Marvel Database
Advertisement
Marvel Database


Staff TemplateCharacter Template
John Buscema

John Buscema

Vero nome
Giovanni Natale Buscema
Pseudonimo
John Buscema,[1] Big John[1]

Casa editrice
Marvel; Marvel UK; Curtis Magazines; Timely; Atlas; Dell; Rural Home; AC Comics


Caratteristiche
Genere
Maschio

Luogo di nascita
Brooklyn, New York City , New York (Stato) , Stati Uniti d'America

Data di nascita
Data di morte

Dicembre 11, 1927
Gennaio 10, 2002


Biografia

Giovanni Natale Buscema nacque l'11 dicembre 1927 a Brooklyn, New York (pochi mesi prima di Frank Frazetta, anche lui originario di Brooklyn). Mostrò interesse per il disegno in tenera età, copiando fumetti come Popeye. Nella sua adolescenza aveva un interesse per i fumetti di supereroi oltre ad apprezzare le classiche strisce di avventura, in particolare Tarzan e Prince Valiant di Hal Foster, Flash Gordon di Alex Raymond, Terry and the Pirates di Milton Caniff e Tarzan di Burne Hogarth. Aveva anche un interesse per gli illustratori del periodo come Dean Cornwell, Colby Whitmore, Al Dorne e Robert Fawcett. I suoi interessi artistici si estendono alle belle arti, copiando in particolare opere di artisti del Rinascimento italiano.

Buscema si è diplomato alla scuola superiore di musica e arte di Manhattan. Ha anche preso lezioni serali al Pratt Institute e lezioni di disegno dal vero al Brooklyn Museum. Mentre si allenava come pugile, ha iniziato a dipingere ritratti di pugili e ha venduto alcuni cartoni animati a Hobo News. Con questa formazione artistica abbastanza modesta, Buscema cercò di cercare lavoro come illustratore commerciale mentre svolgeva vari lavori occasionali. Mancando di esperienza per irrompere sul mercato dell'arte commerciale in quel momento, alla fine diede un'occhiata al campo dei fumetti, pensando che fosse un campo più semplice che gli avrebbe permesso di ottenere più istruzione per diventare un illustratore commerciale. Nel 1948, mise piede nella porta ottenendo un lavoro da staff con Stan Lee al bullpen della Timely Comics (con artisti come Syd Shores, Carl Burgos e Mike Sekowsky. Gene Colan era stato assunto due settimane prima).

Storia personale

Gli anni '40

Buscema trascorse un anno e mezzo come il più giovane artista nel bullpen della Timely (fino a quando non fu sciolta) con una dieta costante di storie del crimine, romanticismo e western (finiscono anche western-romance). Uno dei primi momenti salienti è il suo lavoro sul titolo Tex Morgan (# 4,5,6,7). Il suo lavoro in questo periodo è chiaramente di qualità alle prime armi, anche se non privo di segni di forte abilità nel disegno.

Gli anni '50

All'inizio degli anni '50 Buscema (con un breve periodo nell'esercito nel 1951 - congedo onorevole a causa dell'ulcera. Si sposò nel 1953) continuò a lavorare come freelance per Timely / Atlas, oltre a espandersi con altri editori (Ace, Hillman, Orbit, Quality, St. John, Ziff-Davis), continuando nella vena criminale, romantica, occidentale. I momenti salienti del periodo possono essere trovati soprattutto con Our Publications / Orbit su titoli come Love Diary (numeri 31-39, comprese tutte le copertine), Love Journal (numeri 14-22 con la maggior parte delle copertine), Wanted Comics (numeri 47-53 comprese la maggior parte delle copertine) e Westerner (numeri 28, 29, 31, 33-37, 40), con Nuggets Nugent, Wild Bill Pecos e Lobo the Wolf Boy.

