenesse materiale genetico della famiglia Summers.[99] Stryfe era un pazzo e rivale di Cable, che, torturando Jean e Scott, affermò di essere il figlio di Scott, Nathan, tornato dal futuro e in cerca di vendetta per essere stato abbandonato. Stryfe affermò che Cable, che condivideva la stessa faccia di Stryfe, era un clone di Nathan. Sulla superficie lunare, Cable e Stryfe svanirono entrambi nel flusso temporale dopo l'esplosione di un dispositivo temporale. Jean e Scott pensavano di aver perso Nathan una seconda volta.[100]

Jean finalmente affrontò Psylocke sul suo costante flirtare con Scott, chiedendo di sapere se Scott la stava tradendo. Psylocke usò il suo psi-coltello su Jean, rendendola incosciente. Il loro confronto venne interrotto dall'arrivo di Kwannon, che informò tutti che Psylocke era stata influenzata dal suo personaggio più oscuro.[101] Dopo questo incidente, Scott prese un congedo dagli X-Men per incontrare i suoi nonni in Alaska. Lì, Sinistro lo informò che invece della matrice genetica che aveva desiderato, Stryfe lo aveva tradito e gli aveva dato il mortale assassinio mutante Virus Legacy che aveva accidentalmente rilasciato. Quando Scott tornò a casa dagli X-Men, la sorellina di Colosso, Illyana, aveva già ceduto al Virus Legacy e altre morti sarebbero arrivate. Scott e Jean si riconciliarono.

Cable ritrovò la strada per il presente. Sinistro apparve e informò Cable che Stryfe si era sbagliato sulle loro origini. Stryfe era il clone, mentre Cable era Nathan Summers. Sinistro iformò anche Cable che Tolliver, un trafficante d'armi con cui Cable e X-Force avevano avuto scontri, non era altro che il figlio adottivo di Cable Tyler Dayspring. Cable credeva che Stryfe fosse stato ucciso, tuttavia, Stryfe era effettivamente sopravvissuto come coscienza nella parte posteriore della mente di Cable. Sinistro permise a Stryfe di prendere il controllo del corpo di Cable. Tyler e Stryfe impararono entrambi le loro vere origini, ma la verità era troppo per Stryfe da gestire e si rifiutò di crederci. Ciclope, Jean, Xavier e Domino convinsero Stryfe ad espellersi dalla mente di Cable. Tyler scappò nella confusione. Quando Cable si riprese, chiese a Scott di sua madre prima di andarsene. Alla fine Scott ebbe la maggior parte delle sue risposte e padre e figlio iniziarono finalmente a riparare la loro relazione.[102]

Il matrimonio di Scott e Jean

Il giorno del Ringraziamento, Jean finalmente si propose in sposa a Scott.[103] Jean e il suo amore di lunga data finalmente si sposarono.[104] Jean disse a Rachel Summers che sperava che sarebbe nata presto in questa linea temporale. In seguito, dall'altra parte del mondo e lontano dagli occhi di Jean, Rachel Summers si sacrificava per l'esilio nel flusso temporale per salvare il suo compagno di squadra Excalibur Capitan Bretagna.[105] Rachel emerse duemila anni nel futuro in cui Apocalisse governava dalla sua sopravvivenza della visione del mondo più adatta.

I Daysprings

Redd Dayspring

Durante la loro luna di miele sulle spiagge di Saint Bart's, le coscienze di Jean e Scott furono portate 2000 anni nel futuro da un'anziana Rachel, che era diventata la matriarca del clan Askani Madre Askani dopo che la PForza Fenice l'aveva abbandonata anni prima. Poiché i loro corpi non avrebbero potuto sopravvivere al viaggio nel tempo, Jean e Scott abitarono nuovi corpi clonati dai loro discendenti.

Rachel li aveva portati al momento subito dopo che il giovane figlio di Scott, Nathan, il ragazzo che un giorno sarebbe diventato Cable, era arrivato per la prima volta in futuro infettato da un virus tecno-organico dopo che Scott lo aveva mandato lì per trovare una possibile cura. Il virus tecnoorganico si stava diffondendo e poteva essere tenuto sotto controllo solo con la telecinesi.

Sotto gli pseudonimi di Redd e Slym Dayspring, Jean e Scott crebbero il ragazzo insieme mentre Rachel giaceva in coma, tenuta in vita dalle macchine. Slym e Redd non dissero mai a Nathan delle loro vere origini o delle sue, portandolo invece a credere che fosse nato nel futuro e che fossero i suoi "genitori adottivi". Si unirono al Clan Ribellione ispirato ad Askani per minare l'impero di Apocalisse. Nel frattempo, un clone di Rachel privo di virus, cresciuto dalle cellule sane di Nathan nel caso in cui il virus lo avesse ucciso, fu catturato da Apocalisse, chiamandolo Stryfe e crescendolo come suo possibile ospite per la prossima volta che avrebbe avuto bisogno di cambiare corpo.

Dopo dodici anni, Nate, Slym e Redd impedirono ad Apocalisse di uccidere Stryfe e lo distrussero una volta per tutte. Quel giorno Rachel finalmente morì di vecchiaia. Jean e Scott furono ai loro legittimi corpi nel presente, lasciando Nate da solo e Stryfe sotto la cura dell'ex servitore di Apocalisse Ch'Vayre, che promise di cercare di allevare Stryfe correttamente.[106]

Tornando al presente, Jean e Scott rivelarono a Cable di averlo cresciuto nel futuro come Redd e Slym Dayspring. Cable lo sapeva da tempo e aspettava che fossero pronti a dirglielo. Tornati a scuola, Jean e Scott si trasferirono nell'ex rimessa per barche. Scott offrì a Cable e X-Force una casa nella villa. Jean iniziò a chiamarsi Fenice per onorare l'ultima richiesta di Rachel. Poi allenò Psylocke nell'uso dei suoi poteri telepatici.[107]

Adam-X

Accompagnando Scott in Alaska per controllare suo nonno in ospedale, Jean si imbatté in Adam-X e intuì che c'era una connessione tra lui e la famiglia Summers. Adam permise a Jean di trasferire i ricordi dei suoi giorni come pilota da combattimento Shi'ar a Phillip. In seguito, Adam scomparse e Jean decise di non rivelare il suo incontro a Scott.[108]

Onslaught

Jean fu affrontata da Onslaught sul Piano Astrale, il quale affermò che avrebbe potuto darle il potere della Forza Fenice ancora una volta se si fosse unita a lui. Dopo aver inizialmente rifiutato, Onslaught le mostrò i ricordi nascosti del Prof. Xavier, dove Jean rimase scioccata nell'apprendere che la sua figura paterna e mentore una volta aveva creduto che fosse innamorato di lei. Tuttavia, Jean rifiutò comunque Onslaught. Lasciò Jean con un'immagine del suo nome sulla fronte.[109]

Uno spaventato Fenomeno venne da Jean per chiedere aiuto. Jean tentò di rimuovere i blocchi mentali che Onslaught aveva instillato in lui per impedirgli di rivelare la vera identità dell'entità. Quando Jean scoprì che Onslaught era lo stesso Xavier, questo gli mise la museruola. Dopo che Onslaught sconfisse gli X-Men, inviò un messaggio SOS agli altri X-team avvertendoli che erano stati traditi da uno di loro. Frammenti di questo messaggio arrivarono a un Alfiere del futuro.[110]

È stato determinato che Xavier era stato trasformato in Onslaught come risultato del suo tentativo di cancellare la mente da Magneto.[109] Sebbene gli X-Men abbiano sconfitto l'entità malvagia e liberato il Prof. Xavier, la maggior parte deli eroi della Terra sparirono per un po'. Il Prof. Xavier rimase impotente dopo la sconfitta di Onslaught e venne arrestato per il suo ruolo negli eventi. Jean e Scott diventarono leader degli X-Men e co-presidi della scuola.[111]

