Marvel Database
Advertisement





Thor è il "Dio del Tuono",[62] un membro della razza conosciuta come Asgardiani, un gruppo di esseri umanoidi della dimensione tascabile di Asgard,[63] il Regno Eterno.[64] Thor è il figlio di Odino, il Padre Onnipotente e re di Asgard.[13] Fu adorato dagli umani noti come Vichinghi e divenne parte della Mitologia Norrena.[14] Armato del suo martello di Uru incantato Mjolnir, che lo aiuta a incanalare le sue energie divine, è diventato il guerriero più potente dei Dieci Regni. Quando il suo comportamento irresponsabile e impetuoso divenne troppo, Odino lo mandò a Midgard (più comunemente noto come Terra) come studente mortale di medicina disabile di nome Donald Blake, privato della sua memoria. Dopo aver appreso l'umiltà, riacquisì la memoria e i suoi poteri divini.[65][13] Thor è diventato un campione di Midgard e uno dei membri fondatori dei Vendicatori; "Gli eroi più potenti della Terra".[66]


Quote1.png Tutto il potere della tempesta, da tutto il mondo, scorre nelle mie vene e può essere evocato dal mio martello in qualsiasi momento, ovunque si trovi. Un temporale in Giappone? Il mio. Un uragano al largo della costa delle Barbados? Di nuovo mio. Un paio di tornado in Kansas? Sì... il mio. Tutto quel potere, tutta quella forza distruttiva, al mio comando. Canalizzato e guidato attraverso la mistica potenza di questo martello, guidato proprio verso di te! Quote2.png
-- Thor [[ |src]] 
Questa è una versione ridotta della storia di Thor Odinson. Per una storia completa vedi Storia estesa di Thor Odinson

Nascita di Thor

Thor è il figlio di sangue di Odino, Padre di Tutti gli Asgardiani, e Jord, nota come Gea, la dea che era una delle Elder Gods. Odino cercò di generare un figlio il cui potere sarebbe derivato sia da Asgard che da Midgard (come il regno della Terra viene chiamato dagli Asgardiani), e quindi cercò di accoppiarsi con Jord. Odino creò una caverna in Norvegia dove Jord diede alla luce Thor. Mesi dopo lo svezzamento del bambino, Odino lo portò ad Asgard per essere allevato. La moglie di Odino, la dea Frigga, agì come madre di Thor da quel momento in poi. Molti decenni dopo Thor apprese che Jord era sua madre naturale.[67]

Ciclo Ragnarok

Il ciclo Ragnarok ha creato numerose versioni della storia delle origini di Thor e il fatto che Asgard fosse un luogo del mito non ha aiutato le cose quando si è cercato di tenere traccia di tutte le diverse storie e descrizioni degli eventi. Una di queste storie venne dal reciso occhio di Odino, che raccontò a Thor di un altro Thor che era esistito prima di lui. Questo Thor precedente era anche figlio di Odino ma aveva i capelli rossi, non biondi come l'attuale. Si diceva che nel mito Thor avesse ucciso il Serpente di Midgard e che fosse stato ucciso dal veleno del mostro morente, nel Ragnarok. Lo stesso Odino fu ucciso, ma uno nuovo apparve al posto suo, e fu lui a generare l'attuale versione di Thor. Non è certo se verrà mai raccontata una vera immagine delle origini di Thor.[68]

Primi anni

Loki

Il giovane Thor fu cresciuto insieme a Loki, che era stato adottato da Odino dopo che suo padre Laufey, il Gigante di Ghiaccio venne ucciso in battaglia. Per tutta la loro infanzia, Loki era geloso di Thor. La gelosia divenne odio, provocando il desiderio di uccidere Thor. Iniziò così l'inimicizia di Loki per Thor, che persistette per molti secoli.

Mjolnir

Ad esempio, quando Thor aveva otto anni, Odino lo mandò a Nidavellir, la terra dei Nani, per contrattare con i nani Brokk ed Eitri per la creazione di tre tesori per il sovrano di Asgard. Tra i tesori che Brokk ed Eitri crearono vi era il Mjolnir, il martello di Uru. Odino conferì al martello vari incantesimi, incluso uno che rendeva impossibile a chiunque sollevarlo, tranne se non fosse veramente degno di maneggiarlo. Odino dichiarò quindi che stava riservando l'uso di Mjolnir a Thor, che lo avrebbe ricevuto il giorno in cui grandi azioni di valore altruistico lo avessero dimostrato degno del suo potere.[69]. Per anni, Thor si sforzò di diventare fisicamente abbastanza forte da impugnare il martello e compì molte azioni eroiche. Alla fine, quando Thor aveva sedici anni, Odino mandò lui e i suoi amici Balder e Sif in una missione per insegnargli ciò che era veramente richiesto per brandire Mjolnir: un cuore puro.[70]

Sif

Thor divenne il più grande guerriero di Asgard. Prima che compisse vent'anni, si innamorò della dea Sif. Infatti, quando Sif venne rapita dai Giganti Storm e finita prigioniera di Hela, Thor offrì la propria vita in cambio della libertà di Sif. La dea della morte fu così colpita dalla nobiltà del giovane Dio del Tuono che lasciò andare entrambi. [71] La storia d'amore tra Sif e Thor è crebbe e scemò nel corso dei secoli.[72]

Come Siegfried

Sigfrido

Secondo l'occhio reciso di Odino, fu lo stesso Odino a far sì che Thor vivesse sulla Terra sotto le sembianze mortali dell'eroe germanico "Siegmund" e di suo figlio "Sigfrido". In questi due ruoli, Thor svolse un ruolo importante negli sforzi di Odino per riconquistare il pericoloso e potente Anello del Nibelungo. Il guerriero Hunding uccise Siegmund, ma Thor rinacque come Sigfrido, suo figlio. Sigfrido prese possesso dell'Anello dopo aver ucciso il gigante Fafnir, che lo custodì nelle vesti di un drago (questo Fafnir non deve essere confuso con il Fafnir, l'ex re di Nastrond).[73]

James Allison ha affermato che il racconto di Sigfrido che combatte Fafnir, e molti altri racconti simili, erano racconti mitici originati come un pallido ricordo razziale della battaglia di una delle sue precedenti incarnazioni, Niord, con il "Verme" della Terra del Verme.[74]

Sigfrido si innamorò quindi della Valchiria Brunnhilde, che fu poi assassinata da Hagen, figlio di Alberich, il nano che aveva creato l'Anello scagliando una maledizione su di esso. Odino, tuttavia, resuscitò Sigfrido nei panni di Thor con i suoi pieni poteri divini, ma cancellò la memoria delle sue due identità mortali.[67]

IX secolo D.C.

Nel IX secolo d.C., Thor viaggiò sulla Terra per promuovere il suo culto tra i Vichinghi. Sia i norvegesi che i tedeschi, che lo chiamarono Donner ("Tuono"), iniziarono ad adorare Thor e altri Asgardiani. Thor incoraggiò attivamente l'adulazione dei suoi adoratori vichinghi per anni e li incoraggiò anche a trovare gloria in battaglia.

Quando Thor scoprì che i suoi più zelanti adoratori vichinghi avevano massacrato gli abitanti di un monastero cristiano, rimase scioccato e si vergognò di aver commesso atrocità in suo nome. Si ritirò completamente dalle attività terrene, facendo cessare l'adorazione degli dei di Asgard. Per secoli, l'unico ricordo che l'uomo avrebbe avuto degli Asgardiani sarebbe stato attraverso miti e leggende (In alternativa, un'altra storia racconta di come, 1000 anni fa, i Padri del Cielo dei Pantheon della Terra si ritirarono dal culto mortale al comando della Terza Schiera dei Celestiali).[75]

Nell'anno 893, Thor scoprì il cadavere di un dio nativo americano naufragato sulle coste della Scandinavia, entrando in conflitto con un alieno deicida chiamato Gorr il Macellatore di Dei.[76] Attaccato da Gorr,[77] Thor lo ferì con un fulmine e lo rintracciò in una grotta vicino al Lago Ladoga, in Russia. Gorr catturò Thor e lo torturò per diciassette giorni,[78] ma gli adoratori di Thor li rintracciarono e lo salvarono, consentendo a Thor di recidere una delle braccia di Gorr e apparentemente ucciderlo.[79] Qualche tempo dopo, Thor fu attaccato da mostri fatti di oscurità vivente, servitori di Gorr, che lo trascinò nel tempo fino al lontano futuro.[80] Ridotto in schiavitù nel Mondo Nero di Gorr, Thor incontrò le sue future nipoti e tentò di per aiutare la loro ribellione contro Gorr. Salvato da Thor il Vendicatore - il suo io futuro dal 21° secolo, e Padre Onnipotente Thor dal lontano futuro, Thor li aiutò a sconfiggere Gorr e avrebbe rivendicato l'arma di Gorr, il primordiale simbionte All-Black, per se stesso, ma venne fermato da Padre Onnipotente Thor.[81]

Qualche tempo dopo, Thor è stato portato di nuovo nel futuro per aiutare il suo sé futuro a combattere contro l'elfo oscuro signore della guerra Malekith, dimostrandosi finalmente degno di Mjolnir nel processo.[82][83]

Thor contro Apocalisse

XI secolo D.C.

