Marvel Database
Advertisement
Marvel Database





Il personaggio di Natalia Alianovna "Natasha" Romanoff è interpretato dall'attrice Scarlett Johansson e viene introdotto nella Fase 1 a partire dal terzo film della saga cinematografica, intitolato "Iron Man 2". Da allora il personaggio è apparso nei seguenti titoli: "The Avengers", "Captain America: The Winter Soldier", "Avengers: Age of Ultron", "Captain America: Civil War", "Avengers: Infinity War", "Avengers: Endgame" e nel film stand-alone dedicato al suo personaggio intitolato "Black Widow", di cui è la protagonista principale.

Il personaggio appare brevemente in "Spider-Man: Homecoming" e "Captain Marvel" e all'interno della serie televisiva "Loki".


Infanzia e Adolescenza

Natalia Alianovna Romanoff nacque a Stalingrado, Russia, nel 1984. Strappata in tenera età dalle braccia dei suoi genitori naturali, Nat venne reclutata dal generale del KGB Dreykov all'interno dell'accademia di spionaggio Red Room per diventare una spia e un'assassina al suo servizio.

All'età di nove anni, Nat venne inviata in Ohio assieme agli agenti Melina Vostokoff e Alexei Shostakov per svolgere la sua primissima missione sul campo: mettere le mani su un floppy disk contenente una serie di studi che avrebbero permesso al governo sovietico di replicare la formula del "Soldato d'Inverno". Per riuscire a confondersi con la gente comune, Dreykov creò per loro delle nuove identità ed un nucleo familiare fittizio. Natasha crebbe quindi al fianco di una sorellina minore, Yelena, alla quale si affezionò molto nonostante la situazione.

Nel 1995, a missione compiuta, i quattro fecero ritorno in Russia e la "famigliola felice" fu costretta a separarsi. Contro la sua volontà, Natasha venne rispedita presso la Red Room per divenire una Vedova Nera a tutti gli effetti.

Sottoposta a un rigido allenamento sia fisico che mentale, Romanoff divenne in pochi anni una delle migliori allieve dell'accademia, nonché un'esperta assassina e una letale arma nelle mani di Dreykov.[1][2]

Disertare la Russia

Rappresentando una minaccia concreta per la sicurezza del governo americano, Nick Fury, direttore dello S.H.I.E.L.D., inviò l'agente Barton ad eliminare Natasha, al tempo in missione per conto di Dreykov. Colpito dalle sue abilità, invece che annientarla, Clint, soprannominato "Occhio di Falco", propose al direttore di reclutarla e questo accadde.

Per aiutarla a liberarsi definitivamente dal controllo di Dreykov, con l'aiuto di Natasha, Fury e Barton architettarono un piano per uccidere il generale Dreykov e distruggere dall'interno la sua Red Room.

Durante il corso degli anni successivi, Romanoff e Barton divennero compagni di squadra e venendo assegnati ad un certo numero di missioni insieme, strinsero un rapporto indissolubile di fiducia e amicizia, tanto da spingere Clint a rivelarle l'esistenza della sua famiglia, composta da una moglie e due amorevoli bambini, per i quali Natasha divenne una sorta di "zietta".

Per tenere d'occhio l'operato di Tony Stark, il direttore Fury la fece infiltrare all'interno delle Stark Industries sotto il nome di "Natalie Rushman", dove divenne l'assistente di Pepper Potts.

A missione conclusa, Natasha dichiarò Tony meritevole di unirsi all'iniziativa Vendicatori, rivelandogli la propria identità.[3]

Creazione dei Vendicatori

Proprio come nel caso di Tony Stark, qualche tempo più tardi, Natasha venne inviata a valutare l'operato dello scienziato Bruce Banner.

Quando l'asgardiano Loki determinato a mettere le mani sul Tesseract, l'antico artefatto in grado di generare una quantità illimitata di energia, attaccò la Terra, Nick Fury diede il via al progetto "Vendicatori", assemblando un gruppo di supereroi con l'intento di creare una squadra d'azione speciale che possa far fronte a minacce di genere soprannaturale. Uno dopo l'altro Bruce Banner, Steve Rogers, Tony Stark, Thor, Clint Barton e Natasha vennero tutti quanti chiamati ad unirsi all'iniziativa.[4]

Battaglia di New York

Un varco dimensionale generato dal Tesseract si spalanca proprio sotto ai lori occhi e dal cielo, piovono centinaia e centinaia di orde di Chitauri, ferine creature che assaltano l'isola di Manhattan. Iron Man ne uccide il più possibile, tuttavia un solo supereroe non basta. In suo aiuto giungono anche gli altri Vendicatori: Captain America, Hulk, Romanoff, Thor e Barton. Contenuta la minaccia, mentre Thor fa ritorno ad Asgard col Tesseract e Loki come suo prigioniero, gli altri Vendicatori tornano alle proprie vite, promettendo di riunirsi in futuro in caso di necessità.