Nate Grey

Jean scoprì il potente adolescente mutante sballottato dal tempo noto come Nate Gray. Nate era il figlio geneticamente modificato di Jean e Scott da una realtà alternativa. In sostanza, Nate era una versione più giovane di Cable. Nate possedeva un vasto potere telepatico e telecinetico, ed aveva involontariamente resuscitato Madelyne Pryor in un tentativo inconscio di raggiungere sua "madre". Nate cercò di riassorbire Madelyne, solo per scoprire che non poteva, dato che era diventata indipendente. Nonostante abbia riportato il suo rivale nella sua vita, Jean si separò da Nate in buoni rapporti.[112]

Londra 1759

Jean e Ciclope furono rimandati indietro nel tempo a Londra nell'anno 1759 da Madame Santità. Credevano di essere lì per impedire a Nathaniel Essex di diventare Sinistro. Tuttavia,lui era necessario per la nascita di Nathan Dayspring, il figlio di Aksani, che Madame Sanctity adorava. Li aveva mandati nel passato per impedire ad Apocalisse di conquistare l'Inghilterra.[113]

Operazione: Tolleranza Zero

L'operazione di caccia ai mutanti sponsorizzata dal governo nota come "Operazione: Tolleranza Zero" ebbe effetto, e il malvagio Bastion catturò gli X-Men , Jean, Ciclope, Tempesta, Wolverine e Cannonball.[114] Lo S.H.I.E.L.D. interruppe l'operazione, ma non prima che Bastion potesse posizionare una bomba nanotecnologica nel petto di Scott.[115] L'ultimo membro degli X-Men, una dottoressa mutante di nome Cecilia Reyes, salvò la vita a Scott.[116]

Semi-ritiro

In seguito, Jean e Scott presero un congedo dagli X-Men per riprendersi.[117] Durante il viaggio in aereo verso l'Alaska, combatterono brevemente un battaglione dell'AIM.[118] Durante il congedo, Scott chiamò insieme gli X-Men originali per rivalutare il sogno del professor Xavier di una pacifica convivenza tra mutanti e umani. Scott si stancò quando Jean iniziò a indossare il costume da Fenice verde-oro, manifestando anche l'uccello di fuoco della Fenice durante l'addestramento. Scott iniziò a preoccuparsi che la Fenice fosse tornata finché Jean non perse i suoi poteri psichici a causa della Guerra Psichica. I due sparirno dalle scene per un po' di tempo. Il Professor X tornò dagli X-Men in loro assenza. Anche Nate Gray andò a trovarli in quel periodo. Con i legami tra Nate e i suoi "genitori" rafforzati, Scott presentò a Nate una delle sue vecchie uniformi di X-Factor.[119]

I Dodici

Scott e Jean tornarono dagli X-Men qualche tempo dopo su richiesta di Tempesta, preoccupato per il benessere mentale del Professor X. Xavier aveva finto di perdere il controllo per scoprire un traditore che aveva percepito nei ranghi degli X-Men.[120] Il traditore si rivelò essere uno Skrull che aveva sostituito Wolverine. Un complotto ideato da Apocalisse e e gli Skrull fu scoperto.[121]

Apocalisse fece un'offerta per il potere cosmico assemblando i "Dodici", un gruppo di mutanti che avrebbero determinato il destino della loro specie che includeva Scott, Fenice, l'Uomo Ghiaccio, il Professor X , Tempesta, Magneto, Monolite Vivente, Bishop, Polaris, Sole Ardente, Mikhail Rasputin, Nate Gray e Cable. Per assicurarsi un nuovo corpo ospite, Apocalisse cercò di raccogliere i mutanti di cui aveva bisogno per portare a termine il suo piano e sifonare le fantastiche energie dei "Dodici". Furono collegati a una macchina che avrebbe incanalato le fantastiche energie dei Dodici in Apocalisse, permettendogli di assorbire il corpo di Nate Gray. Mentre i suoi compagni di squadra gli cadevano intorno, un impotente Scott salvò Nate e si fuse con l'aspirante conquistatore per creare una nuova entità malvagia. Jean rilevò la psiche di Scott all'interno di Apocalisse e impedì agli X-Men di distruggerlo, tuttavia, fu ritenuto morto da la maggior parte dei suoi compagni di squadra.[122] Solo Jean e Cable si rifiutarono di credere che Scott fosse morto, e in quel momento Cable si unì agli X-Men per onorare suo padre.[123]

Cambio di potere

Jean, tornata negli X-Men, per aiutare Psylocke dopo la Guerra Psichica, cambiò potere con Psylocke. Jean perse la telecinesi ma la sua telepatia aumentò notevolmente. Iniziò a manifestare "rapaci fenice" che rappresentavano i suoi poteri telepatici "affinati al loro limite più acuto". Come risultato della sostituzione, Jean mostrò temporaneamente una forma astrale ombra con un simbolo della fenice sopra l'occhio destro.[124]

In assenza di Scott, Cable trovò Rachel viva e giovane alla fine dei tempi. La Forza Fenice l'aveva abbandonata. Cable riportò Rachel al presente con lui. Rachel chiese a Cable di mantenere segreto il suo ritorno a Jean e agli altri X-Men mentre lei cercava di rimettere insieme la sua vita.

X-Men Forever

Jean e altri quattro mutanti furono reclutati da Prosh per una missione speciale per combattere lo Straniero. Una parte della missione includeva l'invio della mente indietro nel tempo, rivisitando i momenti chiave del loro passato per apprendere nuove intuizioni. Jean fu costretta a rivivere vari momenti del suo passato come pilotare la navetta, trovarsi nel bozzolo, il momento in cui Fenice morì e incontrare la Morte nell'aldilà. La Morte ribadì che Jean e la Fenice si erano scelti l'un l'altro, e disse a Jean che aveva fame di potere quando toccò la Fenice. La Morte spiegò che la sua fame spaventava le forze fondamentali dell'universo, perché era un mutante umano con un potenziale illimitato di crescita. Un giorno quelli come lei potrebbero crescere per sostituire le forze fondamentali dell'universo.[125] Jean e le altre reclute fermarono il piano dello Straniero di diventare l'unico sopravvissuto di un nuovo universo dalle ceneri del vecchio universo. [126]

Il ritorno di Scott

Indagando sulle voci che fosse vivo, Jean e Cable trovarono Scott nel luogo di nascita di Apocalisse ad Akkaba, Egitto, che lottava per riaffermare la sua mente sulla psiche del cattivo. Jean esorcizzò il signore della guerra da Ciclope e Cable distrusse la sua essenza. Grazie al sostegno della moglie e della famiglia adottiva, Scott riuscì a scrollarsi di dosso gli effetti devastanti della sua fusione con Apocalisse e si riunì agli X-Men.[127]

Dopo aver subito una mutazione secondaria, la telecinesi di Jean tornò.[128]

Fenice ne Nuovi X-Men

Nuovi X-Men

Dopo la rivelazione del Professor X come mutante nel mondo, mentre segretamente sotto l'influenza di Cassandra Nova, la sua scuola aprì le porte alla popolazione mutante in generale. Xavier/Nova lasciarono la Terra e Jean venne nominata preside della scuola.[129]

Scott tornò negli X-Men, ma la sua associazione con Apocalisse gli aveva dato una personalità più cupa e seria che mai. Di conseguenza, molte delle sue relazioni divennero tese, incluso il suo matrimonio con Jean. Apocalisse gli fece mettere in discussione non solo la loro relazione, ma la sua vita nel suo insieme. Jean, confusa dal cambiamento nella loro relazione, si confidò con Logan, e i due si baciano nel bosco fuori dalla scuola, ma Logan si allontanò, dicendole che non avrebbe mai funzionato tra di loro. Le nuove responsabilità di Jean, insieme ai suoi poteri crescenti, la costrinsero a concentrare la sua attenzione altrove, lasciando Scott ignorato e il suo trauma derivante dall'essere posseduto banalizzato.[130]

Quando gli U-Men attaccarono la scuola, gli studenti aiutarono Jean a respingere il loro attacco mentre lei manifestava ancora una volta la rapace Fenice. Durante l'audace attacco di Cassandra Nova all'Impero Shi'ar e il successivo assalto all'Istituto Xavier, Jean usò Cerebra per dividere la mente del Prof. Charles Xavier in ogni mutante sulla Terra. La trappola funzionò, e quando Cassandra attivòCerebra, il Prof. Xavier reclamò il suo corpo. La Forza Fenice iniziò ad apparire come un'altra personalità all'interno di Jean, anche avendo una conversazione con il Prof. Xavier sul suo ruolo negli eventi a venire.