Il lavoro di Buscema su Atlas diminuisce con il restringimento dell'industria dei fumetti dopo i primi anni '50. È un merito per il suo talento che riesce a continuare a lavorare nei fumetti per la maggior parte del decennio, ottenendo un lavoro costante principalmente con Western / Dell. Di rilievo per questo periodo è il suo lavoro su Roy Rogers Comics (a partire dal 1954 con una lunga serie di storie, # 74-97; 104-108). AC Comics ha ristampato una serie di quelle storie e descrive Buscema come il miglior artista di Roy Rogers. Inoltre, nel 1956, fa un breve primo sforzo da supereroe su Nature Boy della Charlton, (# 3,4).

Il suo lavoro fino alla metà degli anni '50 è forte, con una solida abilità nel disegno, ma rispetto ai migliori artisti dell'età dell'oro di EC e DC, forse manca dell'impatto e del talento dei migliori di quelli, forse perché non aveva necessariamente un passione per il fumetto in sé, come nel caso di molti altri artisti dell'età dell'oro. Tuttavia, Buscema produce successivamente alcuni dei suoi migliori lavori del decennio con una serie di adattamenti western, di guerra, di spada e di sandalo per il titolo Four Color. Il genere peplum è particolarmente adatto al suo stile e potrebbe essere considerato una buona preparazione per il suo lavoro successivo su Conan. Il potere, la grazia, la finezza e l'energia di Buscema del suo ultimo lavoro è molto evidente in questi, anche se in modo più sommesso.

684 marzo 1956 ("Elena di Troia", 34 pagine),

762 gennaio 1957 ("The Sharkfighters", 34 pagine),

775 marzo 1957 ("Sir Lancelot e Brian", 34 pagine),

794 aprile 1957 ("Il conte di Montecristo", 35 pagine),

910 giugno 1958 ("The Vikings", 34 pagine),

927 ("Top Gun di Luke Short", 35 pagine),

944 settembre 1958 ("The 7th Voyage of Sinbad", 33 pagine),

1006 luglio 1959 ("Hercules", 34 pagine),

1077 ("The Deputy", 34 pagine),

1130 ("The Deputy", 35 pagine),

1139 Nov 1960 ("Spartacus", 10 pagine più 22 pagine matite, inchiostri Mike Peppe).

anche: Storie di vita dei presidenti americani (1957)

Il lavoro di Buscema per la Western si esaurì alla fine degli anni '50 quando l'industria subì un crollo (il suo lavoro su Indian Chief # 30-33 è notevole in seguito). Riesce a resistere un po 'con storie di mistero, fantasia e fantascienza per Atlas (Tales to Astonish, Tales of Suspense, Strange Worlds) e ACG (Adventures into the unknown, Forbidden Worlds.) Prima di cercare lavoro in altri campi. È ancora un merito per il talento di Buscema aver ottenuto una posizione come freelance presso la Chaite Agency, un importante studio di arte commerciale di New York, che ha impiegato i migliori artisti commerciali come Bob Peak e Frank MacCarthy.

Si potrebbe caratterizzare il lavoro di Buscema 50 come un periodo di graduale miglioramento costante; il suo lavoro continuava a migliorare mentre lasciava il campo, che è in qualche modo diverso dagli altri suoi contemporanei (come Williamson, Frazetta, Wood, Drucker, Toth, Heck, Ditko) che spesso hanno vissuto un precedente periodo di picco artistico giovanile.

Gli anni '60

Buscema trascorse circa otto anni nel campo dell'arte commerciale associata agli studi Chaite e Triad, svolgendo una serie di incarichi: layout, storyboard, illustrazioni, copertine tascabili, ecc. In una varietà di mezzi. Non si sa molto del suo lavoro di questo periodo, ma a giudicare dagli esempi mostrati nel John Buscema Sketchbook (Vanguard Productions) è di alta qualità, anche per i più alti standard di arte commerciale. Secondo Buscema: "... è stato un periodo di apprendimento per me nel mio sviluppo delle tecniche". Si può supporre che abbia acquisito una maggiore tecnica accademica come si può trovare nei libri di corso per corrispondenza di Famous Illustrators (che presenta i preferiti di Buscema Al Dorne, Robert Fawcett e Harold Von Schmidt, tra gli altri) un'influenza che può essere vista più tardi nel suo Libro "Come disegnare fumetti in modo Marvel".