Durante l'XI secolo, Thor affrontò il Celestiale potenziato dal nome Apocalisse. In cerca di vendetta, Thor benedisse Jarnbjorn con il proprio sangue per permearlo con il potere di perforare l'armatura celeste.[84]

Ad un certo punto durante questo secolo, Thor, brandendo Mjolnir e Jarnbjorn insieme, divenne un membro di una squadra di Vendicatori che consisteva in Nehanda la Pantera Nera, un Ghost Nativo Americano, Bodolf il Nero, una Principessa Atlantidea che portaa il Pugno d'Acciaio, una donna anziana ospite della Forza Fenice, e Tanaraq delle Grandi Bestie.[85][86]

XX Secolo

Seconda Guerra Mondiale

Articolo principale: Seconda Guerra Mondiale

Ad un certo punto, Adolf Hitler riuscì a contattare Thor e ad ingannarlo ad aiutare la causa dei tedeschi, i discendenti delle persone che un tempo l'avevano adorato, nella guerra attuale. Thor, quindi, si scontrò contro gli Invasori e uccidendo quasi il secondo Union Jack con un'esplosione di fulmini dal suo martello incantato. Apprendendo che Hitler era in realtà malvagio, Thor giurò di non aiutarlo più e ritirò la maggior parte dell'energia elettrica nel corpo di Union Jack nel suo martello, riportandolo in qualche modo in salute. Il secondo Union Jack ora possedeva il potere sovrumano di lanciare scariche elettriche dal suo corpo.[87]

Post-World War II

Thor nel 1951

Dopo la guerra, Thor non fu molto attivo sulla Terra. Venne convocato per aiutare gli Olimpici in una manciata di occasioni, come quando li aiutò a difendere l'Olimpo da un'invasione di creature generate dalla mente del Professor Buffanoff. Nel 1951, Thor venne in aiuto degli olimpionici in altre tre occasioni. La prima arrivò quando Venere fu intrappolata nella nazione di Cassarobia, prigioniera del suo sultano dominante.[88]

Il suo fratellastro Loki lanciò un incantesimo che impediva a tutti gli dei di usare i loro poteri nella regione. Loki si convinse poi a revocare l'incantesimo ed insieme a suo fratello riuscirono a trattenere le forze del sultano abbastanza a lungo da permettere a Venere di rovesciarlo.[88] In seguito, sia Thor che il dio della guerra olimpico Mars (Ares) aiutò Venere a difendere New York City dall'inventore pazzo John Dark e il suo esercito meccanizzato. Quando Dark si rifiutò di arrendersi, Thor decimò il suo laboratorio con un fulmine, apparentemente uccidendolo. Thor ancora una volta venne in aiuto di Venere, prestando i suoi poteri per fermare l'enorme Morte Strisciante.[89]

Thor condusse una vita attiva e avventurosa ad Asgard, combattendo contro i Giganti di Ghiaccio e altri nemici del Regno d'Oro. Odino guardò Thor diventare sempre più arrogante e lo bandì più volte a Midgard per imparare l'umiltà. Nel corso degli anni, Odino diventò sempre più insoddisfatto del comportamento testardo e dell'orgoglio eccessivo di suo figlio. In un'occasione Thor violò una tregua tra gli Asgardiani e i Giganti di Ghiaccio, iniziando così quasi un'altra guerra. Alla fine, mentre Thor era impegnato in una rissa in una taverna asgardiana, Odino lo convocò alla sua presenza.[90]

Era Moderna

Thor con gli altri eroi moderni della Terra

Odino decise che era tempo che Thor imparasse l'umiltà. Fece in modo che Thor gli consegnasse il suo martello e poi lo mandò sulla Terra nelle vesti mortali di un giovane studente di medicina paralizzato di nome Donald Blake, privato della sua memoria (di nuovo) della sua vera identità. Come Blake, Thor imparò il valore dell'umiltà e si prese cura dei malati e dei moribondi, prima come studente di medicina e poi come medico di successo. Dopo aver lasciato la scuola di medicina, Blake aprì uno studio privato a New York e guadagnò rapidamente fama come grande chirurgo.[90]

Dopo che Thor trascorse dieci anni nel ruolo di Blake, Odino impiantò nella mente di Blake il suggerimento di fare una vacanza in Norvegia. Lì Blake incontrò un gruppo di alieni Kronans. Blake fuggì dai Kronani in una caverna, la stessa che era stata la casa natale di Thor millenni fa, e dove Odino aveva lasciato il martello di Thor nella forma incantata di un bastone di legno. Intrappolato nella caverna da un grande masso, Blake colpì il masso col bastone con rabbia e frustrazione, e con sua grande sorpresa fu trasformato nella sua vera forma divina di Thor. Con i nuovi poteri riuscì ad uscire dalla caverna e si allontanò dai Kronani.[61]

Thor non aveva ancora alcun ricordo della sua vita passata come dio asgardiano, anche se con il passare dei mesi, molti dei suoi ricordi tornarono. Alla fine, qualche anno dopo, Odino gli rivelò la falsa natura dell'identità di Blake e la ragione di ciò. Thor mantenne la sua identità di Blake sulla Terra e continuò la sua pratica medica. Parte della sua affinità con la Terra era la consapevolezza inconscia che la sua eredità materna fosse di questo mondo. L'altra parte era semplicemente il suo amore per l'umanità e il suo bisogno di sperimentare quelle cose che solo i mortali potevano provare. Thor divise quindi il suo tempo tra la Terra e Asgard, e lo fa ancora oggi.[90]

Per anni, Thor fu innamorato di una mortale di nome Jane Foster che lavorava come infermiera per Blake. Odino disapprovava la sua storia d'amore[91] e rifiutò diverse richieste di Thor di renderla immortale,[92] arrivando al punto di consentire a Loki di mettersi d'accordo con l'Incantatrice per far scordare a Thor il suo amore mortale.[71] Odino viaggiò persino sulla Terra per porre fine alla loro relazione.[93]

Quando Thor decise di rivelarle la sua identità segreta come Donald Blake, Odino rimosse temporaneamente i suoi poteri.[94] Alla fine la storia d'amore tra Thor e Foster finì da sola, e Thor rinnovò la sua relazione con Sif, sebbene quella relazione abbia subito tensioni negli ultimi anni.[95]

Fondando i Vendicatori

Quando le manipolazioni di Loki costrinsero alcuni dei più potenti eroi della Terra a unirsi per fermare Hulk, Thor divenne un membro fondatore del gruppo sovrumano conosciuto come Vendicatori.[96] Continuò a servire la squadra mentre lavorava anche con altri supereroi, come col Dottor Strange (cui ha anche operato come Donald Blake).[97] Tuttavia, lasciò la squadra diverse volte per lunghi periodi di assenza.[98] [99]

Beta Ray Bill

Qualche tempo dopo, un alieno potenziato dalla cibernetica noto come Beta Ray Bill arrivò sulla Terra e si dimostrò degno di sollevare Mjolnir. Odino creò un nuovo martello per Bill e trasferì l'incantesimo che permise a Thor di trasformarsi in forma mortale nel martello di Bill. Ciò permise a Bill di assumere la sua forma pre-potenziata, ma rimosse anche il personaggio di Blake dall'esistenza. Con l'aiuto di Nick Fury, direttore dello S.H.I.E.L.D., Thor adottò una nuova "identità segreta", quella di un operaio edile, Sigurd Jarlson. Thor in realtà non divenne mortale nella sua identità di Jarlson; si vestiva semplicemente come un essere umano contemporaneo e portava gli occhiali.[42]

Dominio in declino

Thor si fece crescere la barba per nascondere le terribili cicatrici rimaste sul suo viso a causa delle ferite inflitte dalla dea della morte asgardiana Hela. La dea in seguito guarì le cicatrici sul suo viso e Thor tornò liscio. Dopo la scomparsa di Odino durante la battaglia contro Surtur, il popolo di Asgard desiderava rendere Thor, l'erede designato di Odino, il loro nuovo sovrano. Non disposto a rinunciare alla sua tutela della Terra ed alla sua vita avventurosa, almeno non ancora, Thor declinò l'offerta e nominò Balder il coraggioso come sovrano di Asgard. Balder regnò fino a quando Odino tornò e rivendicò il trono.[100]

Eric Masterson

Per un certo periodo, Thor venne fuso con l'umano Eric Masterson, un architetto che incontrò per la prima volta Thor come Jarlson. I due uomini vennero fusi nel corpo di Thor per salvare Eric da morte certa.[101] Dopo che Loki tentò di uccidere Susan Austin, la donna che si occupava del figlio di Eric, Thor divenne furioso e uccise Loki. Come punizione fu esiliato dalla Terra e Eric Masterson ricevette il potere del Dio del Tuono per continuare nel ruolo di Thor.[102] Alla fine, dopo la ricomparsa di Loki, Eric riuscì a trovare Thor, nascosto all'interno del subconscio di Eric, e lo salvò dall'esilio.[103]

Eric si era dimostrato un eroe, e Odino lo ricompensò con la mazza incantata Thunderstrike. Utilizzando Thunderstrike come arma, Eric continuò a servire come eroe sulla Terra fino a quando morì eroicamente dopo aver combattuto il Dio della Morte egiziano Seth. Thor era addolorato per Eric, che era diventato un caro amico su Midgard.[104][105]

Crisi di identità

Odino e Thor appresero che il costante spostamento di identità e condivisione del potere che Odino aveva incoraggiato aveva fatto impazzire Thor, caratterizzato dall'apparizione di un Valchiria che era una manifestazione fisica della follia di Thor. Con l'assistenza degli Infinity Watch, Thanos e del Dottor Strange, Thor riacquistò la sanità mentale e Odino arrivò a rendersi conto dell'errore che aveva fatto.[106]

Onslaught

Thor scomparve combattendo Onslaught e finì sulla nuova Contro-Terra creata da Franklin Richards.[107] Tutti i supereroi, incluso Thor, poi tornarono a casa su Terra-616.[108]