La frattura tra Jean e Scott iniziò a essere colmata da Emma Frost. La loro relazione apparentemente iniziò come una serie di sessioni di terapia psichica, ma Emma approfittò di questa situazione per avvicinarsi a Scott e, con il pretesto di consigliarlo, fu in grado di istigare una relazione telepatica. Quando Jean scoprì la relazione,[131] costrinse Emma ad ammettere i suoi veri sentimenti. Furioso sia con se stesso che con Jean, Scott affrontò Jean e le chiese di leggergli nel pensiero e alla fine obbedì. Jean scoprì che Scott ed Emma non si furono impegnati in alcun contatto fisico, anche se Emma glielo aveva offerto. Scott, che sentiva di non poter entrare in contatto con la moglie arrabbiata e ferita, in seguito lasciò gli X-Men per rimuginare su ciò che stava accadendo nella sua vita.[132]

Immediatamente dopo, Emma venne uccisa mentre era nella sua forma di diamante organico dalla Naiade Esme, e frantumata in piccoli pezzi. Jean, che inizialmente era un sospetto, riparò Emma a livello molecolare, mostrando un incredibile potere telecinetico, dopo aver assorbito le conoscenze mediche di Bestia.

L'X-Man, Xorn si rivelò un traditore che affermava di essere Magneto. In seguito fu sottinteso che l'aveva uccisa agli "ordini" dell'RNA senziente Sublime. Ingannati dall'impostore di Magneto, Jean e Wolverine finirono intrappolati sull'Asteroide M, avvicinandosi al Sole. Piuttosto che guardare Jean morire di una morte lenta e dolorosa, Wolverine cercò di ucciderla velocemente, ma ciò risvegliò la Forza Fenice dentro di lei. Usando i suoi incredibili poteri, Fenice/Jean tornò con Logan a New York City per affrontare "Magneto". L'ultimo atto di Xorn fu quello di uccidere Jean con un impulso elettromagnetico. Mentre stava morendo, Scott si scusò per averla ferita, ma Jean invece gli disse che aveva capito e non l'aveva mai visto più vivo e lo esortò a continuare a vivere.[9]

Scott fu devastato dalla morte di Jean. Considerò di lasciare gli X-Men ancora una volta, ma la Jean di un futuro alternativo intervenne telepaticamente nel tentativo di impedire che il suo oscuro futuro si realizzasse, esortando Scott a vivere.

Ciclope ed Emma formalizzarono la loro relazione,[133] e insieme, la coppia ricostruì lo Xavier Institute come co-presidi.[134] Inizialmente, molti di loro i compagni di squadra non furono troppo contenti della loro relazione perché sentivano che Ciclope ed Emma stavano insultando il ricordo di Jean e il matrimonio che lei e Scott avevano condiviso una volta. Di conseguenza, Wolverine insultò e combatté categoricamente Scott, Bestia dichiarò che non gli piaceva più, e Rachel Summers, in particolare, si sentì ferita e arrabbiata per la mancanza di rimorso di suo padre per la relazione psichica che Jean scoprì prima della sua morte, e la parte di Emma in essa. Rachel poi cambiò il suo cognome in Gray in onore di sua madre.[135] Gli altri X-Men, alla fine, arrivarono ad accettare la relazione e sia Scott che Emma riuscirono a riconciliarsi con Rachel, la cui venne presentata agli altri membri della famiglia di Jean, famiglia che non ebbe la possibilità di incontrare nella sua linea temporale.[136]

Canto finale della Fenice

La Forza Fenice fu ricostituita prima del suo tempo e fu assalita da una nave da guerra Shi'ar, frammentando gran parte del suo potere in tutta la galassia. La Forza arrivò sulla Terra, scoprì che il corpo di Jean era morto e andò nella sua tomba. Jean rifiutò di essere resuscitato, tuttavia, poiché si era appena riformata fuori dalla Stanza al Calor Bianco e non era completa e lottò la Fenice, morendo di nuovo. Ma la Fenice le ricordò che anni prima, Jean aveva chiesto il suo aiuto quando voleva salvare Scott e che questa volta la Fenice aveva bisogno di Scott e le chiese di "prendere la mia mano", resuscitando una Jean cedevole. Ma Jean, tuttavia, aveva percepito che l'oscura fame della Fenice era apparsa a Wolverine e aveva cambiato il suo abbigliamento per abbinarlo a quello di Fenice Nera come un modo per avvisarlo delle oscure intenzioni della Fenice, ma la Fenice si impadronì di Jean e divenne davvero la Fenice Nera ancora una volta, sopraffacendo facilmente Logan, che allertò gli X-Men della resurrezione di Jean dopo che lei fuggì.

Wolverine trovò una Jean posseduto dalla Fenice Nera nel bosco e lottarono con la Fenice vincendola ma non uccidendola poiché la stava usando come esca per Scott e gli altri X-Men, ma gli Shi'ar erano ancora alla sua ricerca e cercarono di cancellarla con un'esplosione di potere all'orizzonte degli eventi che distrusse quella parte della foresta, ma la Fenice salvò se stessa e Wolverine tramite il teletrasporto e si trovarono in una regione polare.

I tentativi di Jean di riprendere il controllo della Forza Fenice furono complicati dagli interventi degli X-Men che volevano contenere la Forza Fenice e Quentin Quire che voleva usare la Forza Fenice per resuscitare Sophie Cuckoo. Gli Shi'ar volevano solo che fosse morta. La Fenice, come Jean, impedì al potere di Cerebra di localizzarla, ma le Naiadi furono in grado di trovare la sua direzione nel minimo, dove il suo potere sconvolse l'equilibrio della Natura, permettendo a Tempesta di localizzarli attraverso le sue abilità naturali.

Wolverine si svegliò con una Jean risvegliata nei panni del suo io Fenice "verde-oro", che gli disse che sebbene la Fenice avesse piani diversi, è "sempre Jean. E io sono sempre la Fenice". Inoltre rivelò che quando è morta, si era dispersa in un trilione di pezzi come la Fenice e che aveva iniziato a riformarsi fuori dalla Stanza al Calor Bianco, ma alcune parti di lei erano ancora perse nell'Omniverso e aveva bisogno di "riprovare" in un altro tipo di morte perché era "sbilanciata". Quindi Logan la uccise, ma la Fenice si svegliò e guarì Jean, diventando di nuovo Fenice Nera con il pieno controllo. Logan la uccise diverse volte, ma la Fenice sembrava rendere il corpo di Jean veramente immortale, chiedendogli per quanto tempo poteva ucciderla, ma alla fine morì e si svegliò ancora una volta come una sana Jean, applaudendo Logan per aver indebolito la Fenice, con la sua coscienza che aveva ripreso il controllo. Jean quindi, esercitando una forma di criocinesi, congelò il proprio corpo sotto uno spesso ghiaccio per impedire alla Fenice di usare ulteriormente il suo corpo.

Gli X-Men trovarono Wolverine ed Emma Frost stabilì che non c'era attività cerebrale da leggere sotto il ghiaccio e Jean era morta. Sfortunatamente, la Fenice lasciò morire il corpo di Jean e iniziò ad assorbire i raggi ottici di Scott, riuscendo a formare il suo corpo in Jean. Ora, il suo potere era sufficiente per sostenere la forma di Jean senza il suo vero corpo. Alla fine, la Fenice disse a Scott che lo amava nella forma di Jean, dicendo che era quella che aveva sognato da bambino orfano e che la contatterà il giorno in cui morirà, ma si rese conto che non amava Jean tanto quanto Emma Frost e la prese come ospite. Quentin Quire trovò la Fenice, ma questa lo respinse e questo portò la Fenice a giungere alla conclusione che il mondo intero era "malato" e progettava di bruciare il mondo malato fino alla distruzione poiché "non funzionerebbe".