Buscema è tornato nel campo dei fumetti nel 1966 (accettò un'offerta di Stan Lee che gli ha permesso di ridurre il suo lungo tempo di pendolarismo) come disegnatore di avventure di supereroi con la Marvel Comics. Ha iniziato con un episodio di Nick Fury e tre storie di Hulk prima di stabilirsi come il disegnatore abituale degli Avengers con il numero 41. I momenti salienti di quel primo periodo sono i 49, 50 di Avengers, due superbi numeri con Hercules che ha firmato anche lui.

Il ritorno di Buscema è stato solido, mostrando i vantaggi della sua ulteriore esperienza di illustrazione, sebbene il suo stile non fosse del tutto in sintonia con i drammi dinamici presentati alla Marvel. L'influenza catalizzante di Jack Kirby entra in scena mentre lo stile illustrativo di Buscema inizia a mostrare narrazione, design, composizione, dramma, azione e impatto generale più potenti.

All'incirca in coincidenza con l'arrivo dell'inchiostratore George Klein su Avengers #55, per non parlare dell'esplosione della controcultura, l'opera d'arte di Buscema esplode virtualmente mentre sperimenta una sorta di fioritura artistica. Produce potenti matite rifinite strette e pulite per una media di due fumetti al mese in collaborazione con ottimi inchiostratori come Klein, Frank Giacoia, Dan Adkins, Joe Sinnott, Sal Buscema , Tom Palmer e John Verpoorten su Avengers, Sub-Mariner, Silver Surfer e altri. Tutto sommato, è un'ondata creativa della durata di circa tre anni, in cui Buscema produce alcuni dei migliori racconti illustrativi del mezzo.

Buscema ha disegnato gli Avengers con una vendetta fino a quando Avengers #62 (inclusa la classica introduzione di Visione nei numeri 57, 58 e in diverse copertine classiche) mentre ha disegnato a matita i primi otto numeri del Sub-Mariner, che ha lasciato a Amazing Spider-Man Vol 1 per 10 numeri (con gli inchiostri Jim Mooney / John Romita) e ha lanciato un altro nuovo titolo, Silver Surfer. Le matite stellari di Buscema sui primi 17 di 18 numeri sono considerate classiche e rappresentano un punto culminante della sua carriera. I numeri 3 (che introduce Mefisto), 4 e 5 sono spesso indicati come punti salienti sebbene i primi sette numeri (che erano di dimensioni doppie) siano tutti in sospeso, con i successivi sette anche di notevole qualità. Il numero 4 in particolare (dove il Surfer combatte Thor) è un punto di riferimento di Buscema (con una copertina classica) e si pensa che sia un tentativo di Buscema di staccarsi dall'estetica di Kirby e stabilire uno stile potente e monumentalmente tentacolare, con un design della pagina più aperto e un approccio alla fantasia più medievale e gotico; con risultati sorprendenti.

A parte alcuni riempimenti ben apprezzati (Captain America #115, Captain Marvel #18, Sub-Mariner #20, 24) Buscema conclude il suo periodo d'oro con un ritorno abbagliante ai generi familiari degli anni '50 con un'ondata di mistero e storie d'amore (per Chamber of Darkness, Tower of Shadows, My Love, Our Love) e fa un ritorno ai Vendicatori (con gli inchiostri di Palmer) per 11 numeri (con i numeri 74 e 75 eccezionali, il 75 con l'introduzione di Arkon).

Gli anni '70

Con la partenza di Jack Kirby dalla Marvel nel 1970, Buscema è chiamato a sostituirlo in entrambi i suoi titoli di punta per alcune lunghe serie: Fantastic Four (#107-141, inchiostri Sinnott) e Thor (#182-259, con vari inchiostratori come Sinnott, Colletta, DeZuniga e altri (come Verpoorten sul notevole #200) cementando così il suo status di eminente disegnatore di supereroi di quell'epoca (ironicamente Buscema ha affermato di avere un disinteresse quasi completo per i supereroi, anche se questo non è mai stato mostrato nel suo lavoro).