Jake Olson

Dopo che un paramedico di nome Jake Olson rimase ucciso durante una battaglia tra i Vendicatori e il Distruttore, Marnot, un servitore di Odino, diede a Thor la forma di Olson come nuova identità. Sebbene Thor potesse assumere la forma di Olson, non aveva alcun ricordo di lui, e quindi trovò che questa identità gli creava problemi. Incontrò anche Jane Foster mentre era in questa identità, e si riaccesero brevi scintille passionali tra di loro.[30]

Guerra Oscura

Ancora una volta tentando di contrastare Ragnarok, Odino cercò di ingannare l'albero di cenere del mondo Yggdrasill nel credere che Ragnarok fosse già successo. Per fare ciò, gli Asgardiani dovettero essere trasformati in mortali in modo da non essere riconosciuti come dei. Odino sperava che Thor avrebbe riportato gli Asgardiani alla normalità, ma Seth accidentalmente attivò prematuramente il piano. Quando Thor tornò sulla Terra dopo l'Evento Onslaught, gli Asgardiani riuscirono a riguadagnare la propria identità ma furono poi catturati dagli Dei Oscuri. Alla fine, Thor salvò il suo popolo dagli Dei Oscuri con l'aiuto di Ercole e del Distruttore.[109]

Re Thor

Thor contro Iron Man

Durante un periodo in cui Thor fu ferito e aveva bisogno di riprendersi, Odino lo separò da Olson temporaneamente, in modo che potesse riprendersi correttamente mentre "Jake" assisteva alla sua vita.[110] Questa temporanea separazione durò molto più a lungo del previsto. Dopo che Odino cadde in battaglia contro Surtur, Asgard rimase senza sovrano. Thor alla fine accettò con riluttanza il trono e assunse la Forza Odino di suo padre, diventando molto più potente. Senza l'influenza di "Jake Olson", l'incarnazione della sua connessione con l'umanità, Thor divenne più distante e meno empatico nei confronti delle esigenze dell'uomo. Decise di riportare gli dei di Asgard al loro antico posto sulla Terra come esseri da adorare, fondendo la Terra con Asgard per raggiungere questo scopo.[111]

L' attività di Thor sulla Terra provocò una rinascita di seguaci per gli Asgardiani e presto emerse una Chiesa di Thor. La volontà di Thor di combattere per la vita dei suoi seguaci alla fine lo spinse contro i suoi compagni Vendicatori quando tentò di rovesciare il governo di Slokovia. [112]

Thor ascende

I cittadini della Terra divennero sempre più cauti nei confronti di Thor e il Consorzio delle Nazioni alla fine lanciò un assalto ad Asgard riducendola in macerie. Nel disastro che seguì, un Thor arrabbiato perse un braccio combattendo contro gli umani e uccise l'altro sé, Jake Olson, trovandosi non più degno di Mjolnir.[113]

Da quel momento in poi, Thor si dedicò alla conquista della Terra per portare ordine all'umanità; governò il pianeta per quasi duecento anni. A quel tempo, sposò l'Incantatrice e gli diede un figlio, Magni. Alla fine Thor si rese conto di aver sbagliato e di aver usato un dispositivo creato da Zarrko per viaggiare indietro nel tempo e prevenire la distruzione di Asgard. Riemerse come il suo io più giovane con Jake Olson, per assicurarsi che l'umanità di Olson avrebbe impedito che il suo futuro si verificasse in quella linea temporale.[114]

Ragnarok Finale

Thor Vol 2 81 Textless.jpg

Ritornando nel suo regno Asgard, Thor dovette affrontare l'ennesima minaccia di Ragnarok quando Loki si unì a Surtur usando armi create dalla stessa fucina in cui era stato costruito Mjolnir.[15] Determinando che gli dei sopra tutti gli dei noti come Dei degli Dei avevano manipolato Asgard nel ciclo ripetitivo di Ragnarok, li cercò e diede la sua vita (e quella della realtà della sua dimensioni) per distruggerli. la Forza Odino, dopo essersi manifestata come un giovane asgardiano, si congratulò con Thor per la sua vittoria finale lasciandolo riposare, e tutto ciò che rimase di loro erano ricordi di Midgard.[115]

Il ritorno di Thor

Thor rinato

Mjolnir tornò sulla Terra, atterrando in un campo deserto e liberando inavvertitamente il Dottor Destino dalla sua prigione extra-dimensionale. Donald Blake reclamò il martello, tornando dall'oblio dopo la morte di Odino e la rottura dell'incantesimo che mise in crisi la sua esistenza. Nel frattempo, un clone di Thor, nome in codice "Project Lightning" venne rilasciato durante una battaglia tra pro ed anti registrazione eroi. Con lo shock di entrambe le parti, il clone uccise Bill Foster durante i combattimenti.[116]

Tornando dal "vuoto" Blake convinse Thor di aver terminato il ciclo Ragnarok e che se fosse tornato sulla terra, avrebbe potuto ricostruire Asgard e riportare indietro i suoi amici e alleati asgardiani. Informandolo che poteva riuscire in ciò solo "con grande dolore", Thor fu attaccato da un'orda di creature. Donald Blake avvisò Thor che se doveva vivere di nuovo, avrebbe dovuto "voler" vivere di nuovo. Attraverso l'orda, Thor vide Mjolnir e lo raggiunse. Afferrandolo, un grande lampo lo colpì, allontanando l'orda da lui. E Thor si alzò di nuovo, rinato in un nuovo costume.[117]

Thor usò Mjolnir per ricreare la capitale di Asgard in Oklahoma. Poco dopo, Iron Man incontrò Thor a New Orleans. Lo salutò come amico, ma hli spiegò che non poteva semplicemente apparire e ricreare Asgard sulla Terra. Thor disse a Stark che sapeva del clone che usava e di quanto in basso fosse caduto per condurre la guerra contro altri eroi, molti dei quali considerati amici di famiglia. Alla ricerca di un compromesso, Stark ipotizzò che Asgard potesse essere considerata un'ambasciata straniera, con l'immunità diplomatica concessa ai suoi abitanti. Thor lo ritenne accettabile.[118]

Thor, il Signore di Asgard

Poco dopo il suo ritorno, Thor trovò il primo degli Asgardiani perduti, Heimdall, e lo riportò alla sua vera forma. In Africa, Thor riportò i Tre Guerrieri alle loro vere forme. Più tardi, Thor tentò di liberare diversi Asgardiani catturati che erano ancora intrappolati in forma mortale dal Distruttore. Liberò inconsapevolmente Loki, rinato come una donna, che stava lavorando con il Dottor Destino per permettere a Thor di liberarlo dalla sua forma mortale. Sebbene Thor abbia riportato indietro con successo la maggior parte degli Asgardiani, non tentò nemmeno di trovare suo padre. Durante il Sonno di Odino, Thor ebbe una visione in cui scoprì che inconsciamente non lo cercava perché desiderava essere libero da suo padre e che Odino combatteva un eterno ciclo di battaglie con Surtur, morendo e rinascendo ogni giorno, tra vita e morte.[119]

Invasione Segreta

Durante l'invasione degli Skrull, gli alieni estrassero Beta Ray Bill dal limbo in cui era stato intrappolato in modo da permettere ad un Super-Skrull di impugnare il suo mistico martello Stormbreaker. Balder e Beta Ray Bill comandarono gli dei contro le truppe di Skrull. Thor recuperò Stormbreaker e fece crollare tutta la stessa Asgard sopra allo Skrull.[120] Poco dopo volò a New York e si unì alle forze riunite di quasi cento altri supereroi per respingere l'attacco Skrull. Lì, Thor fu costretto a sacrificare un compagno Vendicatore, Wasp, quando gli Skrull la trasformarono in un'arma biologica di ultima istanza che avrebbe distrutto il pianeta.[121]

Nonno risorto

Loki viaggiò nel passato, assicurandosi che Bor, padre di Odino e primo re di Asgard, morisse in battaglia contro i Giganti di Ghiaccio. Tornando ai giorni presenti, Loki rianimò Bor a New York e gli fece un incantesimo per fargli scambiare tutto ciò che lo circondava per un nemico in modo da attaccare qualsiasi cosa vedesse, incluso Thor. Sentendo una parte del Potere di Odino all'interno di quello che vide come un demone, Bor attaccò Thor, tentando di vendicare suo figlio morto. Thor fu costretto a uccidere Bor, temendo che l'intero pianeta venisse distrutto a seguito della loro battaglia. Loki ricordò a Balder che Bor risuscitato era tecnicamente re di Asgard quando Thor lo uccise e la punizione per aver ucciso un re era il bando da Asgard. Dopo l'esilio di Thor, Loki prese accordi per far sì che tutti gli Asgardiani, ma non la stessa Asgard, si trasferissero in Latveria su invito del Dottor Destino.[122]

Prometeo Latveriano

Con Mjolnir gravemente danneggiato dalla sua battaglia con il nonno rianimato, Thor fu isolato da tutto tranne che dal suo stesso alter ego. Loki rivelò che il suo corpo femminile era stato pensato per Sif e che il trasferimento dalla sua forma femminile alla sua forma maschile avrebbe probabilmente ucciso l'ospite di Sif. Dopo aver cercato l'aiuto del Dottor Strange per curare Mjolnir sacrificando la parte della Forza di Odino, Thor riuscì a salvare Sif liberando il suo spirito. Loki tornò alla sua forma maschile. Dedussero che Loki e Destino stavano lavorando insieme e affrontarono Destino, Loki e i loro fratelli. Alla fine, Destino fu teletrasportato via da Loki. Balder dichiarò che gli Asgardiani stavano tornando ad Asgard.[123]