Scott fuse il ghiaccio in cui Jean era morta congelata e Jean apparentemente resuscitò, dichiarando "BASTA!" e fece cadere la Fenice a terra. La Fenice chiese a Jean come fosse capace di farlo senza il suo potere e Jean disse: "Io sono te, non ti ricordi?[6] Ora vattene da lì stupido corpo". Ma la Fenice rifiutò, dicendo che era l'unico corpo che Scott amava, quindi Jean lo espulse con la forza dal corpo di Emma.

Jean resuscita di nuovo e dichiara , "BASTA!"

Jean rivela accidentalmente la fonte delle emozioni selvagge della Fenice

Jean parlò con la Fenice, calmandola e dicendole che il motivo per cui era confusa era perché era incompleta e avrebbe capito una volta che si fossero completati nella Stanza al Calor Bianco con la rivelazione che la "fame" che Fenice stava provando era a causa del desiderio di Jean di stare con Scott e sentirsi di nuovo amata, e poiché la Fenice era lo spirito di Jean virtualmente manifestato, cercava di estinguere quel desiderio. Purtroppo, la Fenice giunse alla conclusione che aveva bisogno di nuovo di Jean e i due si fusero ancora una volta, la sua fame li trasformò ancora una volta in Fenice Nera, Jean gridò: "Qui vengo domani" profetizzando un futuro infinito in cui avrebbe bruciato il mondo uccidendo più e più volte miliardi come aveva fatto con D'bari perché il loro scopo non era stato raggiunto.

"Jean"

Pensando velocemente, Scott attirò la sua attenzione e raccontò a Emma il suo piano: Emma, attraverso le Naiadi di Stepford, si collegò a tutti gli X-Men e a chiunque avesse mai amato Jean trasferendole telepaticamente le proprie emozioni e lei e la Fenice furono finalmente soddisfatte da esse, riportandoli alla sanità mentale tramite il supporto emotivo di amici e familiari, trasmesso telepaticamente a Jean. Nel tentativo di eliminare la Fenice, tuttavia, la nave da guerra Shi'ar generò una singolarità sopra il Polo Nord il cui orizzonte degli eventi (un wormhole in miniatura) annientò tutti proprio mentre diventava la Fenice Bianca della Corona; Jean annull i dannie e salvò gli X-Men grazie ai suoi poteri di distorsione della realtà. Trovandosi sola con Ciclope in uno stato psichico di limbo, Scott le diede un consiglio, dicendole che era e sarà sempre, Jean Grey, "non importa cosa ti dica il cosmo".

Scott incoraggia la Fenice Bianca della Corona

Jean tornò nella Stanza al Calor Bianco per iniziare il compito di trovare i frammenti mancanti della Forza Fenice che erano rimasti ancora sparsi per l'omniverso [6] e non erano tornati da allora che non due conti. Quando stava raccogliendo i frammenti mancanti della Forza Fenice, in seguito ne prese con la forza alcuni da Rachel Summers e dalle Naiadi di Stepford dopo gli eventi del canto di Guerra della Fenice quando esercitavano i poteri. La Bestia disse che erano intrappolati nella singolarità ed era inevitabile e che sarebbero dovuti morire.[137]

Jean salva Emma ancora

Sorellanza dei Mutanti

Madelyne Pryor tornò e formò una squadra di donne mutanti malvagie. Prese un pezzo dei capelli di Jean a cui Wolverine si era aggrappato e lo usò per cercare il corpo di Jean in modo che potesse abitarlo come suo ospite. Durante quel periodo, Madelyne intrappolò Emma Frost in una statica psichica che fece sì che i suoi pensieri si formassero in modo incontrollabile. Emma venne poi rilasciata dalla presa mentale da una donna nuda in una stanza bianca (forse la Stanza al calor Bianco) che somigliava molto a Jean Grey che usò quella che sembrava essere una fenice per liberare Emma dichiarando di "prepararsi". Il piano di Madelyne fallì quando fu rivelato che Ciclope, con l'aiuto di Domino, aveva fatto in modo che la tomba di Jean Grey fosse sostituita con il corpo di qualcun altro, e in qualche modo fece sì che Madelyne si disperdesse o venisse assorbita dalla falsa, causando la morte di Madelyne una volta ancora.

Resurrezione della Fenice

Cercando disperatamente di fondersi di nuovo con Jean, la Forza Fenice la resuscitò e la collocò all'interno di una realtà tascabile abitata dai suoi colleghi e dai suoi cari, così da prepararla lentamente alla loro riunione. Jean vide inconsciamente attraverso la farsa della Fenice e causò incidenti psichici nel mondo reale come grida di aiuto. Gli X-Men studiarono questo fenomeno e alla fine individuarono una porta in questo universo tascabile nel New Mexico. Quando i mutanti arrivarono, il vecchio Logan affrontò Jean e riuscì a farla uscire dall'illusione della Fenice e riacquistare i suoi veri ricordi. Completamente tornata, Jean rinunciò alla Fenice una volta per tutte, decidendo di vivere la vita con il dolore e la perdita che naturalmente ne sarebbero derivati invece di cedere alle tentazioni della Fenice di una vita perfetta.[138]

Era di X-Man

Nella realtà creata da Nate Gray e un Seme della vita, un mondo in cui tutti sulla Terra erano mutanti e le relazioni erano fortemente scoraggiate o illegali, Jean era un membro della squadra di X-Men di quella realtà. Dopo una missione di successo per aiutare un giovane mutante, Jean e il compagno di squadra, Alfiere, si rilassarono insieme su un divano a casa di Jean prima di diventare più intimi e passare la notte insieme. Il loro amore proibito fu presto scoperto da Dipartimento X, con Jean a cui fu cancellata di nuovo la sua memoria e ogni traccia di Alfiere fu cancellata dagli X-Men e dalla società. Anche con la cancellazione della memoria, Jean confidò a Tempesta che aveva un persistente senso di "qualcosa che non andava" e "sentiva non a posto". Jean e il resto degli X-Men non avevano idea che Alfiere avesse fatto parte della loro squadra, la sua posizione e la sua casa occupate da X-23. La mattina dopo Nate presentò alla squadra un volantino distribuito da Murshid En Sabah Nur, un rivoluzionario che predicava le virtù dell'amore. Jean espresse la sua preoccupazione, ma insistette sul fatto che non dovevano saltare alle conclusioni.[139]

Vivendo da sola, ma nello stesso complesso residenziale del resto della squadra, Jean e il resto degli X-Men erano la squadra di risposta principale a tutte le questioni di minacce e pericoli in tutto il mondo. Durante una missione per salvare un incubatoio mutante dalla distruzione da parte di un incendio, Jean ricevette una breve trasmissione telepatica da Murshid, che la distraeva momentaneamente dal salvare un gruppo di giovani mutanti. Mentre si rilassava dopo la missione, Nature Girl chiese a Jean della procreazione e di descrivere una storia d'amore. Jean rispose che quest'ultima era "semplicemente un'idea morta. Simile alla famiglia", e qualcosa che avrebbero "superato come specie". Il giorno successivo Jean fu messo al tappeto da una trasmissione ancora più forte di Murshid, nominando un luogo e un'ora di incontro a Central Park per ascoltare la sua resistenza all'individualismo della società.[139]

Jean e gli X-Men furono successivamente visti alla manifestazione di Murshid, ascoltando la sua chiamata ad "abbracciare le connessioni che rendono la vita degna di essere vissuta" e tenendo d'occhio la folla riunita. La tensione aumentò dopo che Murshid baciò la testa di suo figlio Evan; membri della folla iniziarono a strappare gli artigli da una statua di Wolverine, con X-23 e Colosso che tentavano di intervenire. Nate eresse un campo di forza per proteggere e separare le fazioni in lotta, minacciando di sopprimere le emozioni dei manifestanti, ma Jean lo dissuase da questa linea d'azione. Credeva che "non fosse il loro posto sopprimere le emozioni". Murshid e i suoi X-Tracts se ne andarono subito dopo, esprimendo il suo amore per gli X-Men, e la folla si disperse.[139]