Per vari motivi professionali e commerciali, il suo stile diventa più snello e meno elaborato a metà degli anni '70, poiché la sua opera mostra un'influenza di Kirby più diretta (con dispiacere di molti fan di Buscema). Tuttavia, Buscema è stato un vero e proprio colosso artistico per tutto quel decennio ed è probabilmente l'artista più prolifico, visibile e richiesto degli anni '70.

Buscema inizia la sua illustre corsa con lo scrittore Roy Thomas su Conan il Barbaro nel 1973 con il numero 25 dopo la celebre corsa di Barry Smith. Debutta una seconda serie di Conan in formato rivista in bianco e nero a doppia dimensione con Savage Sword of Conan nel 1974. Con Buscema al tavolo da disegno, Conan divenne un mini-franchise di successo a sé stante, con Buscema che contribuì a oltre 100 numeri di ciascun titolo (Conan the Barbarian da #25-190, SSOC #1-101, 190-210), una delle più prolifiche esecuzioni per un artista su un singolo personaggio. Fa una breve incursione nelle strisce sindacate mentre presenta in anteprima la domenica di Conan e la striscia del quotidiano nel 1978 e ha persino contribuito ad alcune illustrazioni di storyboard per il film di Conan e ha dipinto quattro copertine per le riviste di Conan.

Ernie Chua / Chan è stato l'inchiostratore principale di Conan il Barbaro negli anni '70, (ad eccezione di una pausa tra i #44-69 che sono stati firmati da Tony DeZuniga, Dick Giordano, Tom Palmer, Steve Gan e altri). Il lavoro di Buscema sul titolo migliora e si sviluppa costantemente producendo alcuni artwork e storytelling straordinariamente dinamici e potenti che raggiungono l'apice con il superlativo numero #100 (che conclude l'adattamento di Queen of the Black Coast di REH) o forse con l'eccellente #115 (con Red Sonja) che segna la partenza di Roy Thomas.

Alfredo Alcala è stato l'inchiostratore regolare di SSOC fino al 24 e hanno prodotto alcune storie molto apprezzate, adattando le opere di Robert E. Howard. Da segnalare sono "Iron Shadows in the Moon" (#4), "The Slithering Shadow" (#20), "Tower of the Elephant" (#24). Tony DeZuniga diventa il suo inchiostratore regolare con il numero 26 (ha anche firmato l'apprezzatissimo 'Una strega nascerà', SSOC #5) producendo alcuni eccezionali adattamenti letterari di Conan, portando quel titolo a un picco che termina più o meno con la partenza di DeZuniga con il #58.

Le matite di Buscema su Conan negli anni '70 sono tra i suoi lavori migliori mentre sviluppa un nuovo ed entusiasmante stile di storia di avventura eroica con il genere Sword and Sorcery producendo storie che sono un punto culminante in termini di azione, movimento, potere, espressione dei fumetti, umore e dinamica.

Ad un certo punto, a metà degli anni '70, la produttività di Buscema è aumentata (con dispiacere di molti fan di Buscema) optando per layout a matita principalmente (pagine a matita senza ombreggiatura e rendering) rispetto alle matite finite. Per circa dieci anni, avrebbe prodotto in media uno sbalorditivo 3-4 fumetti di matite al mese.

A causa della sua velocità e versatilità, oltre ai suoi incarichi regolari sarebbe stato chiamato a svolgere lavori di riempimento a matita su numerosi titoli diversi: Captain America, Captain Britain (Marvel UK), Daredevil, Frankenstein Monster, Sub-Mariner e Doctor Doom (in Giant-Size Super villain Team Up), Howard the Duck, The Warriors Three (in Marvel Spotlight), the Thing and Spider-Woman (in Marvel Two-in-One), Master of Kung Fu, Red Sonja, the Golem (in Strange Tales), Warlock, oltre a una storia di fantascienza in Worlds Unknown e molte copertine per una varietà di titoli.