Thor contro Sentry

Assedio

Durante l'Assedio di Asgard, Thor si precipitò in aiuto della sua terra contro Norman Osborn e i suoi Vendicatori Oscuri. Osborn ordinò a Sentry di distruggere Asgard davanti agli occhi inorriditi di Thor. Sentry, poi posseduta da Void, continuò a colpire gli eroi fino a quando Loki non utilizzò le Pietre delle Parche per potenziarli. Rendendosi conto che il potere degli eroi proveniva da Loki, Void lo attaccò. I tentativi di Loki di difendersi non ebbero successo, e si scusò con Thor prima di morire. Spronati dalla rabbia, Thor e gli altri attaccarono Void inutilmente, fino a quando Tony Stark lanciò un Helicarrier H.A.M.M.E.R al loro avversario a tutta velocità, trasformandolo nella sua forma umana di Rob Reynolds, che pregò Thor di ucciderlo. Lui si rifiutò, dicendo che avrebbe pagato per i suoi crimini in prigione e si preparò ad arrestarlo, ma Robert si trasformò involontariamente di nuovo in Void. Lasciato senza altra scelta, Thor lo colpì con un tuono, lasciando solo uno scheletro carbonizzato. Thor quindi avvolse il suo mantello attorno al cadavere di Sentry e lo eliminò gettandolo nel sole.[124] [125]

Balder revocò l'esilio di Thor e lo nominò Consigliere. Da allora Thor si unì nuovamente ai Vendicatori.[126]

La rinascita di Loki e il risveglio di Odino

Dopo gli eventi di Assedio, Asgard cadde in rovina a causa delle azioni di Loki, ma comunque Thor pianse per lui. Dopo aver combattuto contro il Dísir e aver salvato Hel, Thor chiese a Hela di parlare con Loki per dirgli che suo padre non abitava in Hel. In parte del suo accordo per concedere un pezzo dell'Inferno per i morti, Loki si era fatto scrivere dai libri di Hel, il che significa che la sua anima era là fuori, vulnerabile al Disir. Thor si rifiutò di crederci, sapendo che il suo fratellastro stava pianificando qualcos'altro.[127]

Thor incontra il rinato Loki

Asgard fu ricostruita e Thor divenne più malinconico e rattristato. Contro i desideri di tutti, Thor andò a cercare Loki e lo trovò a Parigi, rinato in un ragazzino senza ricordi del suo passato o della sua identità. Viveva come un vagabondo di nome "Serrure" (francese per "serratura"). Dopo aver inseguito il ragazzo, Thor gli rivelò di essere suo fratello e un dio, e che nonostante avesse causato tantissimi danni in passato, Thor non poteva immaginare la vita senza di lui e voleva portarlo a casa. Sebbene Serrure fosse riluttante a credere a Thor, il ragazzo ammise infine di non ricordare nulla del suo passato e che persino il suo nome era falso. Piangendo, Serrure disse a Thor che aveva degli incubi in cui aveva fatto cose orribili e che aveva paura che quelli fossero i suoi ricordi. Thor suggerì a Loki di pensare alla sua amnesia come a un "dono". Convinto, Serrure afferrò Mjolnir e tornò in Loki, sebbene impotente, senza i suoi ricordi, e ancora giovane.[128]

Quando i Mangiamondi invasero i Nove Regni, Thor riportò in vita Odino, con grande esasperazione di quest'ultimo che urlò a Loki, definendolo un assassino e un abominio responsabile della caduta di Asgard, spaventando il ragazzo. Thor si arrabbiò con suo padre e lo definì un "uomo orribile e non amabile" per aver urlato contro un bambino che era proprio il ragazzo che Odino aveva cresciuto. Il Padre Onnipotente, a sua volta, disse con rabbia a Thor che avrebbe tutto con lui e Loki morti, ma che "non poteva sopportare la quiete". Nel frattempo, Loki aveva rubato l'auto del Dr. Solvang e fu catturato da Iron Man. Anche se il ragazzo cercò di scusarsi, Stark stava per attaccarlo, ma Thor disse al suo compagno di fermarsi, ammettendo che aveva effettivamente riportato indietro il dio del male e questo era tutto quello che c'era da dire sul suo fratellino.

Anche se Loki non ricordava le sue azioni passate, gli Asgardiani lo odiavano e lo disprezzavano, maltrattandolo senza pietà e persino tentando di ucciderlo. L'unico che lo proteggeva era Thor, dicendo a suo fratello che le cose sarebbero andate meglio e che la fiducia sarebbe arrivata con affetto. Di conseguenza, Loki arrivò a idolatrare e ad amare profondamente suo fratello maggiore, facendo tutto il possibile per aiutarlo e cercando di diventare una persona migliore di quanto non fosse nella sua vita precedente.[128]

Thor combatte contro il Serpente

Paura Stessa

Qualche tempo dopo, Sin sollevò uno strano martello in Antartide e fu trasformato in Skadi. Liberato quindi l'enigmatico Serpente, che affermò di essere il vero Padre di Asgard. Sentendo questo, Odino si ritirò da Midgard. Thor obiettò e così fu sconfitto nella sottomissione da Odino.[129] Odino ricreò Asgard come un mondo di guerra, con l'intenzione di razziare Midgard e sconfiggere il Serpente ancora una volta. Dopo essere fuggito con l'aiuto di Loki, Thor fu bandito di nuovo a Midgard, anche se non prima che Mjolnir tornasse da lui.[130] Dopo un breve riunione con i Vendicatori, Thor partì per l'Antartide, dove il Serpente aveva ricreato la sua terribile cittadella; qui affrontò il Serpente ma fu inviato a New York, dove incontrò Nul e Angrir, due dei Valorosi del Serpente. Dopo aver sconfitto Angrir impalando il suo corpo con Mjolnir, Thor dovette fermarsi davanti a Nul; affermando che non c'era modo di sconfiggere il suo avversario, rimosse semplicemente Nul dalla battaglia facendolo esplodere nella parte superiore atmosfera. I Vendicatori portarono lo sfinito Thor ad Asgard, dove fu guarito e gli fu data la Spada di Odino, chiamata Ragnarok,[130] per uccidere il Serpente. Grazie a quest'arma, Thor fu in grado di uccidere l'avversario, che prese la forma di un serpente gigante per poi morire, adempiendo alla profezia.[130]

Il Potente Tanarus

Il cadavere di Thor fu sepolto ad Asgard. Mentre il suo corpo bruciava, una forma fu improvvisamente vista nel fuoco e dalle fiamme nacque Tanarus, il Dio del Tuono dalle labbra rumorose e chiassose, sia nuovo eroe che Vendicatore di lunga data. Accolto dai suoi compagni di squadra, solo Loki sembrava notare che Tanarus non era sempre stato presente. Allo stesso tempo, lo spirito di Thor si svegliò e Donald Blake fu separato da lui.[131]

Si ritrovò su un'arca divina, di fronte al mostro mangia Dii Demogorge. Loki non fu influenzato dall'incantesimo che cambiò i ricordi di tutti, e cercò di trovare un modo per resuscitare Thor, chiedendo aiuto a Silver Surfer e contattando Blake. Prendendo il suo bastone, lo trasformò di nuovo in Mjolnir, che tornò a Thor, e restaurò tutti i suoi ricordi. Fu in grado di fuggire dall'aldilà e lottare per Asgardia da un'invasione di troll e riuscì a smascherare Ulik trasformato in Tanarus.[132]

Gorr il Macellatore di Dei

Dopo aver scoperto i cadaveri di divinità perdute da tempo, Thor si rese conto che Gorr il Macellaio di Dei era ancora vivo e iniziò a dargli la caccia.[76] Durante la sua ricerca per impedire a Gorr di uccidere ogni divinità, Thor si ritrovò in un lontano futuro, dove incontrò se stesso più anziano. Con l'aiuto di questo io futuro e un io passato che Gorr aveva reso schiavo, Thor riuscì a fermare Gorr dall'attivare una bomba che avrebbe ucciso ogni dio in ogni tempo e spazio.[133]

Maledetto

Non molto tempo dopo, Thor venne a sapere che il suo vecchio amore Jane Foster aveva il cancro.[134] Inoltre affrontò un Malekith di ritorno, che era partito per uccidere tutti gli Elfi Oscuri che non lo avrebbero seguito.[135] L'Odinson si trovò di fronte alla Roxxon in uno scontro che lasciò la città di Broxton in rovina. Mentre il resto degli Asgardiani lasciava la Terra, Thor rimase e trasferì il suo intero castello da Asgardia a Broxton in modo che i residenti della città avessero un posto dove vivere.[136]

Non più degno

Dopo aver trovato il cadavere dell'Osservatore sulla Luna, Thor radunò i suoi compagni eroi per indagare sull'omicidio.[137] Quando furono tutti esposti ai segreti contenuto nei bulbi oculari di Uatu, Thor apprese l'esistenza di un segreto Decimo Regno, che era stato in guerra con Asgard eoni fa. Qui risiedeva la sua sorella segreta perduta da tempo.[138] Thor interruppe le indagini sulla morte di Uatu per esplorare questo decimo regno con l'aiuto di Loki, con conseguente ritorno di Odino dall'autoesilio per riconoscere sua figlia, Angela, e per fermare il conflitto scatenato dall'arrivo di Thor e Loki.[138] Durante un successivo confronto con l'assassino di Uatu, Nick Fury, [139] Thor fu reso inabile quando Fury usò la conoscenza che aveva acquisito dall'Osservatore per confermare la convinzione nascosta ed esitante di Odinson che Gorr il Macellaio di Dei aveva ragione sul fatto che gli dei fossero egoisti e non si preoccupassero dei mortali. Ciò fece perdere a Thor la fiducia nella sua divinità e di conseguenza la sua capacità di brandire Mjolnir.[140]