Più tardi, in una riunione di squadra, gli X-Men erano in conflitto su come rispondere ai rivoluzionari; Jean comprendeva la visione più radicale e meno pacifista, ma pensava che stessero gonfiando le cose a dismisura. Alla fine il gruppo decise che dovevano tenere d'occhio gli X-Tracts e fare un giro nel Department X. Jean, Nate e X-23 si sedettero subito con i membri del Department X Moneta e Psylocke per discutere la questione. Jean assicurò agli ufficiali che nessuno della folla era stato manipolato psichicamente, sebbene la traduzione rivoluzionaria del pensiero in azione (cioè l'affetto pubblico) la riguardasse come un "balzo indietro".[139]

Dopo un'altra missione di soccorso di successo alle Bahamas, la squadra assistette alla trasmissione di un notiziario di un discorso degli X-Tracts, che in parte annunciavano l'imminente presenza del gruppo a Londra per lo Xavier Day. Rendendosi conto che il Department X non era sufficiente per combattere i rivoluzionari, Jean chiese agli X-Men di prendere posizione per i "diritti evolutivi" e di incontrare i ribelli a testa alta al raduno della vacanza.[139]

Colosso, Jean, Magneto e Nature Girl si offrirono volontari per partecipare allo Xavier Day, tenendo d'occhio gli X-Tracts e gestendo la folla di celebranti. Come promesso, Murshid e i suoi X-Tracts arrivarono per predicare il loro messaggio alla folla riunita, incitando ad atti palesi di passione ed erotismo. La squadra degli X-Men e del Dipartimento X riunita si rivelò incapace di combattere con successo la folla infastidita usando le tattiche tradizionali. Con una mossa disperata, Jean usò la sua telepatia per violare le menti della folla riunita e ordinò loro di disperdersi, un'azione per cui provava rimorso. Riunendo per un debriefing subito dopo, gli X-Men assistettero all'apertura di una spaccatura gigantesca in tutto il mondo, simile a crepe create dai mutanti Omega che piegano la realtà. Jean e Nate si offrirono volontari per "setacciare l'energia psichica" delle fratture e riferire a un gruppo più ampio. Volando da una spaccatura all'altra, Nate rivelò a Jean la vera natura delle spaccature e i dolorosi ricordi del passato che contenevano. Dopo aver osservato e chiuso più spaccature, Jean arrivò a diffidare delle immagini delle spaccature e credette che fossero uno "strumento di propaganda" degli X-Tracts.[139]

In un flashback nel passato, Jean fu vista con il Professor Xavier e i cinque X-Men originali, solo con Nate che riempiva il posto originariamente occupato da Bestia. Nel presente, gli X-Men (meno Nate, Jean e Colosso) e Psylocke indagarono sulla misteriosa morte di Moneta in un club beatnik. Utilizzando la capacità di Nature Girl di comunicare con i "testimoni" batterici dell'omicidio, scoprirono il coinvolgimento di Nate e Apocalisse nella formazione e nel proseguimento della falsa realtà. Il gruppo scelse di mantenere la loro scoperta sulla base della necessità di sapere, anche se presto inclusero Jean nelle loro scoperte tramite la scansione telepatica. X-23 in questo momento rivelò la sua scoperta di oggetti segreti nella sua casa (appartenenti al precedente occupante Alfiere) che non aveva mai visto prima. Toccando una delle uniformi di Alfiere innescò il ricordo di Jean di lui e i ricordi cancellati del suo coinvolgimento con gli X-Men. Ulteriori indagini permisero a Jean di ricordare i dettagli del combattimento con Nate e la creazione dell'attuale linea temporale. Incapaci di discernere completamente quale linea temporale fosse quella corretta, ma rendendosi conto che Nate era l'unico con potere sufficiente per creare linee temporali, gli X-Men riuniti iniziarono a pianificare come affrontare il loro compagno di squadra. Sebbene avessero sviluppato un approccio più pacifico per affrontare Nate, le tensioni si estesero al loro incontro e gli X-Men attaccarono Nate a testa alta.[139]

Nate resto rivelò il suo coinvolgimento nella creazione e nel mantenimento della realtà e il tributo fisico e mentale che stava assumendo sul suo corpo. Mentre si rivelava agli X-Men, i membri della prigione di X-Tracts e Danger Room attaccarono il gruppo riunito, costringendo gli X-Men a proteggere Nate fino a quando le cose non sarebbero state risolte. Dopo una breve scaramuccia, Nate rivelò a Jean e agli altri le immagini di Ciclope e degli altri mutanti rimasti dalla realtà principale, usando le immagini per evidenziare il dolore e la sofferenza causati dalle loro relazioni reciproche e dall'umanità. Allo stesso tempo, Nate trasformò i mutanti nelle loro controparti e costumi tradizionali. Jean insistette sul fatto che i loro legami con gli altri erano ciò che li rendeva ciò che erano e che dovevano essere in grado di fare errori insieme. Dopo un po' di avanti e indietro tra il gruppo su ciò a cui stavano tornando e le ramificazioni sui suoi abitanti per lo smantellamento della realtà utopica, gli X-Men alla fine decisero tutti di lasciare la realtà fabbricata e tornare a casa.[140]

Casa di X

Jean, nei panni di Marvel Girl, fu poi vista vivere nella nazione-stato sovrano di Krakoa per mutanti, creato da Charles Xavier, Magneto e Moira X. Quando arrivò su Krakoa, Xavier la guardò e le disse "benvenuta a casa".[141] Xavier e Magneto quindi incaricarono gli X-Men (Arcangelo, Ciclope, M, Husk, Marvel Girl, Mystica, Wolverine e Nightcrawler) della distruzione della Mother Mold e la prevenzione della creazione di Nimrod.[142]

Con l'aiuto di Jean Grey e M, Trinary coordinava la comunicazione tra i membri del team e la base degli X-Men a Krakoa. Quando la nave fu invasa da Orchis, Monet fece entrare Jean in una capsula di salvataggio per preservare le comunicazioni tra le due squadre. Gli X-Men raggiunsero il loro obiettivo, ma l'intera squadra rimase uccisa nell'attacco. Ciclope e Jean, i due X-Men rimasti, cercarono di organizzare una fuga, ma fallirono tragicamente quando Dr. Gregor uccise Scott per vendicare suo marito. La capsula di salvataggio di Jean venne successivamente intercettata dalle Sentinelle e fatta a pezzi con Jean al suo interno.[11]

La squadra fu successivamente resuscitata da un gruppo di mutanti noto come "I Cinque" (Eva Bell, Proteo, Hope Summers, Elisir e Goldballs). Unendo i loro poteri, i Cinque furono in grado di trasferire le menti degli X-Men defunti in nuovi corpi cresciuti da Krakoa. Successivamente furono proclamati gli eroi di Krakoa.[12]

A Jean venne successivamente chiesto di entrare a far parte della sezione estiva del Concilio Silenzioso. L'estate era composta da Marvel Girl, Tempesta e Nightcrawler, che rappresentavano i membri più empatici, equilibrati e giusti degli X-Men e di altre fazioni.[22] Jean aiutò a redigere i principi di base della nuova nazione mutante e fece parte del voto unanime per esiliare Sabretooth nelle profondità di Krakoa.[22]

Dopo la loro deliberazione, Jean e il resto del Concilio si unirono ai festeggiamenti che si svolgono sull'isola, celebrando il riconoscimento di Krakoa come nazione sovrana da parte delle Nazioni Unite. Emma e Jean sembravano seppellire l'animosità tra loro due, in particolare per Scott, con un paio di birre.[22]

Successivamente le fu richiesto di usare i suoi poteri nella resurrezione di Charles Xavier dopo che fu ucciso da mercenari che si erano infiltrati nell'isola. Dopo la resurrezione, la nominarono membro della nuova agenzia di sicurezza delle black ops di Krakoa, X-Force.[143]

Alla fine abdicò al suo ruolo nel Concilio Silenzioso, così lei e Scott avrebbero potuto formare una squadra per salvare loro figlio da Altromondo, un luogo in cui ai Krakoani era stato proibito di entrare a causa di un conflitto in corso.[144][145] Al termine le fu offerto di nuovo il suo posto nel concilio, ma rifiutò per riformare gli X-Men con Scott.[24] Al Gala Infernale si tennero le elezioni per decidere la nuova squadra[146] che successivamente si trasferì in una Casa sull'Albero in Central Park.[147]

Poteri

Di nascita, Jean è tra i più potenti telepati, telecinetici,e psichici. È anche la Forza Fenice, e mentre agisce come suo avatar, è una delle più potenti Entità Astratte dell'universo di Terra-616. Era anche considerata una "Mutante Alpha-Psi",[148] una " Telepate Livello Alpha",[149] una "Mutante Livello Alpha", e "Psionic of Highest Order".[150] Come Fenice Nera, è stata dichiarata essere una minaccia globale e manifestare "poteri a livello cosmico". Secondo Prosh, il suo registro comparativo del potere mutageno era di 8,9. [151]

Inizialmente, i poteri di Jean erano semplicemente limitati alla telecinesi, e persino sollevare il proprio peso la stancava rapidamente. Con l'addestramento, la sua telecinesi è migliorata, ma fu solo dopo essere stata rilasciata dalla camera di stasi in cui è stata collocata dalla Forza Fenice che la sua telecinesi ha iniziato a diventare davvero potente.