Ha anche contribuito alle riviste B&W della Marvel, inclusi i primi numeri di Rampaging Hulk (Bloodstone), Savage Tales (Ka-Zar) e Doc Savage, oltre a vari numeri di Dracula Lives!, Haunt of Horror (rivista digest, illustrazioni), Monsters Unleashed (Frankenstein), Tales of the Zombie (Simon Garth) e Tomb of Dracula. Ha anche fatto dei bei lavori umoristici in stile Mad in Crazy e Pizzaz.

È stato anche chiamato a lanciare diversi nuovi titoli, ad esempio Amazing Adventures (Black Widow, 1970), Nova (1976), Ms. Marvel (1977) e She-Hulk (inizio 1980).

Buscema abbandona il titolo di Thor (anche se tornerà per i numeri 272-285, inchiostri Palmer e Stone) per lanciare la versione Marvel di Tarzan nel 1977. Avendo già fatto 13 numeri di Ka-Zar orientato alla giungla (in Astonishing Tales, Ka-Zar e Savage Tales) la sua bella versione dell'icona di Burroughs nei primi tre numeri (che ha disegnato a matita e inchiostrato insieme a diverse copertine) si confronta favorevolmente con il grande artista Tarzan in strisce, fumetti e illustrazioni, anche se passa al solo layout per il resto del suo periodo di 18 numeri con molti cambiamenti negli inchiostratori, dando risultati contrastanti. (Da segnalare il suo Tarzan Annual #1 con gli inchiostri Steve Gan).

Altri progetti su licenza affrontati da Buscema includono un adattamento cinematografico di 72 pagine de Il mago di Oz in formato Treasury Edition con inchiostri DeZuniga. (Apparentemente Buscema, avendo qualcosa di una memoria fotografica, è stato in grado di disegnare l'intero libro senza riferimento tranne che per le foto dei personaggi, sulla base del suo ricordo di una visione di 25 anni prima.) Ha anche disegnato Star Trek, così come Holo Man (entrambi per Power records), per non parlare di alcune copertine di Star Wars per la rivista britannica. Ha anche contribuito con alcuni disegni di supereroi per Pro, la rivista ufficiale della NFL (1970) e ha anche scritto a matita alcuni capitoli per il primo numero di Marvel Comics Super Special Magazine con il gruppo rock KISS (1977).

Il 1978 ha visto la pubblicazione di How to Draw comics the Marvel Way (Simon & Shuster 1978). Scritto con Stan Lee, questo influente primer solido come una roccia sui fondamenti del disegno e della narrazione di fumetti era basato sulle lezioni di arte del fumetto che Buscema aveva tenuto alcuni anni prima ed è probabilmente il libro più venduto nel suo genere, ancora in stampa fino ad oggi .

Un'intervista e tanti bei bozzetti e disegni apparvero nello stesso anno nell'arte di Giovanni Buscema (S.Quartuccio) (con una superba copertina venduta anche come poster). La passione di Buscema per il disegno era tale che continuò a disegnare e disegnare nel suo tempo libero (spesso sul retro delle pagine d'arte dei fumetti) e queste immagini vivaci e magistrali formano un considerevole corpus di opere a sé stanti.

Buscema ha concluso un decennio notevolmente fruttuoso con alcune matite finite ispirate per Weirdworld / Warriors of the Shadow Realm, un progetto in stile Tolkien in Marvel Comics Super Special Magazine #11-13 (sebbene le matite riccamente dettagliate fossero in qualche modo oscurate dall'inchiostrazione e colorazione). Un portfolio di sei plate è stato rilasciato da Pacific Distribution).

Gli anni '80

Buscema porta il suo slancio vorticoso negli anni '80. Nonostante la partenza dello scrittore Roy Thomas e dell'inchiostratore Tony DeZuniga, collaboratore chiave di Buscema, il franchise di Conan continua a prosperare. Fa un eccellente portfolio di Conan a 6 tavole pubblicato da Sal Q. Productions nel 1980 e il popolare trio Thomas, Buscema, Chan ha lanciato un terzo titolo di Conan, il bimestrale King Conan in doppia dimensione nel 1980) mentre Buscema abbandona il lavoro regolare dei supereroi al fine di guidare i compiti artistici su tutti e 3 i titoli di Conan. La popolarità del personaggio è tale che nel 1982 esce un film di Conan; Buscema fornisce matite e inchiostri superbi per un adattamento cinematografico di 48 pagine.