Indegno Thor

Thor cadde nella disperazione per la perdita della sua dignità. Inoltre perse il braccio contro Malekith in battaglia,[141] e fu sostituito con un braccio protesico nero di Uru.[142] Mjolnir finì nelle mani di Jane Foster,[143] e lei divenne il nuovo misterioso possessore dell'arma di Thor.[144] Thor inizialmente entrò in conflitto con Jane finché non accettò amaramente che il martello non era più suo. Credendosi indegno del proprio nome, Thor lo passò al suo successore come se fosse un mantello, e decise di andare solo come Odinoson.[142] Quando tentò di indagare sull'atterraggio del Mjolnir di un universo morto sulle rovine dell'Antica Asgard,[145] Odino fu catturato dal Collezionista.[11] Trascorse mesi in cattività fino a quando non riuscì finalmente a fuggire con l'aiuto di Beta Ray Bill.[146] Con il martello, finalmente a portata di mano,[147] Odinson decise di lasciar perdere, dopo aver fatto i conti con la perdita della sua arma originale.[140]

Durante gli eventi dell'Impero Segreto, Odinson viene reclutato da un Steve Rogers alternativo per unirsi ai Vendicatori dell'Hydra, poiché gli era stata promessa una possibilità di salvare Jane, oltre a ripristinare la connessione di Midgard con Asgardia.[148] Tuttavia, Odinson alla fine viene deluso dai metodi di Hydra e consentì alla Resistenza di fuggire durante all'attacco dei Vendicatori al Monte.[149] Alla fine, Odinson disertò dai Vendicatori di Hydra durante l'attacco a Washington, DC, aiutando la Resistenza nei loro sforzi per sconfiggere l'Hydra e riportare gli Stati Uniti alla normalità.[150]

Odinson tornò ad Asgardia non molto tempo dopo e Jane gli confessò di essere il nuovo Thor.[151] Quando la forma umana di Jane iniziò a soccombere al cancro, Odinson la convinse a lasciare andare Mjolnir per ricevere cure, poiché ogni volta che si trasformava in Thor, ogni progresso della chemioterapia si perdeva quando tornava alla sua forma umana.[152] Sfortunatamente, Mangog riemerse e attaccò Asgardia. Odinson rimase al fianco di suo padre ma non riuscirono a fermare la creatura.[143] Odinson aiutò Thor a combattere il mostro mentre la sua gente evacuava Asgardia. Per porre fine a Mangog, Thor lo legò al martello con una catena indistruttibile e li scagliò contro il Sole. Poiché questa azione provocò la distruzione di Mjolnir, Jane tornò alla sua fragile forma umana ed perì a causa del suo cancro.[143] Non volendo lasciarla andare, Odinson tentò di incanalare il Dio della Tempesta per usare il suo potere per rianimarla. Odino si unì alla sua impresa poiché aveva visto l'esitazione nell'anima di Jane alle porte del Valhalla, e riuscirono a riportarla indietro. Con la distruzione di Mjolnir e la sua incapacità di continuare come Thor, Jane convinse Odinson a ribellarsi e reclamare il suo nome e la sua identità.[153]

Guerra dei Regni

In preparazione per conquistare l'ultimo regno in piedi nella Guerra dei Regni, Malekith intrappolò Thor a Jotunheim prima di mobilitare le sue truppe a Midgard.[154] Gli eroi della Terra hanno prepararono una contro-offensiva, e come parte dei loro sforzi, Freyja inviò una squadra di eroi per recuperare Thor dalla Terra dei Giganti.[155] Una volta tornato a Midgard, Thor guidò gli ultimi sforzi per respingere le forze di invasori mentre cercava di trovare Malekith, che aveva rapito Freyja e Odino.

Odino dichiara Thor il Padre Onnipotente

Malekith sfidò Thor a combatterlo a Stonehenge, dove aveva eretto una barriera magica che avrebbe ucciso i suoi genitori se fosse passato qualcuno oltre a Thor. Per trovare un modo per superare la sfida di Malekith, Thor si inchiodò a Yggdrasil, che aveva messo radici nel Sole.[156] Dopo aver sacrificato il suo occhio sinistro e gli ultimi frammenti di Mjolnir in suo possesso, Thor pensò di reclutare il suo io più vecchio e più giovane con il quale aveva sconfitto Gorr il Macellaio di Dei. A loro si unì Jane Foster, temporaneamente restituita alla sua forma di Thor dal ricostituito martello del Thor da Guerra. Durante la battaglia contro Malekith, che si era potenziato con il simbionte Venom, il Dio della Tempesta si manifestò nel Sole e Thor gli ordinò dalla Terra di riforgiare Mjolnir. Il martello si è lanciò davanti a Thor e riuscì a sollevarlo, essendo diventato di nuovo degno dopo aver realizzato che la sua lotta per diventare degno in sé era ciò che lo rendeva degno. Thor usò il suo martello restituito per sferrare il colpo finale che sconfisse Malekith. Per essersi dimostrato determinante nella sconfitta di Malekith e nel salvataggio di Midgard, Odino si dimise da Padre Onnipotente degli Asgardiani e nominò Thor come il nuovo Padre Onnipotente.

Battaglia dell'Inverno Nero

Araldo del Tuono

Pochi mesi dopo la sua incoronazione, Thor iniziò a sentirsi insoddisfatto di essere il re di Asgard, perdendo i suoi giorni di gloria come eroe; con Sif e Loki che prendevano atto del suo desiderio di sottrarsi ai suoi doveri e che Mjolnir stava diventando più pesante. La malinconia di Thor fu interrotta quando un Galactus gravemente ferito si schiantò su Asgard. Thor inizialmente attaccò il Divoratore di Mondi, ma gli fu detto che avrebbe dovuto affrontare una minaccia molto più grande: l'arrivo dell'Inverno Nero.[25]

Riunendo gli ex araldi di Galactus, Thor fu informato da Silver Surfer che l'Inverno Nero aveva distrutto la sesta iterazione dell'universo, e se Galactus sarebbe stato abbastanza potente da opporvisi, avrebbe dovuto consumare cinque pianeti speciali. Thor preparò una flotta per evacuare quei pianeti in preparazione per Galactus che li avrebbe divorati, ma fu fermato dal Divoratore di Mondi che gli disse che l'Inverno Nero gli aveva mostrato che Thor sarebbe stato la sua morte. Affermando che avrebbe tenuto d'occhio Thor da quel momento in poi, Galactus lo impregnò del Potere Cosmico e lo trasformò in un Araldo.[25] Thor guidò Galactus sui cinque pianeti , provocando una schermaglia con Beta-Ray Bill che portò alla distruzione di Stormbreaker,[157] ma quando arrivarono sul pianeta finale l'Inverno Nero li attaccò. Infuriato dal fatto che Galactus avesse divorato il pianeta senza dargli il tempo di evacuare i suoi residenti, Thor gli promise una resa dei conti dopo che l'Inverno Nero sarebbe stato affrontato.[158]

Confrontando l'Inverno Nero, Thor fu costretto a confrontarsi con le ombre dei suoi più grandi nemici, ma riuscì a respingerlo; apprendendo dall'Entità Astratta che Galactus era in effetti il suo araldo e aveva mentito a Thor nella speranza di evitare di essere costretto a servirlo.[159] Furioso, Thor spogliò Galactus del potere che aveva acquisito dal divorare i cinque pianeti. Quando Galactus cercò di attaccarlo, Thor lo prosciugò del Potere Cosmico - lasciandogli un guscio essiccato - e poi usò il Divoratore di Mondi morto come una bomba per distruggere l'Inverno Nero.[160]

Preda

Traumatizzato da una visione della sua possibile morte per mano di Thanos, Thor si ritirò nella sua sala del trono e trascorse i mesi successivi affogando i suoi dolori in abbondanti quantità di alcol, rompendo il suo silenzio solo quando confortato da Silver Surfer.[161] Decidendo di vedere cosa c'era di sbagliato in Mjolnir, Thor lo lasciò cadere a Broxton per confermare la sua teoria che tutti fossero degni di impugnarlo. Thor si scusò anche con Bill per la loro lotta e la distruzione di Stormbreaker, e lo nominò suo consigliere e gli offrì una nuova arma divina dall'armeria di Asgard. Una volta che la sua teoria fu dimostrata corretta,[162] Thor reclamò Mjolnir e cercò risposte su come riparare il suo incantesimo scambiando di posto con Il dottor Donald Blake. Una volta all'interno del mondo illusorio in cui Blake era stato collocato, Thor fu inorridito nello scoprire che Blake era impazzito ed era deciso a distruggere tutto ciò che Odino aveva creato; intrappolare Thor nel mondo illusorio e poi scatenarsi in una serie di omicidi ad Asgard.[163]

Mentre Blake bandì molti degli alleati di Thor nella Dimensione di Sangue e attaccò coloro che portavano il potere di Thor, Thor rimase intrappolato nel mondo illusorio di Blake. Quando Blake iniziò ad abbattere Yggdrasil con Jarnbjorn, Thor ne ebbe abbastanza e chiamò i corvi Munin e Hugin e chiese loro aiuto. Thor sapeva che mentre non poteva lasciare fisicamente il mondo di Blake, poteva separare il suo spirito dal suo corpo e andarsene in quel modo con l'aiuto dei suoi corvi. Avendo bisogno di una nave in cui mettere il suo spirito, Thor scelse l'armatura del distruttore e affrontò uno scioccato Blake.[164]