La telepatia di Jean è stata soppressa in giovane età da Charles Xavier dopo essersi collegata con la sua amica morente Annie Richardson.[152] La telepatia di Jean si è attivata quando è stata trasportata nel futuro dove Xavier era morto. Quando tornò al passato, i suoi poteri tornarono al loro stato originale. Successivamente, Xavier rilasciò questi blocchi mentali per una Jean più matura. Perse la telepatia dopo il suo rilascio dall'uovo della Fenice, solo per recuperarlo dopo aver combattuto Psynapse con X-Factor.

Durante l'accesso alla Forza Fenice, l'empatia, la telepatia e la telecinesi di Jean vennero notevolmente amplificate e potenziate a un livello incredibile. La Forza Fenice le permetteva anche di viaggiare senza aiuto nel vuoto dello spazio, attraversare distanze interstellari più veloci della velocità della luce e di manifestare fiamme mentre usava i suoi poteri, spesso sotto forma di un rapace ardente. Sebbene la scala completa dei poteri di Jean al momento non sia chiara, ha affermato che la Forza Fenice l'aveva trattenuta mentre era il suo ospite.

Empatia: In molte occasioni, Jean ha dimostrato di possedere poteri empatici incredibilmente forti che le consentono di controllare, manipolare e alterare i sentimenti, le sensazioni e le emozioni degli altri. È a causa delle sue capacità empatiche che l'onnipotente Forza Fenice l'aveva scelta come suo legittimo ospite umano. In altre versioni, non le era stato mostrato di possedere alcun tipo di abilità empatica eccetto la telecinesi e la telepatia.[153]

Telepatia:Jean è in grado di leggere pensieri, proiettare e trasmettere i propri pensieri, nonché influenzare le menti di esseri umani e animali con intelligenza di ordine superiore (come delfini, corvi o cani). La portata alla quale può eseguire questi talenti è notevolmente aumentata mentre accede alla Forza Fenice. Durante il suo tempo nel futuro ha mostrato abilità telepatiche avanzate dopo essere stata istruita da Kitty Pryde, come mascherare se stessa e Scott Summers anche dai più potenti telepati dei futuri X-Men. È stata anche in grado di sopraffare Xorn (il suo sé futuro), anche se quest'ultimo ha affermato di essersi trattenuta durante l'alterco.[154] Tuttavia, l'entità di questo risultato è dimostrato dal fatto che anche la potenza combinata di Emma Frost e delle Naiadi di Stepford era insufficiente per sconfiggere Xorn. Dopo aver assorbito la telepatia specializzata di Psylocke, l'abilità telepatica e il potere di Jean furono aumentati a livello al quale poteva creare uccelli di fuoco psichici in grado di infliggere danni mentali e fisici. Tuttavia questa maggiore telepatia è arrivata al costo temporaneo della sua telecinesi. Ha dimostrato i seguenti usi specializzati:

  • Difesa telepatica: Può manifestare la sua telepatia in diversi modi difensivi.
    • Mantello telepatico: Può mascherare la sua presenza e l'uso delle sue abilità per evitare che venga rilevata da altri psichici e congegni tipo Cerebro. Può estendere queste difese anche ad altri intorno a lei. L'occultamento tramite telepatia non è perfetto e gli psichici più potenti possono notare e "vedere" attraverso questa capacità.[155]
    • Celamento della mente: Capacità di riorganizzare gli "engrammi mentali" dei mutanti in modo che i loro schemi di pensiero mutanti distintivi non possano essere rilevati da congegni tipo Cerebro o da altri telepati.
    • Scudo psichico: Capacità di erigere uno scudo psichico per proteggere se stessa e le menti degli altri.[154]
    • Illusioni telepatiche: Può creare realistiche illusioni telepatiche e indurre le persone a sperimentare eventi che non stanno realmente accadendo.[156] Le sue illusioni possono anche influenzare il dolore sugli altri, rendendoli quasi impeccabili. Ciò è stato successivamente dimostrato quando Karnak ha impiegato 3 giorni per trovare un difetto in uno dei suoi paesaggi mentali.[36]
    • Camuffamento telepatico: Può alterare l'aspetto fisico apparente di se stessa e delle altre persone alterando le percezioni di coloro che la circondano. Questo può arrivare a far credere ad altre persone che le persone mimetizzate non siano lì (invisibili). Un limite, se esiste, è imposto solo dal numero di persone che sta cercando di ingannare, non dal numero di persone che sta camuffando.[157]
  • Manipolazione telepatica: Può manipolare facilmente le menti di altre persone, ottenendo una varietà di effetti.
    • Alterazione della memoria: Può cancellare, impiantare, ripristinare o alterare la memoria degli altri.[158]
    • Controllo mentale: Può controllare i pensieri e le azioni degli altri.
      • Possesso mentale: Può possedere la mente di un altro e usare il corpo di quell'essere come se fosse il suo.[159]
    • Alterazione della personalità: Può alterare le menti degli altri con la forza della volontà, cambiando così in modo permanente la loro personalità parzialmente o interamente.[160]
    • Paralisi mentale: Può indurre una paralisi mentale o fisica temporanea.[160]
    • Amnesia mentale: Può cancellare qualsiasi consapevolezza di particolari ricordi o causare amnesia totale.[160]
    • Trasferimento mentale: Può trasferire sia la sua mente che i poteri in altri corpi ospiti se il suo corpo fisico è stato in qualche modo ucciso.[96]
    • Ripristino di traumi: Ha la capacità di cancellare i ricordi di una persona e di curare i traumi mentali attraverso la "chirurgia psichica", così come il potere di stimolare o attutire i centri del dolore e del piacere nel cervello di una persona.[124]
    • Sedazione mentale: Può "sedare" telepaticamente le sue vittime in modo che, se già rese inconsce, rimangano tali finché lei continua a "sedarle".
  • Potenziamenti neurali: Può aumentare la velocità dei segnali neurali nel cervello, il che potrebbe aumentare i poteri di un altro mutante a livelli incredibili, ma l'effetto era solo temporaneo.[161]
    • Dilatamento dei poteri: Capacità di collocare "inibitori psichici" nella mente degli avversari mutanti per impedire loro di usare i loro poteri.[162]
    • Collegamento mentale: Può legare le menti degli altri permettendo loro di comunicare telepaticamente tra di loro.[163]
  • Raggi psichici: Può proiettare dardi di forza psichica che non hanno effetti fisici ma che possono influenzare la mente di una vittima, causandogli dolore, facendo perdere conoscenza o rendendo la vittima "cerebralmente morta".
  • Proiezione astrale: Può proiettare la sua forma astrale dal suo corpo sul Piano Astrale o sul piano fisico. Sul piano fisico può viaggiare in forma astrale su grandi distanze. Sul piano astrale, può creare mentalmente oggetti psichici e manipolare gli aspetti del suo ambiente. Può comunicare con gli altri in modo astrale attraverso la sua volontà o attraverso il contatto con i pensieri e i ricordi degli altri.[164]
  • Rilevamento mentale: Può percepire la presenza di un altro mutante sovrumano all'interno di un raggio piccolo ma ancora indefinito di se stessa percependo le radiazioni mentali distintive emesse da un tale essere.[129]

Fenice controlla telecineticamente frammenti di vetro

Telecinesi: La proiezione di energia psicocinetica le consente di far levitare oggetti, spingerli o manipolarli come desidera, sollevarsi e muoversi nell'aria per simulare il volo, stimolare le singole molecole a creare calore, generare forza concussiva come esplosioni. Sebbene abbia accesso alla Forza Fenice, è in grado di manipolare la materia e l'energia su scala subatomica usando la sua telecinesi. Può persino cambiare i suoi vestiti di Fenice in un set di abiti da strada e sollevare più oggetti pesanti contemporaneamente senza alcuna difficoltà.