Incontro con il Soldato d'Inverno

Due anni dopo la battaglia di New York, Steve e Natasha aiutano Nick Fury a scovare gli agenti dell'HYDRA infiltrati all'interno dello S.H.I.E.L.D. L'organizzazione terroristica ha infatti elaborato un algoritmo speciale capace di identificare gli individui che potrebbero in futuro opporsi ai loro piani, per poi eliminarli grazie ai nuovi Helicarrier sottratti allo S.H.I.E.L.D.[5]

Sokovia e la nascita di Ultron

In Sokovia, prendendo d'assalto una delle bassi dell'HYDRA, i Vendicatori catturano il Barone Wolfgang von Strucker e si impossessano dello scettro di Loki, il Tesseract dove è custodita la Gemma della Mente.

Al fine di proteggere la Terra da un'ulteriore invasione aliena, Tony Stark e Bruce Banner creano l'intelligenza artificiale "Ultron". Tuttavia la creazione si ribella ai propri padroni e tenta di distruggere l'intera umanità. Per riuscirci si allea con i due gemelli potenziati Pietro e Wanda Maximoff, desiderosi di vendetta nei confronti di Stark. Tuttavia, resisi conto dei suoi folli piani, gli si rivoltano contro, aiutando Captain America, Clint Barton, Natasha Romanoff, Bruce Banner, Thor, Tony Stark e Visione a scongiurare la minaccia. Nel bel mezzo dell'azione però, la cittadina di Sokovia viene completamente distrutta sebbene lo S.H.I.E.L.D. riesca a fare evacuare in tempo i suoi abitanti.

A questo punto Natasha, che si è segretamente innamorata di lui, gli promette che quando tutto questo sarà finito, i due viaggeranno il più lontano possibile, insieme. Bruce Banner però, non riuscendo più a tenere sotto controllo la propria trasformazione in Hulk, temendo di potere fare del male alle persone che più ama, in particolare a Natasha, abbandona il pianeta Terra partendo senza una meta precisa per lo spazio profondo, evento che spezza irrimediabilmente il cuore della donna.[2]

Gli Accordi di Sokovia: Vendicatori contro Vendicatori

In Nigeria, a circa un anno dagli eventi verificatosi in Sokovia, gli Avengers Black Widow, Falcon, War Machine e Wanda Maximoff, guidati da Captain America, impediscono a un gruppo di criminali di impossessarsi di una pericolosa arma biologica. Durante lo scontro, nel pienone del centro cittadino, Brock Rumlow decide di suicidarsi azionando il proprio giubbotto esplosivo. Wanda riesce a limitare l'impatto dell'esplosione ma non riflettendo sulle conseguenze delle sue azioni, finisce per condannare una serie di volontari del Wakanda dirottando l'esplosione verso un edificio.

L'evento finisce immediatamente su tutti i notiziari, aumentando la sfiducia delle Nazioni Unite nei confronti della squadra di supereroi, che per tutta risposta stipulano gli Accordi di Sokovia, una serie di leggi atte monitorare costantemente l'operato degli Avengers, in modo da contenere i danni e ridurre il numero di innocenti durante le loro missioni. La squadra è divisa: Tony Stark sostiene la necessità di una supervisione esterna, mentre Steve, che a stento riesce a fidarsi delle istituzioni dopo la caduta dello S.H.I.E.L.D., ritiene che gli Avengers debbano essere liberi di decidere di propria volontà come e quando intervenire.

Per convincere i consiglieri a ratificare gli Accordi di Sokovia, Natasha si reca a Vienna dove il Consiglio delle Nazioni Unite si riunisce per discutere degli accordi. Durante il Consiglio delle Nazioni Unite, si verifica però un attentato terroristico e re T'Chaka del Wakanda, rimane ucciso. Le telecamere di sicurezza rivelano che il colpevole è il "Soldato d'Inverno", un vecchio amico di Steve controllato dall'HYDRA.