Buscema continua ad affrontare altri progetti di alto profilo come il secondo team-up di Superman e Spiderman (1981, chine di Sinnott), una storia di Silver Surfer per il primo numero della rivista Epic (1980, chine di Nebres), una bella storia di King Arthur (Marvel Preview # 22, 1980, chine di Palmer) e un adattamento cinematografico di Raiders of the Lost Ark, 1981, chine di Janson).

Il franchise di Conan alla fine inizia a faticare a livello editoriale, tuttavia, (non è stato trovato alcun inchiostratore regolare per riempire le scarpe di DeZuniga, anche se Rudy Nebres ha fornito ottimi lavori occasionali e persino Nestor Redondo ha fatto un problema, SSOC #90) poiché Buscema diventa sempre più disincantato dalla scrittura su Conan e abbandoneranno gradualmente tutto il lavoro di Conan. Lascia King Conan nel 1982 dopo 9 numeri, sebbene rimanga con il franchise REH con un revival della serie Kull per 10 numeri.

Il suo lavoro post-Thomas su SSOC è stato svolto principalmente con Ernie Chan come inchiostratore ed è nel complesso piuttosto forte. In realtà è tornato alla inchiostrazione più frequente (evitando uno stile di rendering Foster / Frazetta più sciolto) con un trio di lavori superlativi (#61, 70, 73) e un racconto in 5 parti ricordato con affetto di un personaggio di sua creazione , Bront (#65, 66, 79, 80, 81). Lascia la serie nel 1984 con #101 su una nota forte con una serie di storie che ha tracciato lui stesso.

Dopo aver disegnato a matita l'adattamento cinematografico di Conan the Destroyer nel 1984 e la graphic novel di Conan of the Isles nel 1987 (entrambi sembravano un po'affrettati e avevano diversi inchiostratori inesperti sebbene abbia firmato il primo metà dello stesso Destroyer), lasciò il titolo di Conan il Barbaro con il numero 190 nel 1987, ponendo fine a un'associazione di 14 anni di grande successo con il personaggio. La serie ha subito una serie di cambiamenti negli scrittori e negli inchiostratori (Bob Camp è stato l'inchiostratore più prolifico prima del ritorno dell'inchiostratore principale Ernie Chan) per l'insoddisfazione di Buscema, sebbene abbia comunque contribuito con una serie di diverse dozzine di belle copertine a matita e inchiostrate per chiudere il suo lavoro sul titolo.

È un peccato che Buscema stesso non si sia occupato regolarmente di scrivere il titolo (aveva tracciato cinque questioni solide, #155-159) poiché aveva forti capacità di trama e narrazione, come evidenziato nella sua preferenza per il 'metodo Marvel' di narrazione (cioè lavorare da una trama breve piuttosto che da una sceneggiatura completa). Stan Lee: 'Come scrittore ho trovato un piacere lavorare con lui. Dovevo solo dargli le ossa più scarne di un complotto e lui lo avrebbe rimpolpato magnificamente. Non voleva nemmeno una sinossi scritta per la maggior parte del tempo. Discutevamo la storia al telefono per alcuni minuti e giorni dopo ci consegnava una striscia fantastica che sembrava come se avessimo passato settimane a esaminare ogni minimo dettaglio!'

Dopo un'assenza di quasi cinque anni dal mondo dei supereroi (ad eccezione di un periodo di due numeri su Magic (una miniserie degli X-Men del 1983), Buscema torna su un terreno familiare come disegnatore abituale degli Avengers nel 1985 (con #255 , Palmer inchiostri) e rimarrà con il titolo fino al numero 300. È anche il disegnatore abituale dei Fantastici Quattro per il loro 300esimo numero durante uno stint di 15 numeri a partire dal 1986 (numero 296-309, Sal Buscema e Sinnott inchiostri). Dopo sempre il laboratorio, riesce ancora a inserirsi in un adattamento del film, Labyrinth (1986), nonché in una miniserie di quattro numeri con Mephisto, un personaggio caratteristico (1987).