  • Uccello di fuoco psichico: Può manifestare la sua telecinesi come un uccello di fuoco psichico, i cui artigli potrebbero infliggere danni fisici e mentali.[156]
  • Campo di forza: Può creare un campo telecinetico per proteggere lei e i suoi compagni di squadra o usarlo per sollevare più oggetti pesanti contro il suo nemico.
  • Telecinesi tattile: Ha il potere di utilizzare un campo di forza personale di energia telecinetica.
  • Trasmutazione della materia: Può manipolare e trasmutare la materia a livello subatomico (ad esempio, trasformare il legno in oro, la pianta in cristallo e causare la disintegrazione dei corpi fisici alterando la loro struttura molecolare, ecc.).
  • Armi telecinetiche: Può creare armi psichiche, a partire dall'energia psionica, che danneggiano un bersaglio fisicamente, mentalmente o entrambi. La versatilità di questa abilità è stata notevolmente migliorata dopo l'allenamento con Psylocke.[165]

Circondata da energia psichica

Assorbimento psichico: Jean è in grado di drenare l'energia psichica degli altri per potenziare i suoi poteri psionici. La spinta che può fornire a se stessa dipende dall'energia psichica all'interno dei suoi nemici, il che spiega il fatto che la si vede raramente usare questo potere. La più grande impresa che ha compiuto dopo aver usato questa capacità è stata quando mise KO Galactus con un'esplosione di energia psichica rubata da lui, dala Fenice, da Terrax e da una specie aliena sconosciuta.[45] Ha anche usato questa capacità per ricostruire il suo corpo dopo essere stata consumata da un veleno e per uccidere la Regina Velenosa.[49]

  • Aura telecinetica: Può circondare il suo corpo con energia psichica per proteggersi dai danni. È sopravvissuta a una collisione ad alta velocità con Gladiatore, che normalmente l'avrebbe portata alla sua morte.[39]
  • Resistenza psichica: Può proteggersi dagli altri telepati assorbendo l'energia psichica che usano normalmente.[166]
  • Psicologia di entità psichica: Jean riesce ad ascendere il suo corpo fisico per diventare un essere di pura forza psichica, simile a Nate Gray dell'era di Apocalisse.[39] In questa forma è un essere di energia materiale che potrebbe riacquistare la sua forma fisica anche dopo essere stata consumata da un veleno, usando questa caratteristica per liberarsi dalla sua prigione corporea e ricostruire il suo fisico corpo da zero.[49]
  • Esplosione telecinetica di livello cosmico: Può creare un'esplosione di energia psichica abbastanza potente da influenzare le Entità Cosmiche come Galactus.
  • Generazione di raggi psichici: Può trasformare l'energia psichica in fulmini di energia.[163]

Abilità

Jean eccelle nel combattimento astrale. Ha mantenuto un legame psichico con Ciclope per un certo numero di anni. Possedeva i ricordi del suo duplicato della Fenice, così come quelli di Madelyne Pryor-Summers, il suo clone, ed è quindi un pilota esperto. Jean ha dimostrato una certa competenza nel combattimento corpo a corpo e armato, non psionico; l'entità di questo è sconosciuta poiché preferisce utilizzare la sua telecinesi e telepatia durante la battaglia. È riuscita a sconfiggere un gruppo di ninja con il solo uso di armi telecinetiche.[165] Ha un'istruzione universitaria alla Metro College.

Livello forza

Jean possiede la normale forza umana di una donna della sua età, altezza e corporatura che si impegna in regolare esercizio. Tuttavia, alcune incarnazioni di Fenice, inclusa almeno la prima apparizione di Fenice Nera al Club Infernale, possedevano una super forza sufficiente a sollevare fisicamente oltre 100 tonnellate.

Jean ha dimostrato il limite superiore della sua forza cinetica afferrando più componenti (le macerie sparse di una scuola a Genosha), che, secondo Hank McCoy, pesavano fino a 50 tonnellate. Da questo si può teorizzare che il carico telecinetico massimo di Jean senza l'uso della Forz Fenice è di 50 tonnellate, sebbene possa sollevare Avalon. Inoltre poteva fermare un aereo a mezz'aria e sollevarlo, mentre sentiva il dolore di Cable con la sua telepatia.


Trasporti

Precedentemente Blackbird degli X-Men, Stratojet degli X-Men, X-Copter, Rolls Royce del Professor Xavier, Sentinel Air Transport, Aeroplano degli X-Factor, e vari altri velivoli costruiti da Nave. È anche capace di volare tramite la telecinesi

  • Dopo l'M-Day, quando la maggior parte dei mutanti rimase depotenziata e nessuna nascita mutante sembrava possibile, una bambina mutante nacque a Cooperstown, Alaska, danneggiando temporaneamente Cerebra quando la rivelò. Aveva una somiglianza con Jean e quando Ciclope la tenne stretta prima di darla a Cable, la bimba afferrò un medaglione che Ciclope indossava che conteneva una foto di lui e Jean, alludendo a una relazione tra il due.
  • In Errore Lua in Modulo:StandardizedName alla linea 299: attempt to index field 'link' (a nil value). la Fenice è apparsa nel suo costume da Fenice Verde, tra i diversi eroi salvati da una nave Skrull abbattuta. Sembrava che provenissero dagli anni '70. Fenice e Bestia dalla nave Skrull furono uccisi e tornarono alle loro forme Skrull.
  • Dato che il suo sé passato è stato portato nella linea temporale attuale, i poteri di telepatia di Jean le sono ora evidenti un anno prima che dovessero emergere. Non è stato ancora rivelato se questo influenzerà la sequenza temporale originale, anche se probabilmente non lo farà.[174]
  • Tempesta è la migliore amica di Jean.[59]
  • La somiglianza di Jean con Rose potrebbe aver influenzato l'attrazione di Wolverine per lei.[175]
Jean Grey Phoenix statue 3.jpg
  • Contro gli ideali degli X-Men, Fenice ha già ucciso dei nemici: Prisma e MeMe, sebbene la distruzione di Prism sia stata accidentale.[98]
  • Nelle sue prime missioni con gli X-Men, Jean era circondata da uomini romanticamente interessati a lei. Tra questi il Professor X, Angelo, Bestia, Ciclope, l'Uomo Ghiaccio e (brevemente) Blob.
  • Jean Grey è stata descritta come l'assistente di laboratorio del Professor X, all'inizio della sua carriera con gli X-Men.[13]