Con l'aiuto dei suoi alleati, Thor sconfisse Blake. Odino stava per porre fine a Blake, ma fu fermato da Thor quando gli fu consegnato un pezzo del bastone da passeggio rotto di Blake e lo usò per tornare dal regno di Blake. Thor decise di risparmiare la vita di Blake poiché lo considerava suo fratello, ma lo punì colpendolo con un fulmine. Thor quindi permise a Loki di occuparsi di Blake.[165]

Trono scosso

Thor arrivò in ritardo per combattere Knull, e sebbene fosse riuscito a strappare la mascella inferiore dell'oscuro antico dio con un colpo a tutta potenza da Mjolnir, venne sopraffatto e impalato da All-Black. Thor mandò Hugin e Munin a trovare Silver Surfer. Thor rimase scioccato quando Eddie Brock, potenziato dal Dio della Luce, invocò Mjolnir e la tavola da surf di Silver Surfer, fondendoli in un'ascia dorata a forma di emblema del ragno di Venom. Una volta sconfitto Knull, Thor reclamò Mjolnir e tornò ad Asgard.[166]

Quando la Forza Fenice arrivò sulla Terra per reclamare un nuovo ospite, affermò che Odino e Gea avevano mentito sui suoi genitori e che la Fenice - attraverso Firehair - era la madre naturale di Thor.[167] Tornato ad Asgard, Thor divenne sempre più depresso e capriccioso. Incapace di controllare Mjolnir, che iniziò ad agire di propria iniziativa per attaccare coloro che percepiva come una minaccia, incluso lo stesso Thor, Thor decise di lasciarlo alla Montagna dei Vendicatori. Lamentando la sua immortalità, Thor rivelò a Capitan America che il motivo per cui non poteva più controllare Mjolnir era perché ora era il re di Asgard piuttosto che il suo capo guerriero. Dichiarando la sua intenzione di essere l'ultimo re di Asgard, Thor lasciò Mjolnir nella Montagna dei Vendicatori per tenerlo al sicuro finché non fosse riuscito a trovare un altro degno di essere l'avanguardia di Asgard.[168] Mentre discuteva dei suoi problemi con Jane Foster, Thor fu convocato a Vanaheim dove vi trovò Angela e Freyja, che si era reinventata come il Dea della Caccia, per sistemare le cose con Odino.[169] Angela minacciò di far valere il suo diritto di primogenitura con Odino e Freyja se Thor non avesse fatto riportare l'ordine ad Asgard e riparare la sua relazione con Odino, ma Freyja intervenne prima che potesse scoppiare una lotta e disse ad Angela di portare Odino a casa. Scusandosi, Freyja rivelò di essere consapevole che Thor era il figlio della Fenice, ma le era stato ordinato di mantenerlo segreto, ma ribadì di vedere Thor come suo figlio con Thor che affermò che era ancora sua madre. Quando Freyja chiese informazioni sulla durezza del suo regno, Thor le disse che le sue azioni erano un male necessario per garantire la sicurezza di Asgard per sempre, dichiarando la sua intenzione di essere l'ultimo monarca di Asgard. Il tentativo di Freyja di rassicurarlo fu interrotto da Capitan America, che chiamò Thor per informarlo che qualcuno aveva rubato Mjolnir dalla Montagna dei Vendicatori.[170] Consultando il Libro dei Re, Thor apprese che il ladro di Mjolnir era stato registrato come il Dio dei Martelli e fu predetto che avrebbe posto fine al suo regno e rovinato Asgard. Thor rintracciò Odino in un'arena di gladiatori chiamata Mano Nera di Dio, chiedendo il suo aiuto per trovare Mjolnir prima che cadesse nelle mani sbagliate. Odino portò Thor a Nidavellir con l'intenzione di far seguire ai nani Mjolnir, solo per scoprire che il Dio dei Martelli era arrivato lì per primo e aveva usato Mjolnir per compiere un genocidio contro i nani.[171]

Thor rintracciò il Dio dei Martelli sulla Terra e scoprì che la città di Broxton era stata distrutta. Infuriato, Thor chiamò a sé Mjolnir, ma questo lo attaccò e manifestò un avatar umanoide femminile fatto di fulmini. Presentandosi come il Dio dei Martelli, Mjolnir, o più precisamente, il Dio Tempesta, rivelò che le era stata concessa una voce dopo essersi fusa con Mangog mentre si trovava all'interno del Sole, e si stava scatenando perché Thor aveva abbandonato il suo ruolo di guerriero. Thor lottò per combattere Mjolnir mentre lei devastò lui e i suoi amici e chiese aiuto a sua madre. Gea, rivelandosi ancora una volta come la madre naturale di Thor, gli concesse i suoi poteri. Odino fece lo stesso e diede potere a Thor con l'ultimo della Forza di Odino, anche se a costo della sua vita.[172]

L'infuriato Thor usò il Bifrost per teletrasportare il Dio dei Martelli nella fucina di Nidavellir dove fu creato Mjolnir, e poi usò il Potere del Padre Onnipotente per accendere la fucina con il calore di un miliardo di soli. Prendendo Mjolnir dal Dio dei Martelli, Thor usò il calore della fucina e il Potere del Padre Onnipotente per bruciare gli incantesimi di Odino e l'essenza corrotta del Dio Tempesta dal martello, frantumandolo nel frattempo.[173]

Poteri

I poteri, le capacità e il livello di forza di Thor possono variare a causa di un ampio grado di licenza artistica impiegata da vari scrittori e artisti di fumetti. Di seguito è riportato un ampio elenco di poteri e talenti che Thor ha mostrato nelle sue oltre cinque decadi di apparizioni.

Thor, Asgardiano Dio del Tuono

Odino, il Padre di Tutti di Asgard, disse a Jord (Gea la Madre Terra) di Midgard: "Cerco un erede i cui poteri superino Asgard."

  • Fisiologia ibrida Asgardiano/Elder God:Biologicamente mezzo asgardiano da parte di suo padre e mezzo-elder God da parte di sua madre; Thor possiede una serie di attributi sovrumani comuni tra gli Asgardiani e altri dei. Tuttavia, alcuni sono notevolmente più sviluppati di quelli della stragrande maggioranza della sua razza, tra cui la sua forza, resistenza e robustezza.
File:Thor Lifts the Midgard Serpent Thor 327 GB.jpg

Thor solleva il Serpente Midgard

  • Forza da Deo: Oltre ad essere il Dio del Tuono, Thor è anche il Dio asgardiano della forza, in quanto tale è fisicamente il più forte di loro e si dice che sia in grado di sollevare 100 tonnellate. Thor ha mostrato molte prodezze di forza nel corso degli anni e sconfitto o combattuto fino a fermare molte delle creature più potenti del mondo tra cui il Serpente di Midgard, Hulk,[97] Silver Surfer,[174] Namor, Abominio,[175], la Bi-Bestia, Hulk Rosso, Colosso,[176] il Gladiatore[177] e Ercole.[178]. Thor ha anche dimostrato di essere in grado di ammaccare lo Scudo di Capitan America[179] e di spezzare i cavi in ​​lega di adamantio.[180] Ha rimorchiato un'idrobase nel Porto di New York[181] e ha tenuto il George Washington Bridge abbastanza a lungo per consentire alla Damage Control di riparare il danno.[182]
  • Intelligenza oltre la media: Thor ha una grande intelligenza e conserva anche le conoscenze mediche di Donald Blake.
  • Velocità sovrumana: Thor può muoversi più velocemente di qualsiasi essere umano a piedi e può raggiungere Mach 32 quando viaggia lanciando il suo Mjolnir.
  • Resistenza da Deo: La muscolatura avanzata di Thor è più che efficiente di quella di un umano e della maggior parte degli altri Asgardiani. L'uso della Cintura della Forza raddoppia anche la sua resistenza a livelli incalcolabili.[183] Nello stato di Follia del Guerriero, anche la resistenza di Thor aumenta di dieci volte.[184]
  • Robustezza sovrumana: Thor è stato in grado di resistere al potere di molti degli esseri più forti dell'universo incluso l'Asgardiano Distruttore,[185], diverse esplosioni di Odino,[186] e persino a esplosioni dei Celestiali.[67]
  • Agilità e riflessi sovrumani
  • Vasta manipolazione energetica: Thor ha la capacità di manipolare grandi quantità di energia, usando Mjolnir può incanalare l'energia della tempesta in esplosioni così potenti da poter distruggere l'Adamantio. Può anche incanalare le sue energie divine attraverso Mjolnir, creando raggi abbastanza potenti da uccidere anche gli immortali.
    • Controllo del meteo: Thor ha la capacità di controllare gli elementi delle tempeste, sia con che senza Mjolnir.
  • Longevità sovrumana: È un'idea comune errata che Thor e gli altri dei di Asgard siano veramente immortali; in verità invecchiano ma a un ritmo così lento che agli altri esseri appaiono immortali. Le Mele d'Oro di Idunn aumentano ancora di più la loro longevità.
  • Invulnerabilità: Essere un Dio la cui eredità è sia metà asgardiana che metà Elder God offre a Thor l'invulnerabilità virtuale e l'immunità a qualsiasi disturbo umano come malattie, tossine e veleni Ha anche mostrato immunità per avvelenamento da piombo e radiazioni,[187] e ha un'immunità al caldo estremo e alle temperature sotto lo zero.[188][189]
  • 'Tessuti corporei sovrumani:' Come tutti gli asgardiani, la pelle, i muscoli e le ossa di Thor sono circa tre volte più densi di quelle umane, contribuendo alla sua forza e alla sua robustezza.
  • Sensi sovrumani: I sensi sovrumani di Thor gli permettono di vedere oggetti fino al limite del Sistema Solare,[61] gli permettono di seguire gli oggetti che viaggiano più velocemente della luce,[190] e sentire le grida dall'altra parte del pianeta.[42]
  • Fattore di guarigione rapido: Thor non è invulnerabile a tutti i danni ed è possibile ferirlo, ma grazie alla sua fisiologia asgardiana, è in grado di guarire dalla maggior parte delle lesioni molto più velocemente di quanto un essere umano possa fare.
  • 'Super-Respiro:' Thor può usare il suo respiro per creare venti di uragano.[191]
  • Volo: Thor ha mostrato la possibilità di volare[192] e levitare[193] senza il suo martello.
  • Allspeak: Grazie ad Allspeak, Thor può comunicare in tutte le lingue dei Nove Regni, nei dialetti della Terra e in varie lingue aliene. [194][128][195]

Abilità

'Mastro combattente:' Addestrato nelle arti della guerra, Thor è un guerriero altamente qualificato, esperto in combattenti disarmati, e abile con la maggior parte delle armi asgardiane. Thor ha abbastanza abilità per combattere contro nemici con esperienza millenaria come Ercole.