Con l'enorme volume e la varietà del lavoro che Buscema produce e la natura incompiuta di fare principalmente layout, molti dei suoi lavori degli anni '80 sono stati considerati da alcuni meno ispirati di prima. Questo è probabilmente vero in una certa misura, ma il lavoro di Buscema continua comunque a svilupparsi. Forse a causa in parte dell'enorme numero di pagine di soli layout che produce, si può notare un'ulteriore razionalizzazione della sua opera d'arte a un maggior grado di semplicità con uno spostamento dell'attenzione sulla narrazione e sul fumetto (sebbene abbia ancora molto del suo potere di marchio, energia e abilità nel disegno). Inoltre, continua i suoi sforzi di inchiostrazione, producendo un eccezionale Thor Annuale (n. 15, 1985), un superbo western di 10 pagine sulla rivista Savage Tales (n. 10, 1986) e una splendida lastra per il Portfolio WFCBA (Éditions Déesse, 1983), per esempio.

Buscema conclude il decennio con uno scintillante ritorno al personaggio di Silver Surfer con una speciale graphic novel con copertina rigida, Judgment Day, inchiostrata da lui stesso e realizzata interamente con panels (1988) e affrontando Wolverine, un nuovo personaggio per lui, contribuendo a lanciare le sue avventure nel 1988 con due nuovi titoli, Marvel Comics Presents, un titolo antologico (#1-10, Janson inchiostri e #38- 47, con lo stesso Buscema inchiostrato) e nel suo titolo (inchiostri #1-16, 20, 25, Williamson, Sienkiwicz, con i numeri 7, 8 e 25 con inchiostri Buscema superbi). Wolverine segna un ritorno per Buscema a fare matite finite regolarmente mentre il suo lavoro mostra una rinnovata dimostrazione di potere ed energia.

Gli anni '90 e oltre

Buscema inizia il suo sesto decennio nel campo sotto i migliori auspici unendosi a Roy Thomas per un ritorno alla Savage Sword of Conan con #191 (1991, inchiostri Dezuniga, Chan, E.R. Cruz) con una vivace e divertente corsa di 20 numeri. Il 1991 vede anche la pubblicazione di Conan the Rogue, una graphic novel tracciata, disegnata a matita, inchiostrata e colorata da Buscema, che rappresenta una delle sue opere più personali poiché l'ha prodotta per diversi anni nel suo tempo libero. Si allontana dal titolo Wolverine, ma non prima di aver consegnato un romanzo grafico superlativo, Bloody Choices (1991, che ha firmato lui stesso).

Buscema continua ad affrontare nuovi generi con un periodo con il Punisher (#23-30 di Punisher War Zone). Anche se il periodo è stato breve, ha comunque prodotto delle belle opere d'arte con quel personaggio; compresi i numeri 26-29 che lui stesso ha firmato insieme al primo Annuale di Punisher War Zone. Ha anche disegnato a matita e inchiostrato un bel racconto western di Punisher, la graphic novel del 1994, Un uomo di nome Frank ed è stato il disegnatore di Punisher scelto per il team di Punisher incontra Archie (1994). In questa fase avanzata della sua carriera, Buscema adotta uno stile di inchiostrazione più audace e più sciolto, in qualche modo simile a quello di Joe Kubert. Non più attaccato a una serie regolare dopo la sua corsa in Punisher, disegna e disegna un bel Avengers Annual (#23, 1994) e cinque avventure più energiche di Conan in bianco e nero. Sfortunatamente, il franchise di Conan raggiunge il suo crepuscolo alla Marvel e Buscema è l'artista finale dell'ultimo numero di SSOC con il numero 235 e anche l'artista finale dello spin-off di breve durata, Conan the Savage (#10, 1996).