Nonostante gli avvertimenti di Natasha, Rogers e Wilson rintracciano Barnes a Bucarest e cercano di proteggerlo dalla polizia e da T'Challa, figlio del defunto T'Chaka e nuovo re del Wakanda, intenzionato a vendicare personalmente la morte del padre. Steve riesce a fermare Barnes che, rinsavito, gli svela di essere mentalmente manipolato dall'HYDRA e che il responsabile degli attacchi, non è altri che il loro leader, il Barone Zemo.

Determinato a sventare i suoi piani, Captain America recluta Wanda, Hawkeye e Ant-Man per aiutarlo nell'intento ma il gruppo viene ostacolato dalla squadra di Vendicatori capitanati da Iron Man che tra le sue fila conta Black Widow, T'Challa, Visione, War Machine e il più giovane e inesperto Spider-Man. All'aeroporto di Lipsia-Halle tra le due fazioni è guerra aperta ma, durante la battaglia, Natasha decide di lasciar fuggire Rogers e Barnes, che si recano in Siberia per fermare Zemo. Mentre Steve e Bucky raggiungono la Siberia, i loro compagni vengono arrestati e rinchiusi presso il carcere per superumani denominato "Raft".[6]

La Caduta di Dreykov e della Stanza Rossa

Ricercata dal segretario di Stato Thaddeus Ross e dai soldati dell'esercito americano per aver infranto gli Accordi di Sokovia e avere aggredito il defunto re del Wakanda T'Chaka, Natasha trovò rifugio in Norvegia dove si creò una nuova vita. In Norvegia, assieme alla posta della giornata, Natasha ricevette una strana valigetta nera a cui però attribuì particolare importanza e che infilò nel bagagliaio dell'auto assieme ad altre scartoffie. Di ritorno dal supermercato però, la donna venne attaccata da un misterioso soldato mascherato dal nome in codice "Taskmaster", intenzionato ad impossessarsi proprio di quella valigetta. Riuscita a sottrarsi alle sue grinfie e aprendo il contenuto della valigetta, Nat intuisce di dovere ricongiungersi con la sorella perduta Yelena e portare a termine una missione della massima importanza che proviene dal loro passato.

Convinta di essersi sbarazzata di Dreykov e sua figlia Antonia molti anni prima per conto della S.H.I.E.L.D. Natasha apprende da Yelena che l'uomo ha creato e addestrato una classe di nuove e letalissime Vedove, che tiene sotto scacco grazie a un sistema di controllo mentale neuronale. Adesso l'unico modo per liberarle è somministrare loro l'antidoto sintetizzato dall'ultimo bersaglio di Yelena. Le due sorelle decidono quindi di uccidere Dreykov e salvare le Vedove da lui controllate.

Poiché la Stanza Rossa è impossibile da trovare e Dreykov troppo imprevedibile da uccidere, Natasha, sapendo che Alexei era un suo stretto collaboratore, organizza una missione per liberarlo dal carcere di massima sicurezza siberiano in cui è stato rinchiuso. Purtroppo per loro però, Alexei non conosce l'attuale posizione della Stanza Rossa ma confida loro che Melina, che per tutti questi anni ha continuato a lavorare per conto del generale, potrebbe conoscerla, quindi propone alle due sorelle di porgerle una visitina e ricongiungere così "L'allegra famigliola".

A missione compiuta, Yelena fece regalo a Natasha del suo giubbotto antiproiettile preferito e le due sorelle furono costrette a separarsi un'altra volta. Nat affidò a Melina l'ultima fiala di antidoto perché la donna potesse replicarne la formula e liberare così le Vedove Nere rimaste nel mondo, mentre lei si sarebbe preparata ad affrontare il segretario di stato Ross e le conseguenze delle sue azioni.

Due settimane più tardi, Natasha si tinse i capelli di biondo platino e indossando la giacca che sua sorella le aveva regalato, si unì a Steve Rogers per aiutarlo a liberare gli Avengers rinchiusi nel Raft in seguito alla battaglia di Lipsia Halle.[1]

Il BLIP

Scagionati dal Raft, i Vendicatori si riuniscono in occasione della lotta contro Thanos, spietato titano determinato ad impossessarsi di tutte e Sei le Gemme dell'Infinito per eradicare per sempre dalla realtà metà della vita dell'Universo. Quando Visione viene mortalmente ferito dagli scagnozzi di Thanos che vogliono impossessarsi della Gemma della Mente che l'androide custodisce nella propria fronte; Steve, Falcon, Natasha e Wanda lo portano in Wakanda con l'obiettivo di estrargli la gemma dalla fronte senza però ucciderlo nel processo.