Immunità alla telepatia: Thor ha la capacità di resistere all'influenza mentale di esseri potenti. Ha resistito all'attacco mentale dei Rigelliani,[196] la musica magica di Ares, un attacco mentale di Glory,[197] a un tentativo di Morgana le Fay di dominare la sua mente, al potere dell'occhio di Horus, e all'esplosione mentale dell'Uomo Bestia.[95]

Immunità diplomatica: Dopo la sua rinascita, Thor usò Mjolnir per ricreare Asgard sulla Terra in Oklahoma. A quel tempo, Iron Man era a capo dello S.H.I.E.L.D. e affrontò il Dio per aver portato Asgard nel territorio degli Stati Uniti. Dopo che Thor sconfisse Iron Man, Stark suggerì che Asgard fosse trattata come un'ambasciata straniera e con i privilegi privilegi diplomatici che essa portava, a cui Thor accettò.[198]

Livello forza

Adam Warlock ha dichiarato di considerare Thor come uno degli esseri fisicamente più forti dell'universo.[199] È stato dichiarato di essere in grado di sollevare fino a 100 tonnellate.

Debolezze

Follia del Guerriero: La Follia del Guerriero,[200] è la malattia più proibita ad Asgard secondo la legge di Odino. Chiunque cada sotto di essa deve pagare la pena; solo il sacrificio più amaro può espiarla.[200] La "Follia del Guerriero" consente a Thor di aumentare la sua forza e resistenza di dieci volte.[201] Nonostante ciò, minaccia la sanità mentale di Thor; tra i sintomi vi sono collera, forti mal di testa, comportamento mentalmente irregolare, selvaggio, animalesco, incontrollabile e irragionevole.

Equipaggiamento

Megingjord: Una cintura magica indossata dal Dio del Tuono che raddoppia la sua forza e resistenza.[183] La cintura è alimentata dalla Forza Odino e può aumenta anche la potenza di Mjolnir. Quando Odino la alimentò con una grande quantità di Forza Odino, la cintura aumentò così tanto la forza di Thor che fu in grado di eliminare un clone di Thanos potenziato.[202] Protesi del braccio del Distruttore: Thor usa un braccio preso dal Distruttore per sostituire il suo braccio sinistro mancante.[156]

Trasporti

'The Odinship:' Conosciuta anche come Cosmo-Craft, una nave spaziale costruita da Odino che può raggiungere tutto l'Universo e la Fine dei tempi.[203] La nave è alimentata dalla Forza Odino[200] ed è così potente che nessun asteroide, nessun pianeta o nessuna forza naturale può fermare il suo cammino, a parte Galactus.[204]

  • Occhio di Odino: Un grande schermo ovale installato nell'Odinship che guida Thor attraverso il cosmo. Può comandarlo con il pensiero e può rivelare i segreti dell'universo.[200]

Armi

Il martello da guerra asgardiano Mjolnir: Mjolnir è l'arma simbolica di Thor, un martello forgiato dal metallo Uru, le cui proprietà principali sono la durabilità, la capacità di mantenere l'incantesimo e assorbire le energie. Mjolnir ricorda più un martello a manico corto che un tradizionale martello da guerra. Lo stesso Mjolnir è estremamente resistente, e combinato con i vari incantesimi posti su di esso da Odino, è ancora più durevole. È sopravvissuto al calore estremo come il cuore del Sole ed è abbastanza potente da distruggere i pianeti.

  • Incantesimo di dignità: Questo incantesimo che circonda Mjolnir, gli impedisce di essere utilizzato da chiunque, salvo coloro che ne sono stati dimostrati degni. Finora, tra loro vi sono Thor, Red Norvell, Beta Ray Bill e Capitann America. Chiunque non sia degno non riuscirà né a sollevare il Mjolnir da terra né a strapparlo dalla presa di Thor. Coloro che sono considerati degni sono in grado di esercitare i poteri di Thor. Capitan America ha affermato"Non ho mai esercitato un potere così illimitato prima!"[205] "È quasi inebriante!"[206] Tuttavia, dopo che Nick Fury gli svelò un segreto nascosto, perse la sua abilità nel maneggiare Mjolnir.[139]
  • Trasformazione: Quando Thor viveva sulla Terra sotto una maschera mortale, poteva usare Mjolnir per trasformare il suo personaggio di Donald Blake in Thor e viceversa. Questa abilità venne persa quando l'incantesimo fu trasferito nel martello di Beta Ray Bill, Stormbreaker. Più tardi, Odino separò definitivamente le due persone.
  • Collegamento mistico: Mjolnir obbedisce ai comandi di Thor come se fosse vivo, e se la volontà di Thor è abbastanza forte, il martello può attraversare quasi ogni barriera per raggiungerlo; Mjolnir tornerà persino a Thor mentre si trova nel suo personaggio mortale Jake Olson.[207] Mjolnir può anche tramutare Thor nelle sue vesti civili. Quando Thor è un civile, il martello molto spesso diventa un vecchio bastone di legno. Mentre assume il suo aspetto mortale, Thor rimarrebbe in questa forma per sempre se fosse separato da Mjolnir per più di 60 secondi.[208]
  • Controllo del meteo: Maneggiare Mjolnir garantisce a Thor la possibilità di controllare gli elementi di una tempesta, ovvero pioggia, vento, tuoni, ghiaccio, neve e altro.
  • Volo: Thor è in grado di scagliare Mjolnir con grande forza e, trattenendo il cinturino di cuoio, può volare in aria a velocità tremende. Mentre si trova in un'atmosfera simile alla Terra, Thor generalmente vola a Mach 32. Può anche librarsi a mezz'aria dai venti di Tempesta.[209]
  • God Blast: Thor è in grado di incanalare diverse quantità delle sue energie divine in combinazione con le proprietà mistiche di Mjolnir. Questa energia può essere incanalata attraverso il suo martello per un unico enorme raggio di energia noto come God Blast che è in grado di uccidere anche gli immortali.[210] Thor ha canalizzato questa energia in Mjolnir per distruggere lil potente Celeste Exitar; il martello andò in frantumi dalla quantità di potere incanalata da Thor. God Blast è così immensamente potente e distruttiva che si è dimostrato in grado di causare un così grande danno ad un Galactus affamato che è stato costretto a fuggire per sopravvivere.[211]
  • Anti-Forza: Thor è in grado di produrre un'esplosione indescrivibilmente potente nota come Anti-Forza in grado di annientare interi pianeti.[212]
  • Assorbimento e reindirizzamento dell'energia: Thor è in grado di usare Mjolnir per assorbire esplosioni di energia dirette verso di lui come mezzo di attacco. Una volta assorbita l'energia, può reindirizzarla indietro amplificata verso la fonte. Thor ha usato Mjolnir per assorbire le esplosioni cosmiche di Silver Surfer,[174] la Tempesta Cosmica di Sky-Walker,[213] energia radioattiva,[181] e magnetismo [178]. Mjolnir è persino riuscito a rimandare indietro l'energia della Null Bomb, creata per distruggere tutta la vita nella Galassia Nera, la cui esplosione è stata dimostrata abbastanza potente da riaccendere un sole morente.[214] Ha anche assorbito energie mistiche, come la fiamma mistica di Plutone.[215]
  • Manipolazione dello spettro elettromagnetico: Thor è stato in grado di assorbire e manipolare le energie elettromagnetiche della Nave madre celeste.[216]
  • Energia cosmica: Mjolnir consente a Thor di produrre e controllare l'energia cosmica a un limite sconosciuto per una varietà di scopi.[217]
  • Rilevatore di energia: Mjolnir è in grado di rilevare praticamente tutti i tipi di energia.[218] Reagisce particolarmente forte all'energia psichica malvagia,[219] e l'energia soprannaturale.[220] Mjolnir può anche rintracciare il modello energetico di qualcuno che si nasconde,[187] qualsiasi aura degli Asgardiani dalla scarica di elettroni,[93] e rilevare e tracciare l'energia che si irradia dagli oggetti mistici.[221]
  • Teletrasporto: Afferrando Mjolnir per il cinturino di cuoio e agitandolo rapidamente, Thor può canalizzare le energie allo scopo di aprire dei portali di teletrasporto attraverso un vortice[98] permettendo a lui e agli altri di attraversarlo istantaneamente verso le loro destinazioni.[222] Può aprire portali che gli permettono di attraversare luoghi indipendentemente dalla distanza in pochi istanti o addirittura attraverso intere dimensioni, come quando viaggia da Asgard alla Terra e viceversa.[223] Thor ha usato Mjolnir per inviare Surtur e Yimir alla dimensione della morte[224] e per inviare un'intera popolazione al Limbo.[225]
  • Il tradizionale elmetto che Thor indossa gli è stato regalato quando era adolescente dal Padre di Tutti Odino.[226]
  • Thor preferisce il latte al caffè.[227]
  • Thor si è classificato al 14° posto tra i 100 migliori eroi dei fumetti di IGN nel 2011.
  • Thor si è anche classificato al 1° posto nei "I 50 migliori Vendicatori".
  • Captain Marvel (Carol Danvers) è stata in grado di sconfiggere Thor, nonostante esso fosse più potente di lei.
  • Il Thor della DC in realtà precede il Thor della Silver Age della Marvel.