Scopri e Discuti

Note a piè di pagina

  1. 1,0 1,1 House of X 1 - Artist Edition
  2. Uomo Ragno (Star) 15
  3. X-Men #135
  4. X-Men Deluxe 6
  5. Avventure di Ciclope e Fenice 1
  6. 6,0 6,1 6,2 6,3 6,4 X-Men Deluxe 136
  7. X-Men Phoenix Endsong #5
  8. 8,0 8,1 8,2 8,3 8,4 X-Men: Messiah Complex - Mutant Files #1
  9. 9,0 9,1 9,2 Incredibili X-Men 173
  10. Marvel Miniserie 201
  11. 11,0 11,1 Incredibili X-Men 359
  12. 12,0 12,1 Incredibili X-Men 360
  13. 13,0 13,1 Capitan America (Corno) 6
  14. 14,0 14,1 14,2 14,3 Marvel Omnibus 17
  15. 15,0 15,1 15,2 15,3 Capitan America (Corno) 1
  16. 16,0 16,1 16,2 Capitan America (Corno) 123
  17. X-Men: La Saga di Fenice Nera
  18. Uomo Ragno (Star) 19
  19. 19,0 19,1 X-Marvel 2
  20. Phoenix Resurrection (Evento degli X-Men)
  21. Nuovissimi X-Men 63
  22. 22,0 22,1 22,2 22,3 Incredibili X-Men 361
  23. X-Force 1-4
  24. 24,0 24,1 Incredibili X-Men 378
  25. Incredibili X-Men 46
  26. Incredibili X-Men 57
  27. Capitan America (Corno) 6-8
  28. 28,0 28,1 Capitan America (Corno) 3
  29. Capitan America (Corno) 4
  30. 30,0 30,1 Nuovissimi X-Men 1
  31. Nuovissimi X-Men 2
  32. 32,0 32,1 32,2 Nuovissimi X-Men 3
  33. Nuovissimi X-Men 4
  34. 34,0 34,1 34,2 Nuovissimi X-Men 5
  35. Nuovissimi X-Men 6-7
  36. 36,0 36,1 Nuovissimi X-Men 8
  37. Marvel World 21-22
  38. Nuovissimi X-Men 15
  39. 39,0 39,1 39,2 Guardiani della Galassia 14
  40. Nuovissimi X-Men 36
  41. Incredibili X-Men 311
  42. Marvel Miniserie 187
  43. Nuovissimi X-Men 51
  44. Nuovissimi X-Men 53
  45. 45,0 45,1 Marvel Generations 2
  46. Nuovissimi X-Men 60
  47. 47,0 47,1 Nuovissimi X-Men 62
  48. 48,0 48,1 Marvel Crossover 99
  49. 49,0 49,1 49,2 Marvel Crossover 100
  50. Nuovissimi X-Men 61
  51. Nuovissimi X-Men 70
  52. Scott aveva già rivelato di essere innamorato di Jean in X-Men Vol 1 3. C'è una certa confusione su esattamente quando hanno iniziato a frequentarsi perché è successo principalmente dietro le quinte.X-Men Vol 1 138 lo colloca immediatamente durante o dopo X-Men Vol 1 32, ma in realtà il melodramma sui sentimenti non rivelati è continuato fino a X-Men Vol 1 46, e sono apparsi per la prima volta in coppia in X-Men Vol 1 48.
  53. Capitan America (Corno) 42
  54. Capitan America (Corno) 48
  55. Capitan America (Corno) 51
  56. Capitan America (Corno) 69
  57. X-Men Deluxe 75
  58. Capitan America (Corno) 114
  59. 59,0 59,1 Capitan America (Corno) 116
  60. Capitan America (Corno) 120
  61. 61,0 61,1 Fantastici Quattro 61
  62. e mascherata come Jean Grey X-Men Vol 1 101
  63. 63,0 63,1 Amazing Spider-Man 11
  64. Thor (Corno) 216
  65. Thor (Corno) 214
  66. Amazing Spider-Man 12
  67. Questo è in realtà un cambiamento rispetto alla trama originale di Claremont-Byrne che era stata proposta. Con l'intenzione di depotenziarla alla fine di X-Men Vol 1 136, John Byrne e Chris Claremont furono annullati dal caporedattore Jim Shooter, che era a disagio con un "assassino di massa" rimasto impunito per i suoi crimini. Così Fenice riacquistò i suoi poteri in X-Men Vol 1 137 solo per sacrificarsi.
  68. 68,0 68,1 68,2 Amazing Spider-Man 17
  69. X-Marvel 1
  70. ncredibili X-Men 5
  71. 71,0 71,1 Incredibili X-Men 18
  72. Incredibili X-Men 17
  73. Capitan America e i Vendicatori 48
  74. X-Marvel 10
  75. X-Marvel 9
  76. 76,0 76,1 X-Marvel 18
  77. X-Marvel 14
  78. X-Marvel 23
  79. 79,0 79,1 79,2 X-Marvel 33
  80. X-Marvel 16
  81. Incredibili X-Men 24
  82. X-Marvel 32
  83. X-Marvel 38
  84. Incredibili X-Men 36
  85. Incredibili X-Men 38
  86. Incredibili X-Men 39
  87. 87,0 87,1 87,2 X-Marvel 42
  88. Speciale X-Factor 1
  89. X-Marvel 44
  90. Incredibili X-Men 49
  91. Incredibili X-Men 48
  92. Marvel Special 1
  93. Incredibili X-Men 50
  94. Incredibili X-Men 54
  95. X-Force 1
  96. 96,0 96,1 Incredibili X-Men 51
  97. Incredibili X-Men 52
  98. 98,0 98,1 Incredibili X-Men 59
  99. X-Men Deluxe 3
  100. Wolverine 66
  101. Incredibili X-Men 63
  102. Marvel Miniserie 21
  103. Incredibili X-Men 67
  104. X-Men Deluxe 11
  105. Marvel Crossover 11
  106. Avventure Ciclope e Fenice 1
  107. Incredibili X-Men 70
  108. X-Men Deluxe 14
  109. 109,0 109,1 Incredibili X-Men 85
  110. Marvel Crossover 20
  111. Incredibili X-Men 88
  112. Wolverine 97
  113. Nuove Avventure di Ciclope e Fenice 1
  114. Incredibili X-Men 94
  115. Incredibili X-Men 97
  116. Incredibili X-Men 100
  117. Incredibili X-Men 101
  118. Incredibili X-Men 102
  119. X-Man #54
  120. Incredibili X-Men 118
  121. Incredibili X-Men 121
  122. Marvel Miniserie 39
  123. Wolverine 137
  124. 124,0 124,1 Incredibili X-Men 126
  125. Wiz 73
  126. Wiz 76
  127. Incredibili X-Men 133
  128. Incredibili X-Men 141
  129. 129,0 129,1 Incredibili X-Men 144
  130. Incredibili X-Men 148
  131. Incredibili X-Men 162
  132. Incredibili X-Men 163
  133. 133,0 133,1 133,2 Incredibili X-Men 174
  134. X-Men Deluxe 121
  135. Incredibili X-Men 178
  136. Incredibili X-Men 186
  137. Incredibili X-Men 237
  138. Marvel Miniserie 201-203
  139. 139,0 139,1 139,2 139,3 139,4 139,5 139,6 Age of X-Man 1
  140. Age of X-Man 6
  141. Incredibili X-Men 356
  142. Nuovissimi X-Men 75
  143. X-Force 2
  144. Incredibili X-Men 375
  145. Marvel Miniserie 243
  146. Incredibili X-Men 381
  147. Incredibili X-Men 382
  148. Marvel Mix 27
  149. X-Men Annual Vol 2 #1997
  150. X-Man # 55
  151. Wiz 71
  152. Capitan America (Corno) 44
  153. 100% Marvel 118
  154. 154,0 154,1 Incredibili X-Men 285
  155. Incredibili X-Men 315
  156. 156,0 156,1 Incredibili X-Men 127
  157. X-Men Deluxe 27
  158. Incredibili X-Men 149
  159. Incredibili X-Men 150
  160. 160,0 160,1 160,2 Incredibili X-Men 139
  161. Nuovissimi X-Men 52
  162. Incredibili X-Men 136
  163. 163,0 163,1 Guardiani della Galassia 26
  164. Incredibili X-Men 129
  165. 165,0 165,1 Nuovissimi X-Men 55
  166. Nuovissimi X-Men 21
  167. Wolverine (PlayPress) 30
  168. Amazing Spider-Man 69
  169. Incredibili X-Men 155
  170. Incredibili X-Men 154
  171. Incredibili X-Men 164
  172. Incredibili X-Men 172
  173. X-Men Deluxe 133
  174. Nuovissimi X-Men 40
  175. Wolverine 158
  176. Phoenix Resurrection: The Return of Jean Grey Vol 1 1 Trading Card Variant



Ti piace? Facci sapere!

Advertisement