Intanto il resto del Wakanda si prepara ad affrontare le orde di Thanos. Natasha in particolare, è chiamata a scontrarsi contro Proxima Midnight, generalessa dell'esercito di Thanos. Accecata dalla perdita del marito, Proxima Midnight riesce infine a sopraffare Black Widow ma, in aiuto della spia, giungono la generalessa Okoye del Wakanda e Wanda Maximoff, che collaborando riescono infine a ucciderla.

Uccidendo Visione e sottraendogli la Gemma della Mente, Thanos, nonostante gli sforzi combinati dei supereroi, riesce infine ad impossessarsi di tutte e sei le gemme necessarie a cancellare dall'esistenza metà della popolazione dell'Universo. In un singolo istante Bucky, T'Challa, Groot, Wanda, Falcon, Mantis, Drax, Quill, Strange e Spider-Man si dissolvono nel nulla.[7]

La Battaglia finale per la Terra

Guidati questa volta da Captain Marvel, gli Avengers superstiti Captain America, Thor, Hulk, Black Widow, Iron Man, War Machine e Nebula si riuniscono per sconfiggere una volta per tutte il terribile titano, tendendogli un'imboscata su Titan e sottrargli il guanto con le sei gemme dell'infinito in modo da invertire il suo operato e riportare in vita i loro amici.

Quando però i Vendicatori giungono su Titan, scoprono che Thanos ha distrutto le gemme e che il gesto gli è quasi costato la vita. Quando Thor apprende che non potranno più sfruttare il potere delle gemme per riportare indietro i loro amici caduti, furioso, lo decapita e i Vendicatori si sciolgono.

Sacrificio finale ed Eredità

A cinque anni dall'accaduto, grazie all'aiuto di Scott Lang, gli Avengers si avventurano nel regno quantico e viaggiando nel tempo, lottano per recuperare tutte le gemme necessarie ad annullare le azioni di Thanos.

Natasha e Barton viaggiano indietro nel 2014 e si recano su Vormir per recuperare la Gemma dell'Anima ma, il Teschio Rosso li mette bene in guardia, la proprietà della gemma richiede un prezzo: il sacrificio di una persona amata. Ognuno dei due vorrebbe immolarsi al posto dell'altro e legati da un profondo affetto, arrivano a scontrarsi. Alla fine però, è Natasha a sacrificarsi spontaneamente, consapevole del fatto che se la loro missione avrà successo, il compagno di squadra potrà ricongiungersi con la sua famiglia cancellata dall'esistenza da Thanos.

Il sacrificio di Natasha permette quindi a Clint di recuperare la gemma e forgiare un nuovo guanto del potere col quale annullare l'operato di Thanos.[8]

Abilità

Addestrata come una vera e propria arma vivente assieme alle altre Vedove Nere presso la Red Room Academy, Natasha Romanoff è una maestra di arti marziali, una tiratrice scelta e una spia veterana di talento. Una volta disertata la Red Room e la Russia, Natasha venne sottoposta all'addestramento della S.H.I.E.L.D. e divenne un agente di alto livello.

Natasha sa parlare correntemente molte lingue tra cui russo, italiano e latino. Possiede anche una formazione informatica di alto livello e una formazione psicologica.

  • Maestra di Arti Marziali: Natasha è un'esperta nel campo delle arti marziali multiple.
  • Acrobata esperta: Natasha è un'atleta di classe olimpica, ginnasta, acrobata e trapezista.
  • Tiratrice esperta: Natasha è una tiratrice molto precisa, abile nel tiro di precisione e nel lancio di coltelli.
  • Stratega esperta.
  • Natasha è inoltre un'esperta sia nell'uso delle armi da fuoco che delle armi bianche; capace, all'occorrenza, di servirsi anche di oggetti comuni a fini offensivi.
  • Hacker di talento: Natasha può hackerare la maggior parte dei sistemi informatici senza far scattare alcun firewall o avvisi di sicurezza.
  • Maestra di Seduzione.
  • Spionaggio: Natasha è un pericoloso agente segreto addestrato in spionaggio, travestimento, infiltrazione e demolizione dell'avversario.



Armi

  • Guanti di Vedova Nera
  • Bastoni di Vedova Nera
  • Coppia di pistole Glock
  • Bombe fumogene
  • Dispositivi EMP
  • Spray
  • Coppia di bastoni stordenti

Scopri e Discuti

Note a piè di pagina



Ti piace? Facci sapere!


Advertisement