Fornisce alcuni lavori di riempimento (la miniserie Cosmic Powers Unlimited, Doom 2099, Fantastic Four 2099, Thor e Fantastic Four, Silver Surfer e uno speciale Silver Surfer / Rune) e nel 1996 dopo un lungo e produttivo, e proficua carriera, prende formalmente il suo meritato pensionamento all'età di 68 anni. Il 1997 è stato il primo anno in 30 anni in cui il nuovo materiale Buscema non è apparso sugli spalti - sarebbe stato anche l'ultimo anno della vita di Buscema, come Buscema , sempre al posto di lavoro, ha continuato a ricevere offerte di incarico che avrebbe assunto, il suo pensionamento diventava così un "semi pensionamento".

Sempre in evoluzione artistica, il suo lavoro "post-pensionamento" ha una semplicità fluida e accomodante, che solo un veterano del mestiere può ottenere. Ha realizzato matite e inchiostri su un racconto in bianco e nero di Hulk per Shadows and Light (1998) e ha fatto un ritorno definitivo a Conan con la miniserie in 3 numeri "La morte ricoperta di oro" (1999). Il 1999 ha visto anche la pubblicazione di un vivace Annuale di Spider-Man con illustrazioni complete di Buscema, cinque delle mini-serie di sei numeri Galactus the Devourer che ha profumatamente disegnato (inchiostri Sienkiewicz) e un numero di Thor (inchiostri Ordway).

Buscema ha continuato a svolgere lavori divertenti nel suo settimo decennio di lavoro professionale sui fumetti, lavorando per la prima volta con la DC Comics, inizialmente realizzando opere d'arte su un racconto in bianco e nero di Batman. (Batman - Gotham Knights #7, 2000). Successivamente si è riunito con Stan Lee nel progetto "Immagina che Stan Lee e John Buscema creano Superman" (2001). Si è inoltre mantenuto attivo facendo commissioni private e ricreazioni di copertine, oltre a insegnare lezioni d'arte e ha contribuito a produrre il John Buscema Sketchbook (Vanguard 2001) per la cui promozione ha partecipato al San Diego Comic Art Convention del 2001 dove è stato accolto con grande apprezzamento dai fan e colleghi. Il libro offre una buona panoramica dell'ampia passione per l'arte di Buscema: "Amo tutti i pittori ... Vermeer, Velasquez, Goya, Rubens, Rembrandt ... ho più di mille libri d'arte!"

Ha finito le matite su un progetto di Superman iniziato da Gil Kane (che allora era morto), SUPERMAN: Blood of my Ancestors (Nowlan inchiostri, 2003) e aveva appena firmato per una miniserie di 5 numeri con Roy Thomas chiamata JLA : Barbari. Poco dopo aver terminato il primo numero, Buscema, a cui era stato diagnosticato un cancro allo stomaco pochi mesi prima, è morto il 10 gennaio 2002 all'età di 74 anni. Una superba illustrazione a matita dei Vendicatori (dipinta da Alex Ross) è stato il suo ultimo lavoro professionale. A lui è stato dedicato postumo un documentario su Frank Frazetta, Painting with Fire (2003), in cui è apparso Buscema. Complessi tributi ai notevoli talenti artistici e alle realizzazioni di Buscema sono stati pubblicati su Alter Ego #15 e Comic Book Artist #21 nel 2002 e gran parte del suo lavoro rimane in stampa nelle ristampe tascabili commerciali.

Premi

Ha ricevuto molti riconoscimenti per il suo lavoro nei fumetti, incluso lo Shazam Award per il miglior disegnatore (divisione drammatica) nel 1974. È stato inserito nella Eisner Hall of Fame nel 2002.

Storia lavorativa

Immagini attribuite a John Buscema

Note

  • Nessuna nota


Curiosità

  • Nessuna curiosità


Vedi anche

  • Galleria delle immagini di John Buscema




Link e riferimenti

Note di fondo

  1. 1,0 1,1 Savage Sword of Conan #66




Advertisement