http://it.virtualarena.wikia.com/wiki/Thor%7CThor Odinson (Terra-616) su Wikipedia.org]]

Scopri e Discuti

Note a piè di pagina

  1. Thor 249
  2. Thor 125
  3. Marvel Universe 13
  4. Venom 46
  5. Hulk e i Difensori
  6. Hulk Vol 2 #6
  7. Gwenpool Strikes Back #3
  8. Avengers
  9. Avengers Vol 8 #28
  10. 10,0 10,1 Avengers 123
  11. 11,0 11,1 Thor 220
  12. Mighty Thor Vol 2 #15
  13. 13,0 13,1 13,2 13,3 Mitico Thor 1
  14. 14,0 14,1 14,2 Thor & Hercules: Encyclopaedia Mythologica #1
  15. 15,0 15,1 15,2 15,3 Thor 72
  16. Empyre #6
  17. Avengers Vol 8 #54
  18. Marvel Miniserie 245
  19. King in Black #3
  20. Journey into Mystery #83
  21. Mitico Thor 19
  22. Journey into Mystery #115
  23. 23,0 23,1 23,2 Thor .1
  24. 24,0 24,1 24,2 Thor #620.1
  25. 25,0 25,1 25,2 25,3 Thor 254
  26. Thor Vol 6 #1
  27. Thor (PlayPress) 25
  28. 28,0 28,1 28,2 SilverSurfer (PlayPress) 25
  29. 29,0 29,1 29,2 29,3 29,4 Thor #379
  30. 30,0 30,1 30,2 Thor 2
  31. Thor 260
  32. Thor Vol 6 #7
  33. Thor 119
  34. Thor Ages of Thunder #1
  35. 35,0 35,1 Play Book 6
  36. Avengers 136
  37. Avengers Vol 8 #43
  38. 38,0 38,1 Thor 25
  39. Thor Vol 2 #27
  40. 40,0 40,1 SilverSurfer (PlayPress) 36
  41. Thor #297
  42. 42,0 42,1 42,2 42,3 Silver Surfer (Play Press) 5
  43. 43,0 43,1 Thor Vol 2 #80
  44. Avengers 137
  45. Avengers Vol 8 #44
  46. 46,0 46,1 Marvel Collection 291
  47. Valkyrie: Jane Foster #8
  48. Iron Man 27
  49. 49,0 49,1 Avengers 135
  50. Avengers Vol 8 #42
  51. Thor 50
  52. Thor Annual #7
  53. Marvel Miniserie 237
  54. Empyre #2
  55. Silver Surfer (Play Press) 25
  56. Silver Surfer (Play Press) 22
  57. Thor (Corno) 45
  58. Marvel: The Lost Generation #5
  59. Thor Vol 6 #22
  60. Thor 43
  61. 61,0 61,1 61,2 61,3 Thor (Corno) 1
  62. Thor: Asgard's Avenger #1
  63. Official Handbook of the Marvel Universe Vol 2 #6
  64. Labor 2
  65. Mitico Thor 58
  66. [[Mitico Thor 5 ]]
  67. 67,0 67,1 67,2 Speciale Thor 1
  68. Silver Surfer (Play Press) 34
  69. Molte storie sulla nascita di Mjolnir si contraddicono a vicenda. Altri documenti mostrano Odino che maneggiava Mjolnir molto prima ancora che Thor nascesse
  70. Thor 78
  71. 71,0 71,1 Thor (Corno) 10
  72. Thor (Corno) 35
  73. Silver Surfer (Play Press) 36
  74. Mitico Thor 82
  75. Thor (PlayPress) 50
  76. 76,0 76,1 Thor 171
  77. Thor 172
  78. Thor 174
  79. Thor 175
  80. Thor 177
  81. Thor 178-180
  82. Thor Vol 5 #14
  83. La Guerra dei Regni #6
  84. Incredibili Avengers 6
  85. Thor 212
  86. Thor 253
  87. Marvel Geeks 28
  88. 88,0 88,1 Venus #12
  89. Venus #13
  90. 90,0 90,1 90,2 Thor (Corno) 58
  91. Thor (Corno) 6
  92. Thor (Corno) 8
  93. 93,0 93,1 Thor (Corno) 11
  94. Thor (Corno) 17
  95. 95,0 95,1 Thor (Corno) 34
  96. Thor (Corno) 5
  97. 97,0 97,1 Thor (Corno) 13
  98. 98,0 98,1 Thor (Corno) 24
  99. Thor (Corno) 197
  100. Thor (PlayPress 13)
  101. Thor (PlayPress 43)
  102. Thor (PlayPress 57)
  103. Capitan America & Thor 11
  104. Thunderstrike #24
  105. Thor (Play Press) 33
  106. Capitan America & Thor 15
  107. Marvel Crossover 21
  108. Marvel Mega 13
  109. Thor 8-10
  110. Thor 37
  111. Thor 47
  112. Evento Standoff
  113. Thor 63
  114. Thor 64
  115. Thor 73
  116. Marvel Miniserie 79
  117. Thor 110
  118. Thor 112
  119. Marvel Graphic Novels 14
  120. Marvel Crossover 58
  121. Marvel Miniserie 100
  122. Thor 128
  123. Thor 137-139
  124. Marvel Miniserie 111
  125. Iron Man e i potenti Vendicatori 34
  126. Iron Man e i potenti Vendicatori 35
  127. Thor 144
  128. 128,0 128,1 128,2 Thor 149
  129. Marvel Miniserie 119
  130. 130,0 130,1 130,2 Marvel Miniserie 121
  131. Thor 160
  132. Thor 164
  133. Thor 172-Thor 180
  134. Thor 180
  135. Thor 180-Thor 185
  136. Thor 187-Thor 192
  137. Marvel Miniserie 152
  138. 138,0 138,1 Marvel World 28
  139. 139,0 139,1 Marvel Miniserie 155
  140. 140,0 140,1 Thor 223
  141. Thor 194
  142. 142,0 142,1 Thor 197
  143. 143,0 143,1 143,2 Thor 232
  144. Thor Vol 4 #1
  145. Thor 219
  146. Thor 221
  147. Thor 222
  148. Marvel Miniserie 192
  149. Marvel Miniserie 194
  150. Marvel Miniserie 197
  151. Thor 224
  152. Thor 231
  153. Thor 233
  154. Marvel Miniserie 222
  155. Marvel Miniserie 223
  156. 156,0 156,1 Marvel Miniserie 224
  157. Thor 256
  158. Thor 257
  159. Thor 258
  160. Thor 259
  161. Thor 259
  162. Thor 260-Thor 261
  163. Thor 262
  164. Thor 263-Thor 266
  165. Thor Vol 6 #14
  166. Marvel Miniserie 245-246
  167. Avengers 135-136
  168. Thor 268
  169. Thor 269
  170. Thor 270
  171. Thor 272
  172. Thor 273-274
  173. Thor Vol 6 #23
  174. 174,0 174,1 Incredibile Devil 6
  175. Thor (Corno) 78
  176. Incredibili X-Men 284
  177. Thor 33
  178. 178,0 178,1 Thor (PlayPress) 31
  179. Thor 56
  180. Thor (PlayPress) 54
  181. 181,0 181,1 For Fans Only 6
  182. Settimanale de l'Uomo Ragno 35
  183. 183,0 183,1 Thor (Corno) 3
  184. Silver Surfer (Marvel Italia) 9
  185. Thor 114
  186. Thor (Corno) 158
  187. 187,0 187,1 Thor (Corno) 22
  188. 100% Marvel Max # 12
  189. Hulk e i Difensori 19
  190. Silver Surfer (Play Press) 1
  191. Thor (Corno) 2
  192. Thor (Corno) 63
  193. Wiz 55
  194. Silver Surfer (Play Press) 26
  195. Thor 62
  196. Thor (Corno) 30
  197. Marvel Crossover 72
  198. Thor 111
  199. Capitan America & Thor 13
  200. 200,0 200,1 200,2 200,3 Thor (Corno) 66
  201. Capitan America & Thor 34
  202. Thor 23
  203. Thor (Corno) 65
  204. Thor (Corno) 67
  205. Thor (PlayPress) 33
  206. Thor (Corno) 9
  207. Thor 3
  208. Thor (Corno) 4
  209. Thor (Corno) 23
  210. Thor (PlayPress) 32
  211. Thor (Corno) 60
  212. Thor 10
  213. Thor (PlayPress) 51
  214. Thor (PlayPress) 43
  215. Thor (Corno) 133
  216. Thor (PlayPress) 22
  217. Thor (Corno) 12
  218. Capitan America & Thor 17
  219. Thor (PlayPress) 48
  220. Thor (Corno) 19
  221. Thor (Corno) 20
  222. Uomo Ragno (Corno2) 2
  223. Thor (Corno) 16
  224. Thor (PlayPress) 53
  225. Thor (Corno) 97
  226. Thor (Corno) 135
  227. Incredibili Avengers 1
  228. Template:Cl



Ti piace? Facci sapere!

]]

Advertisement